Home / Ambiente / Rifiuti, si può fare molto di più!
nube fossoli

Rifiuti, si può fare molto di più!

Dopo l’avvenimento di sabato, quando nel tardo pomeriggio a Fossoli di Carpi (Modena) nello stabilimento Ca.Re., le fiamme si propagano nell’area in cui vengono accatastati i rifiuti e in un attimo invadono tutto l’impianto, iniziano le prime preoccupazioni di una possibile nube tossica nella zona.
E’ un’azienda partecipata dall’Aimag (Azienda intercomunale acqua e gas), Unieco e Garc che si occupa dello smaltimento rifiuti. Le autorità competenti alla tutela della salute e dell’ambiente Arpa ed Usl, intervenuti sul sito, dopo le prime analisi non hanno rilevato concentrazioni di inquinanti tali da mettere a rischio la salute sebbene il rogo abbia interessato anche plastica e rifiuti indifferenziati.

Ecco pubblichiamo un esempio virtuoso (inerente ai rifiuti) di un “mercato molto speciale” il cui principio alla base è semplice: chiunque porti rifiuti recuperabili, come carta, vetro, plastica o alluminio, ottiene in cambio dei “punti verdi”, una moneta creata ad hoc che può essere scambiata con prodotti alimentari di aziende agricole locali. Ogni scarto ha un suo “prezzo”. Questo avviene già!
Semplice da attuare… no?

Come si educano gli abitanti di una megalopoli, che produce quotidianamente ben migliaia di tonnellate di rifiuti solidi, alla cultura della differenziata e nel minor tempo possibile? La risposta arriva da Città del Messico costretta nel dicembre del 2011 a chiudere la gigantesca discarica a cielo aperto di Bordo Poniente. L’amministrazione comunale ha dovuto in poco tempo non solo fare i conti con lo smaltimento dei pericolosi cumuli di spazzatura abbandonata alla decomposizione, ma anche con una popolazione di oltre 20 milioni di persone poco avvezza alle pratiche di riciclo.

La soluzione escogitata dal governo locale al problema culturale si chiama Mercado de Trueque, letteralmente Mercato del baratto, una piazza di scambio nata all’inizio del 2012 per insegnare il valore nascosto dei rifiuti. Il principio alla base del mercato è semplice: chiunque porti rifiuti recuperabili, come carta, vetro, plastica o alluminio, ottiene in cambio dei “punti verdi”, una moneta creata ad hoc che può essere scambiata con prodotti alimentari di aziende agricole locali. Ogni scarto ha un suo “prezzo” che può andare dai 3 punti al chilo per il vetro ai 30 punti al chilo del PET, con un limite massimo di 10 chili di rifiuti a cittadino. In cambio si può ottenere frutta e verdura stagione, ma anche formaggi, dolci o piccole piante, tutti prodotti rigorosamente “bio” e a km0. E a beneficiare dell’iniziativa sono anche gli agricoltori locali a cui l’amministrazione cittadina, di volta in volta, acquista tutti i prodotti, pagandoli ad un prezzo superiore rispetto a quello di mercato.

L’intento del progetto, infatti, è anche quello di promuovere il commercio equo e sostenibile delle aree agricole del Distretto Federale, supportando gli agricoltori locali sia con un aiuto pratico, sia attraverso la sensibilizzazione dell’opinione pubblica in merito all’offerta agricola regionale. I materiali riciclabili, portati al mercato dagli abitanti, sono selezionati e pesati da un esercito di volontari in grembiule; si tratta dei partecipanti al programma municipale “voluntarios verdes”, oltre 80 giovani provenienti dalla Divisione del Centro di educazione ambientale che durante le giornate di mercato sono impegnati anche a fornire informazioni sul riciclo e caricare i rifiuti sui camion perché siano consegnati alle società di riciclaggio locale.

