Home / Politica / Finalmente avremo solo figli. Senza distinzioni tra naturali e legittimi
bimbi

Finalmente avremo solo figli. Senza distinzioni tra naturali e legittimi

Lunedì arriva alla Camera la norma sul riconoscimento dei figli naturali. Approvata a Montecitorio 18 mesi fa, modificata dal Senato, si temeva potesse rimanere in un cassetto. Stamattina la capigruppo ha deciso di accelerare. Anche in Italia non ci saranno più distinzioni tra bambini nati dentro e fuori il matrimonio.

Saranno solo “figli”. Senza più distinzioni tra naturali e legittimi, tra chi è nato all’interno del matrimonio e chi no. Una legge di civiltà, voluta da tutti i gruppi parlamentari. Ora a un passo dalla definitiva approvazione. Nell’ultimo anno e mezzo l’adozione della nuova normativa è sembrata più volte a portata di mano. In realtà il lungo processo legislativo – e l’approssimarsi dello scioglimento delle Camere – ne ha messo a rischio l’entrata in vigore.

Oggi, finalmente, le possibilità che il provvedimento diventi legge sono concrete. Dopo il primo via libera della Camera nel giugno 2011 e le modifiche approvate al Senato un anno più tardi, il documento è tornato a Montecitorio. A qualche settimana dalla fine della legislatura, la conferenza dei capigruppo presieduta da Gianfranco Fini ha deciso di accelerare. È notizia di questa mattina. Le proposte di legge in calendario sono tante, il tempo a disposizione troppo poco. E così il presidente della Camera ha chiesto ai colleghi di anteporre il provvedimento sul riconoscimento dei figli naturali. Lunedì prossimo sarà il primo documento ad essere esaminato dall’Aula.

Sei articoli, con un unico obiettivo: eliminare dall’ordinamento italiano le distinzioni che ancora rendono diversi figli naturali e figli legittimi. Il progetto di legge ridisegna il codice civile, introducendo la previsione che “tutti i figli hanno lo stesso stato giuridico”. Ne consegue la sostituzione delle parole “figli legittimi” e figli naturali” nell’intero codice. Ovunque sostituite dalla parola “figli”. Il figlio «ha diritto di essere mantenuto – si legge – educato, istruito e assistito moralmente dai genitori, nel rispetto delle sua capacità, delle sue inclinazioni naturali e delle sue aspirazioni».

I bambini avranno anche dei nonni. La norma crea nuovi rapporti di parentela tra il figlio naturale e la famiglia del genitore che lo riconosce. «Perché fino a quando questo provvedimento non sarà legge dello Stato – ricordava la presidente Pd Rosy Bindi alla Camera, durante il primo voto del giugno 2011 – i figli nati fuori dal matrimonio non hanno parentela, non hanno fratelli, sorelle, zii, cugini. Tanto è vero che quando vengono a mancare i genitori, anche se ci sono i nonni, si apre comunque un processo di adozione».

Nei prossimi mesi l’impegno passerà al governo. Il secondo articolo del provvedimento delega all’esecutivo la modifica delle disposizioni in materia di filiazione. Nella legislazione italiana non dovrà più esistere alcun riferimento a figli legittimi e a figli naturali (anche se rimarrà l’uso della denominazione di figli nati nel matrimonio o fuori del matrimonio).

http://www.linkiesta.it/figli-naturali#ixzz2CxRrdubP

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.