Home / Sedute Consiliari / Commissioni Consiliari / Resoconto del Consiglio Comunale del 18/02/2015: finalmente il Diritto di Iniziativa nero su bianco nello Statuto Comunale, grazie a Guastalla 5 Stelle.
consiglio-comunale

Resoconto del Consiglio Comunale del 18/02/2015: finalmente il Diritto di Iniziativa nero su bianco nello Statuto Comunale, grazie a Guastalla 5 Stelle.

Come anticipato nel nostro articolo di presentazione alla prima seduta 2015 del Consiglio Comunale, si è trattata di una vera è propria pioggia di interrogazioni e mozioni dai gruppi consiliari di minoranza. 13 punti all’ordine del giorno, ma in realtà 10 al netto dei primi tre punti canonici. Di questi 10, 4 totali presentati dal Movimento 5 Stelle: 2 interrogazioni e 2 mozioni.

 Le due interrogazioni seguono il principio in base al quale il Consiglio debba porre una verifica periodica dell’attuazione delle linee programmatiche da parte del Sindaco e della Giunta.

 La prima Interrogazione presentata dal Gruppo chiedeva risposte alle seguenti domande:

1)   il quadro attuale degli incarichi e della posizione organizzativa del Settore Finanza e Personale e come la Giunta abbia inteso risolvere l’anomalia che definiamo preoccupante data la  contingenza rispetto ai bilanci di previsione e rendiconto;

2)   se è stata prevista una time list per Rendiconto 2014 e Bilancio di Previsione 2015 e in caso affermativo di indicarne/comunicarne le date;

3)   se in sede di Bilancio di Previsione 2015 vi è l’intenzione da parte della Giunta di destinare una quota di bilancio su progetti  specifici proposti dai cittadini o da sottoporre ai cittadini su iniziativa dell’Amministrazione.  Su questo ultimo punto il Gruppo Consiliare Guastalla 5 Stelle offre da subito la propria disponibilità a discuterne in Commissione Comunicazione Trasparenza e Partecipazione avendo conoscenza per tempo dell’eventuale quota di bilancio messa a disposizione di tale finalità.

La prima domanda nasce dal fatto che a fine 2014 l’ex Responsabile Settore Finanze e Personale del Comune di Guastalla  è passato in organico presso il Comune di Soliera all’Ufficio di Ragioneria- Economato, lasciando di fatto  vacante la fondamentale posizione organizzativa ( quella che redige il bilancio comunale. per capirci ). Il Sindaco informa che con delibera di giunta di fine gennaio è stato siglato un accordo per il quale l’ex responsabile rimarrà a disposizione del nostro Comune fino al 31 marzo e che nel contempo verrà affiancato dell’attuale analogo responsabile del Comune di Boretto per tamponare la situazione.

Sulla seconda domanda si assicura che il Preventivo 2015 verrà approvato entro il 31 marzo e il rendiconto 2014 confermato entro il 30 aprile.

La terza domanda è quella per noi politicamente più significativa: Bilancio Partecipato.

Giusto ricordare che i colleghi di Guastalla Bene Comune sul loro blog in agosto 2014 dichiaravano “Per il futuro si dovranno riattivare al più presto quei processi di partecipazione come il ‘Bilancio Partecipato’, già utilizzato dal centro sinistra nei primi anni 2000, e metodi di comunicazione e interazione con i cittadini più semplici” . Purtroppo dalla risposta del Sindaco apprendiamo che il tema del Bilancio Partecipato  non è d’interesse di questa maggioranza, ritenendo che il loro metodo di dialogo con la cittadinanza sia sufficiente a intercettarne i bisogni. Prendiamo atto che un altro strumento di partecipazione sbandierato in campagna elettorale viene prontamente rimesso nel cassetto.

 La seconda  Interrogazione presentata dal Gruppo chiedeva risposte alle seguenti domande:

1)   il quadro attuale sull’estensione del porta a porta alla frazione di Pieve;

2)   sempre parlando della frazione di Pieve, se  allo stato attuale sono previsti interventi sulla strada di Via Pieve ormai terra di nessuno, nonostante il notevole passaggio di macchine anche per la presenza di asili, scuole, banche e oratorio;

3)   se  allo stato attuale in tema di riorganizzazione stradale e sicurezza dei cittadini ci sono aggiornamenti sulla soluzione delle seguenti problematiche:

a)    per la frazione di Tagliata:  ciclabile di raccordo con San Giorgio e messa in sicurezza del camminamento per recarsi alla stazione ferroviaria

b)   per la Frazione di San Girolamo: ciclabile di raccordo con San Martino

 c)    per la Frazione di San Rocco: messa in sicurezza del raccordo tra Via Sacco e Vanzetti e Via Ponte Pietra Superiore.