Gli ultimi appuntamenti hanno dato modo agli organizzatori di ampliare di volta in volta la gittata del progetto: sono stati inclusi così nel baratto anche i piccoli RAEE da scambiare con pranzi o cene, sempre a cura dei ristoratori locali.  “Abbiamo comprato ravanelli e ricotta, e abbiamo ancora 40 o 50 punti da spendere”, spiega Andrea Gutierrez, venuto al Mercado de Trueque con il figlio per la sua prima volta, dopo aver affrontato una fila di ore. Sì perché il successo di questa iniziativa, che si tiene ogni quarta domenica del mese, ha superato ogni aspettativa. Con cittadini pronti ogni mese a mettersi in fila fin dalle sei del mattino per consegnare sacchi di spazzatura, alla chiusura del mercato – ore 13.00 in punto – sulle bancarelle non rimane mai neanche un prodotto. “L’obiettivo è insegnare alle persone come separare, metter da parte e dare un valore ai rifiuti che essi stessi producono”, chiarisce Liliana Balcazar dell’amministrazione municipale, ricordando come il progetto sia solo una delle punte di diamante del Piano Verde della capitale, il programma con cui Città del Messico intende lasciarsi alle spalle l’etichetta di città tra le più inquinate al mondo. “E’ stato popolare fin dall’inizio”, continua Balcazar “ma ora è addirittura traboccante”. I risultati parlano chiaro, negli ultimi otto mesi sono state recuperate circa 121 tonnellate di rifiuti riciclabili, divenuti ogni volta  valuta per l’acquisto di frutta, verdura, legumi e piante.

Tratto da Repubblica.it

Un commento

  1. AGGIORNAMENTO: FONTE: LA PRIMA PAGINA REGGIO

    Arpa e Ausl al lavoro per scovare eventuali diossine
    AAA
    BASSA – E’ tenuta costantemente monitorata dagli organi competenti – in particolare Arpa Emilia Romagna e Ausl -, la situazione sanitaria e ambientale legata alla nube scaturita dall’incendio divampato sabato scorso al centro di recupero rifiuti da imballaggio Ca.Re di Fossoli di Carpi. La particolarità dell’incendio, che ha riguardato una considerevole quantità di rifiuti, ha infatti indotto Arpa ad effettuare controlli sia sul territorio direttamente interessato, sia nelle zone limitrofe, in particolare su quei comuni che – attraverso l’analisi della direzione dei venti – risulterebbero colpiti dal passaggio della nube.
    I campionamenti del particolato atmosferico, la cui analisi alla ricerca di microinquinanti (diossine) si sta svolgendo nel laboratorio specializzato della sede Arpa di Ravenna, si concluderanno presumibilmente entro metà settimana. Contemporaneamente, saranno analizzati anche campioni di aria raccolti prima dell’incendio presso le più vicine stazioni di monitoraggio della Rete Regionale dell´Aria: Carpi (MO) e Guastalla (RE) per un migliore riscontro degli effetti dell’incidente. Si lavorerà, poi, anche sui terreni e in particolare sul campionamento di frutta e verdura nelle stesse zone.
    «L’assoluta certezza dell’assenza di diossine – fa sapere Arpa Emilia Romagna – nei fumi dell’incendio, o nella ricaduta al suolo, o la eventuale loro quantificazione, anche a livelli ininfluenti per la sicurezza e la salute umane, non sarà pertanto possibile prima della completa conclusione delle analisi in corso».
    Cauto ottimismo, quindi, quello di Arpa, condiviso anche da Mauro Grossi, direttore del dipartimento di sanità pubblica di Asl Reggio, che ricorda: «Prima di rassicurare concretamente la gente della zona è opportuno attendere che i dati ufficiali dell’Arpa escludano la presenza di diossine e ipa (idrocarburi policlinici aromatici)». Nel frattempo, il consiglio di Grossi è naturalmente quello di fare particolare attenzione al lavaggio di frutta e verdura colta direttamente dagli orti della zona: «Si tratta di una precauzione da tenere a mente sempre, ma questa particolare situazione richiede un’attenzione particolare».
    Tuttavia, sempre secondo Grossi, la pioggia dei giorni scorsi avrebbe aiutato ad effettuare un utile pre-lavaggio.
    Sulla stessa lunghezza d’onda anche Marino Zani, presidente di Coldiretti Reggio, che invita a non cedere al facile allarmismo. «Gli enti competenti stanno effettuando i controlli del caso e fino a quando non arriveranno i risultati non ci sentiamo di attivare nessuna iniziativa, fermo restando la nostra massima tutela dei cittadini interessati. Non ci sentiamo quindi di invitare i cittadini a non mangiare la verdura dell’orto, facendo ovviamente attenzione al lavaggio».

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.