Home / Ambiente / Riciclo della plastica: vale 5.160 posti di lavoro
riciclo-plastica-1-640x330

Riciclo della plastica: vale 5.160 posti di lavoro

Il riciclo della plastica è tanto importante quanto ancora abbastanza sconosciuto dal punto di vista statistico. Questo perché tutti gli studi effettuati fino ad oggi hanno riguardato solo i rifiuti di imballaggio provenienti dalla raccolta differenziata dei rifiuti urbani.

Un vuoto di informazioni colmato per la prima volta dal Libro Bianco “Il Riciclo della Plastica” elaborato dal Consorzio Carpi (Consorzio autonomo riciclo plastica Italia) in collaborazione con Mattia Cai del Dipartimento Territorio e Sistemi Forestali dell’Università di Padova e interamente dedicato al mercato del riciclo dei rifiuti in plastica speciali.

LEGGI ANCHE: Bottiglie di plastica in cambio di buoni spesa, l’esperimento in Veneto funziona

È grazie a questa ricerca che è stato possibile avere un quadro completo dei flussi di materie plastiche nell’economia Italiana, della loro composizione, della destinazione dei rifiuti e dei materiali prodotti dal loro riciclo.

E non solo. Lo studio ha inoltre evidenziato le principali problematiche di natura economica con le quali gli operatori della filiera del riciclo devono fare i conti e ha esaminato il ruolo svolto dai processi di recupero e riciclo della plastica per lo sviluppo dell’economia italiana.

In particolare, le imprese del settore possono essere suddivise in quattro settori: i raccoglitori, i riciclatori, i produttori e i sostenitori.

Dai dati emerge che, con circa 180 kt di rifiuti di plastica da imballaggio riciclate, nel 2011 il Consorzio ha prodotto circa metà del riciclo indipendente di questo genere di materiali in Italia:  i suoi raccoglitori hanno gestito invece circa 250 kt di rifiuti provenienti soprattutto dal territorio italiano.

Sono i rifiuti di imballaggio post-consumo a rappresentare il valore principale dei volumi complessivamente trattati dal Consorzio. Seguono i rifiuti di beni di plastica e gli scarti di produzione industriale mai diventati prodotti finiti e più comunemente chiamati rifiuti pre-consumo o “da diretta”.

PER SAPERNE DI PIU’: Riciclo, le reti da pesca abbandonate in mare diventano abiti e tappeti

Non mancano i dati riguardanti il numero di occupati in Italia nel settore della gestione dei rifiuti, poco più di 135 mila nell’anno 2010. Circa 23 mila quelli invece del comparto del recupero e della preparazione per il riciclaggio. Uno degli obiettivi dello studio è cercare di far comprendere che dall’attività e dal successo delle aziende dei rifiuti dipendono anche le imprese che ad esse forniscono materie prime, servizi e macchinari: un meccanismo che determina l’occupazione. Succede infatti che, per ogni posto di lavoro creato in maniera diretta nel settore della gestione dei rifiuti, altri 1,74 posti di lavoro vengono creati in maniera indiretta.

Nello specifico, come emerge dai dati del consorzio Carpi, l’occupazione indiretta legata alla filiera del riciclo della plastica sarebbe di 3.280 unità: un dato che si traduce in circa 5.160 posti di lavoro. Infine, se si tiene conto degli effetti indotti (1,45 occupati indotti per ogni occupato diretto), il totale sale a poco più di 7.900 occupati.

fonte: http://www.nonsprecare.it/sezione/news/

 

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.