Home / Economia / Mafia: crimine e problema culturale-sociale
Mafia_ii_banner_by_me_by_ink2paper916-d38ojz4

Mafia: crimine e problema culturale-sociale

Don Luigi Ciotti. “CARO Nino Di Matteo, devi sapere che non sei solo, che tutti voi a Palermo, e in ogni angolo d`Italia, non sarete mai più soli. Dalla stagione delle stragi è cresciuta nel nostro paese la consapevolezza che la questione delle mafie non è solo di natura criminale. È un problema più profondo, anche culturale e sociale. Una questione che non sarebbe ancora cosi grave se a contrastare le mafie ci fossero stati, oltre alla magistratura e alle forze di polizia, la coscienza pulita dell`impegno della maggior parte degli italiani. Questa coscienza e questo impegno, lentamente e faticosamente si sono negli anni moltiplicati. Devi dunque sapere caro Nino, anche se qualcuno—mafiosi o complici dei mafiosi — continua a minacciare e lanciare messaggi inquietanti, che oggi tu e tutti gli altri magistrati siete meno soli. Che minacciare voi vuoi dire minacciare tanti di noi, tanti italiani, che nei più vari ambiti si sono messi in gioco. Cittadini che non si limitano a scendere in piazza, a indignarsi o commuoversi, ma che hanno scelto di muoversi, di trasformare il loro “no” alle mafie in un impegno quotidiano per la democrazia, per la libertà e la dignità di tutti. Le luci non nascondono però le molte ombre. In tanti ambiti prevale ancora l`indifferenza o una semplice e facile risposta emotiva. Anche la politica non sempre ha saputo affrontare la questione con la pulizia morale e il respiro necessario: pensiamo solo ai troppi compromessi che hanno impedito un`adeguata riforma della legge sulla corruzione e ai patti sottobanco. Lo Stato, tutto lo Stato, deve proteggere se stesso e i suoi cittadini. Ma negli ultimi tempi, come molti segnali lasciano intendere, le mafie — indisturbate nei suoi livelli più alti: economia, finanza, appalti, affari—hanno approfittato per organizzarsi n silenzio. Quelle minacce dall`interno di un carcere dicono perciò una verità imbarazzante: se nell’ambito repressivo e giudiziario importanti risultati sono stati ottenuti, sul versante del contrasto politico e sociale c`è ancora molta strada da fare. Perché di una cosa dobbiamo essere certi: sconfiggeremo le mafie solo quando sapremo colmare le disuguaglianze sociali che permettono il loro proliferare. Le mafie non vanno solo inseguite: vanno prevenute. Prevenzione vuoi dire anche realizzare la condizione di dignità e di libertà responsabile prevista dalla Costituzione, il primo e più formidabile dei testi antimafia. Altrimenti, nello scarto fra le parole e i fatti, continuerà a insinuarsi la più pericolosa e subdola delle mafie: quella della corruzione, del privilegio e dell`abuso di potere. A te un forte abbraccio da parte mia e dalle oltre 1600 realtà associate a Libera.”

Don Luigi Ciotti su Repubblica | 14 nov 2013

fonte: LIBERA

Un commento

  1. RIPORTO UN BELLISSIMO PENSIERO DI MARCO BOSCHINI CHE CONDIVIDO TOTALMENTE:

    Non è abbastanza essere onesti, oggi.
    Oggi, agli onesti, è chiesto un cambio di passo, un moto di orgoglio capace di travolgere, pacificamente, il mondo circostante.
    Serve che l’onestà si trasformi in contagio, positivo. Serve l’esempio che parli e che convinca.
    Non è abbastanza, oggi, fare del proprio meglio.
    Oggi, alle persone perbene, è chiesto di essere qualcosa in più, è chiesto di più. Serve l’intransigenza dei giusti e l’umiltà di ascolto delle persone pazienti.
    Serve il naufragio dell’arroganza, e il navigare lento ma costante delle idee condivise.
    Oggi non è abbastanza, vivere da giusti nel presente.
    Oggi, alle persone responsabili, è chiesta responsabilità, e visione del futuro.
    Serve la fantasia dei visionari, e la forza delle rivoluzioni senza urla o schiamazzi. Serve la dolcezza che accompagna idee già sperimentate, che un giorno non molto lontano saranno regola, per tutti.
    Oggi non è abbastanza, accontentarsi.
    Oggi, alle persone vinte dalla rassegnazione, è chiesto di ritornare a giocare. Per vincere.
    Dalla delusione alla speranza, perché le cose cambiano, cambiandole!

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.