Home / Politica / Bentornata opposizione
m5stelle

Bentornata opposizione

Le grancasse mediatiche dipendenti sono pronte, schierate, non aspettavano altro. Ingenui noi a dargli l’occasione. Importante però è non perdere di vista i concetti e le informazioni più importanti che tra tanto chiasso potrebbero passare per volere di coloro in secondo piano.

Non fatevi ingannare da come si ingigantisce mediaticamente qualche scivolone linguistico non opportuno. Il momento che stiamo vivendo è di una gravità democratica e istituzionale senza precedenti ed è in questi momenti che bisogna rimanere lucidi e seri e consapevoli di muoversi nel giusto. Ed è anche necessario fare uno sforzo per mettere in ordine i fatti accaduti, un marasma in cui non dobbiamo rimanere incastrati.
Il Movimento cinque Stelle ha fatto ostruzionismo alla Camera per impedire la conversione in legge di un decreto “truffa” per i cittadini che metteva insieme, in modo assurdo, provvedimenti riguardanti Bankitalia e l’Imu. Una macedonia di articoli. Ormai si usa fare così. Il parlamento è giusto il ratificatore dei decreti di un governo che non perde tempo ad unire questioni che nulla hanno a che vedere le une con le altre, optando inesorabilmente per una ben determinata strategia: per far digerire la pillola amara, amarissima, la si accompagna con un cucchiaino di zucchero.
Questo non è un modo di procedere rispettoso del dibattito parlamentare e degli stessi cittadini italiani che vengono ingannati e a cui non è stato permesso di comprendere quali saranno le conseguenze del regalo di 7,5 miliardi di euro fatto alle banche italiane. Abbiamo per questo fatto quello che tutte le forze di opposizione avrebbero dovuto fare. Abbiamo fatto ostruzionismo, sì, e abbiamo chiesto di scorporare il decreto in modo da poter votare unicamente l’abolizione della seconda rata dell’Imu (che noi da dieci mesi chiediamo di abolire del tutto) e indirizzare ad una riflessione necessariamente più profonda la parte riguardante Bankitalia. Il decreto constava di diverse disposizioni, una sola, una, era relativa all’Imu. Dato che noi non amiamo semplicemente chiacchierare, hobby piuttosto apprezzato tra i mestieranti della politica italiana, abbiamo presentato tempestivamente una mozione per applicare le nostre due proposte: scorporo del decreto e presentazione di una legge sanatoria ex articolo 77 ultimo comma della Costituzione. La Boldrini, violando norme regolamentari e costituzionali, ha ignorato gli interventi e le richieste dei deputati dell’opposizione, e applicando la tagliola, strumento non previsto dal regolamento della Camera dei Deputati, ha imbavagliato le opposizioni passando agli onori della cronaca per aver messo la firma sotto una delle pagine più tristi della storia non solo del Parlamento, ma dell’Italia.
Dopo il voto, ci siamo avvicinati ai banchi del governo in forma di pacifica protesta. Loredana Lupo è stata aggredita fisicamente da Dambruoso, un ex magistrato, deputato di Scelta Civica e questore della Camera. Ancora adesso manca all’appello una qualsiasi dichiarazione della Boldrini sull’accaduto, cosa che giudico scandalosa. Noi chiediamo le dimissioni di Dambruoso che non può occupare un minuto di più un seggio nella “casa della buona politica”.
Oggi abbiamo deciso di non essere presenti in Aula. Credo che capirete il perché. Ci ha rappresentati in modo impeccabile il nostro grandissimo Danilo Toninelli. La sua è la nostra voce. Ascoltatela (Roberto Fico)

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.