Home / Alza la voce / Guastalla: a che punto è l’accessibilità dell’Istituto Russell?
russell

Guastalla: a che punto è l’accessibilità dell’Istituto Russell?

A tre anni di distanza, la mamma di una ragazza con disabilità che attualmente frequenta la 5° classe dell’Istituto Russell di Guastalla, ha inviato una lettera agli organi di stampa per fare il punto sulla situazione “accessibilità” dell’ultimo plesso scolastico costruito.

Noi della lista Guastalla 5 Stelle avevamo sostenuto sul blog questa  iniziativa, poiché la nostra prima mozione, approvata dall’attuale amministrazione e che riguardava la situazione dell’intero paese, si intitolava “Accessibilità, mobilità e sensibilizzazione”. Alcuni lavori a Guastalla sono stati fatti e molti sono ancora da fare! Il nostro impegno in questa direzione continua tuttora!

Riportiamo la lettera della mamma Pizzi Elisa e di seguito la risposta del Dirigente scolastico (appresa tramite la Gazzetta di Reggio).

Buongiorno,

Vorrei aggiornarVi sulla situazione iniziata tre anni fa riguardo i problemi di accessibilità del nuovo plesso scolastico superiore dell’Istituto Russell di Guastalla; situazione comunicata alla Provincia di Reggio Emilia in febbraio 2011  e la cui notizia è stata riportata dai media.

Il Centro Criba (che ha sede a Reggio Emilia e che offre la propria consulenza professionale gratuita ad enti pubblici e soggetti privati sui problemi legati alle barriere architettoniche ed accessibilità) al quale allora avevo richiesto un parere di accessibilità, ha fatto nel mese di marzo 2014 un ulteriore sopralluogo per fare il punto della situazione sui lavori fatti e da ultimare.

A tutt’oggi, è stato rilevato che i lavori esterni di accessibilità sono stati eseguiti (parcheggi auto riservati coperti, cancellino di accesso, e porte di entrata automatizzate), mentre i lavori interni delle scale rimangono ancora da fare. Inoltre i bagni rispettano lo spazio minino per legge ma sarebbe consigliato un bagno più grande.

Sono a conoscenza che vi è stata molta collaborazione da tutte le parti (Provincia, progettista, dirigente e personale scolastico, Centro Criba) e per questo li ringrazio.

Vi scrivo perché mia figlia con disabilità ormai è all’ultimo anno di scuola superiore e spero vivamente che queste cose non succedano più, auspicando che tutte le Istituzioni comunali, provinciali e regionali possano sempre lavorare in sinergia con i Cittadini ed i Centri competenti come il Centro Regionale CRIBA per poter abbattere qualsiasi barriera fisica ma soprattutto mentale permettendo alle persone con disabilità una totale inclusione sociale.

Perché quando i luoghi di accesso al pubblico sono inaccessibili o poco necessitando un accompagnatore, è un po’ come vivere in “semilibertà”!

Vi ringrazio e saluto cordialmente.

Elisa Pizzi mamma di una ragazza con disabilità

 

La risposta del Dirigente scolastico dell’Istituto Russell Prof.ssa Spaggiari Lalla:

“Una quindicina di giorni fa è stato effettuato un sopralluogo dal Centro Criba.  E’ chiaro che in pochi giorni non si possono risolvere i problemi dei bagni che, tuttavia,  sono stati costruiti a norma di legge. Effettivamente ci è stato consigliato di allargare lo spazio ma questo comporta, per realizzare un antibagno, l’occupazione di altri spazi.

Poiché il proprietario dell’edificio scolastico è la Provincia, per realizzare determinate opere occorre un progetto. Inoltre,  se dovessero essere programmati alcuni lavori, questi dovranno essere eseguiti a scuola chiusa.”

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.