Home / Ambiente / Porta a porta: il 26 ottobre si comincia!
PAP

Porta a porta: il 26 ottobre si comincia!

Il 26 ottobre 2015, su tutto il territorio guastallese, si estenderà ufficialmente la raccolta porta a porta delle frazioni organica e secca dei rifiuti domestici. L’Amministrazione comunale, insieme a Sabar (l’azienda che gestisce i rifiuti nel territorio dell’Unione dei Comuni Bassa Reggiana), ha organizzato delle assemblee in ogni frazione e in centro storico per informare i cittadini in merito alle novità che comporterà tale raccolta. Siamo stati ad un paio di queste assemblee,  e vogliamo fare alcune considerazioni.

Un aspetto positivo è sicuramente la grande partecipazione dei cittadini: a San Martino si è dovuto cambiare sala, a Pieve l’aula delle scuole elementari che ospitava l’assemblea era strapiena, e tanti cittadini sono dovuti tornare a casa per mancanza di spazio (per questo è stata programmata una seconda assemblea, venerdì 9 ottobre alle 21). I prossimi appuntamenti saranno a San Giacomo (lunedì 12 ottobre) e in Sala Civica (lunedì 19 ottobre).

Nel poco tempo a disposizione il relatore di Sabar ha spiegato i motivi per i quali a Guastalla si è scelto (finalmente!) di passare alla raccolta porta a porta.

Dispiace però che durante le serate siano prevalse motivazioni di opportunità (il posto per i rifiuti in discarica si sta esaurendo) e soprattutto economiche: il succo del discorso è che se impariamo a differenziare correttamente ora, quando la discarica di Sabar chiuderà (tra un anno e mezzo al massimo), avremo meno rifiuti da mandare all’inceneritore di Parma e quindi pagheremo meno in termini di costi di smaltimento. Un discorso che sembra non ammettere alternative all’inceneritore, senza alcun accenno all’enorme impatto negativo che l’incenerimento dei rifiuti indifferenziati ha avuto e sta avendo tuttora per il nostro ambiente e per la nostra salute.

L’alternativa esiste, si chiama strategia rifiuti zero!

L’11 novembre 2013, Guastalla 5 Stelle aveva presentato un ordine del giorno per far aderire Guastalla alla strategia rifiuti zero; una legge europea obbligherà infatti a ridurre i rifiuti ad un livello prossimo allo zero entro il 2020; il comitato “Rifiuti zero” si era quindi attivato su tutto il territorio italiano per raccogliere firme per la proposta di legge popolare, un punto di partenza per vietare gradualmente lo smaltimento nelle discariche e per abolire progressivamente l’incenerimento dei rifiuti.

Con questo ODG il comune di Guastalla ha dichiarato di aderire alla strategia “Rifiuti zero” e di non accettare nessun tipo di combustione di rifiuti come processo di smaltimento (incenerimento, pirolisi, gassificazione, pirogassificazione) né come processo di produzione di energia elettrica da rifiuti e da biomassa (combustione di frazione organica di rifiuti di biomassa e di biogas tranne l’energia prodotta da combustione anaerobica.)

Pochi giorni fa siamo stati a Parma, Comune che ha ospitato il “dream team Zero Waste”, in tour nel nostro Paese per informare e condividere esperienze riguardo appunto alla strategia Rifiuti Zero.

Paul Connett (co-fondatore della strategia rifiuti 0), Richard Antony (presidente della Zero Waste International Alliance), Ruth Abbe (presidente di Zero Waste USA), Charles Moore (Scienzato e scopritore del Continente di Plastica, un enorme isola di spazzatura nel mezzo dell’oceano pacifico che si estende per qualche milione di km quadrati) e Tom Wright (esperto di imballaggi ecosostenibili) ci hanno dato una bella iniezione di fiducia e di speranza per il futuro: se da una parte ci hanno fatto capire che c’è ancora molto da fare, dall’altra ci hanno dimostrato che sempre più Amministrazioni Comunali nel mondo stanno dimostrando sempre più sensibilità verso un problema, quello appunto dei rifiuti, che rischia di distruggere l’ambiente in cui viviamo se non svoltiamo subito tutti insieme nella stessa direzione: quella del riciclo, del riutilizzo e dell’educazione ambientale ; In Italia sono 217 i Comuni che hanno adottato la strategia “Rifiuti zero”, tra i quali spiccano, per numero di abitanti, Parma, Carrara e La Spezia. Negli Stati Uniti d’America sempre più città importanti stanno diventando a “rifiuti 0”: a San Francisco (800.000 abitanti), Oakland, San Josè, Sacramento (e l’elenco potrebbe andare avanti…!) si sono accodate recentemente megalopoli del calibro di Los Angeles e New York; e se a Los Angeles sono arrivati in pochi mesi al 62% di raccolta differenziata e a New York, in pochi giorni, più di 200.000 abitazioni sono state raggiunte dalla raccolta domiciliare della frazione organica (che tra pochi mesi si estenderà all’intera isola di Manhattan), siamo sempre più ottimisti che a Guastalla e negli altri Comuni della Bassa Reggiana (e speriamo in tutta Italia) la raccolta pap possa funzionare, con l’auspicio che sia solamente un punto di partenza per arrivare a spegnere gli inceneritori!

Chiediamo quindi ai cittadini guastallesi di collaborare per dimostrare che teniamo all’ambiente che ci circonda e alla nostra salute, di fare un piccolo ma necessario sforzo per noi stessi e soprattutto per le generazioni che erediteranno un mondo già fin troppo compromesso da anni di devastazione ambientale, soprattutto per colpa di scelte irresponsabili di chi ci ha governato negli ultimi anni!

Un commento

  1. PIENAMENTE D’ACCORDO SUL PORTA A PORTA E RIFIUTI ZERO MA, SOLO SE LA RACCOLTA VIENE FATTA TUTTE LE MATTINE. NON 2 VOLTE/SETTIMANA. TENERE RIFIUTI PUZZOLENTI IN CUCINA QUALI UMIDO E DOMESTICI E’ IN PRIMIS ANTI-IGIENICO E OLTREMODO ANTI-ESTETICO. CHI HA PRESO QUESTA DECISIONE NN HA PENSATO CHE C’E’ ANCHE CHI .. IL BALCONE IN CUCINA NN CE L’HA .. E SPESSO .. IL BALCONE NN C’E’ IN NESSUNA STANZA?
    NON OSO PENSARE A QUEST’ESTATE .. LA PUZZA CHE FARANNO IN CASA QUESTI RIFIUTI.
    QUALCUNO HA PENSATO AI PANNOLINI DEI NEONATI IN CASA PER GIORNI O AL CIBO UMIDO IN DECOMPOSIZIONE?
    IO PER LAVORO MI TRASFERISCO A REGGIO IL LUNEDI E TORNO IL VENERDI SERA… MI E’ QUINDI IMPOSSIBILE.. ESPORRE I RIFIUTI NEI GIORNI DI RACCOLTA… DEVO PORTARMI I RIFIUTI A REGGIO.
    A REGGIO LA RACCOLTA PORTA A PORTA VIENE FATTA PER PLASTICA VETRO CARTA E POTATURE X I RIFIUTI
    DOMESTICI E L’UMIDO CI SONO GLI APPOSITI CONTENITORI. COM’E’ LOGICO CHE SIA.
    IO CHE VIVO DA SOLA X GUASTALLA PAGO 135,00 EURO X REGGIO EURO 90,81.
    BELLA STORIA… NON AGGIUNGO ULTERIORI COMMENTI… MA NN SE NE PUO’ PIU’

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.