Anche qui una precisazione: nella Relazione Previsionale e Programmatica 2014 – 2016, nella Presentazione del Sindaco a pagina 2 si annunciava che   “.. punto qualificante sarà l’estensione del porta a porta alla frazione di Pieve dall’inizio del 2015 e questo comporterà un lavoro di preparazione che si concretizzerà già nei prossimi mesi” e nella sezione LAVORI PUBBLICI E PATRIMONIO a pagina 41 tra le finalità da conseguire si annuncia la “predisposizione ed attuazione di progetti per la riorganizzazione degli ambiti stradali nei centri urbani finalizzato a migliorare la sicurezza dei cittadini, anche a seguito delle modifiche imposte dal sisma, e per individuare nuovi spazi per la sosta, aumentare la sicurezza, abbattere le barriere architettoniche”.

Bene, il porta a porta viene rimandato sommariamente al prossimo autunno perché, pare, si sta lavorando all’estensione su tutto il territorio comunale, e soprattutto per ragioni di bilancio, nessuno degli interventi elencati per le frazioni di Pieve, Tagliata, San Girolamo e San Rocco è ad oggi attuabile. Su Pieve la giunta si impegna a fissare incontri per discutere di progettualità future. Su Tagliata a breve dovrebbe essere predisposto un nuovo sistema di semafori per migliorare la sicurezza del traffico su ruote. Anche in questo caso la verifica dell’attuazione delle linee programmatiche è decisamente desolante.

 E’ poi il momento sulla Mozione avente ad oggetto: Tetto ai compensi dei manager nelle società partecipate e/o quotate del Comune di Guastalla a partire da Iren Spa. Mozione votata all’unanimità e che prevede l’impegno da parte del Sindaco, in qualità di componente dell’Assemblea soci di Iren, di stabilire criteri più equi nei compensi dei manager.

Ultima mozione è la Modifica Statuto Comunale presentata dal Consigliere Corradini Francesco del gruppo consiliare Movimento 5 Stelle. Ricorderete che nel  il Consiglio di novembre 2014 la nostra mozione per una assemblea pubblica ah hoc con la cittadinanza venne, tra le altre cose, rispedita la mittente perchè alle minoranze in democrazia spetta il mero controllo (balle). Qui potete cliccare e ascoltare gli interventi audio del Sindaco, del Consigliere Crema di Guastalla Bene Comune e quello di Corradini . La maggioranza nel frattempo si è ravveduta sul tema, come ha dimostrato   lo sforzo del Presidente Berni e quello del Gruppo Guastalla Bene Comune a presentare uno spunto critico per una scelta condivisa della proposta di modifica in sede di Commissione Affari Istituzionali , al pari di quanto accaduto durante la Commissione Comunicazione Trasparenza e Partecipazione dibattendo sulla nostra proposta presentata sul regolamento delle riprese audio video e streaming del consiglio comunale.

Lo Statuto al comma 1 dell’art. 20 verrà integrato con la seguente nuova formulazione del capoverso: “ I Consiglieri hanno diritto di iniziativa su ogni questione di competenza del Consiglio”, rimarcando che non esistono discriminanti nelle esercizio delle proprie funzioni tra consiglieri di maggioranza o di minoranza. Mozione votata all’unanimità.

E già che ci siamo apriamo una parentesi sull’intenso lavoro delle due commissioni consiliari Trasparenza-Comunicazione e Affari Istituzionali: è sufficiente controllare le convocazioni delle due commissioni per capire come l’azione del Gruppo Guastalla 5 Stelle, attraverso la proposta di modifica dell Statuto appena approvata e con la proposta presentata sul regolamento delle riprese audio video e streaming del consiglio comunale, abbia dettato l’agenda dei lavori di Commissioni e Consiglio cercando anche di recuperare il tempo perso e portare finalmente a realtà  lo streaming dei Consigli Comunali. Questo è quello che ci siamo ripromessi di fare come portavoce e cittadini eletti. Presto sottoporremo nuove proposte a Commissioni e Consiglio, specie a quella dedicata all’Ambiente che è stata convocata in extremis per la prima volta dall’inizio della legislatura una settimana prima di questo consiglio.

Sulle interrogazioni sull’emergenza neve da parte di Per Guastalla ci dissociamo dai toni ( non ha funzionato nulla, dicono) : si può sempre fare meglio ma tutto sommato crediamo che comune protezione civile pompieri croce rossa e tutti i soggetti coinvolti abbiano svolto un buon lavoro e a loro va il nostro ringraziamento. Per Guastalla ha presentato altre interrogazioni sulla questione polizia municipale. In sostanza si sono ripetuti i dibattiti precedenti senza elementi nuovi.

Infine, dopo aver saltato il consiglio di gennaio, l’unico documento presentato da  GBC è una mozione per approvare il testo promulgato dalla provincia di Reggio all’indomani dell’indagine AEmilia . Votato all’unanimità per l’impegno richiesto alle amministrazioni di lotta alla mafia, anche se dire che l’inchiesta è una vittoria delle istituzioni pare essere un può fuori dalla realtà.

Guastalla 5 Stelle.

 

Un commento

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.