Home / Eventi / Aldrovandi, la Cassazione conferma le condanne ai poliziotti per omicidio
Galera_Station_1

Aldrovandi, la Cassazione conferma le condanne ai poliziotti per omicidio

Tre anni e mezzo per i quattro poliziotti : si chiude così una delle vicende più cupe che abbiamo mai coinvolto gli organi di polizia. Il ragazzo venne pestato a morte mentre rientrava a casa dopo una serata in discoteca

La Corte di Cassazione ha confermato la pena a tre anni e mezzo per i quattro poliziotti già condannati nei primi due gradi di giudizio per la morte di Federico Aldrovandi. Paolo Forlani, Monica Segatto, Enzo Pontani e Luca Pollastri poco prima delle 6 di mattina del 25 settembre 2005 ingaggiarono una violenta colluttazione con il ragazzo di 18 anni, che stava rincasando a piedi dopo una serata in discoteca con amici.

Dopo le sentenze di primo grado del tribunale di Ferrara, il 6 luglio 2009, e quella della Corte d’Appello di Bologna che il 10 giugno 2011 confermò quel verdetto (pena ridotta a sei mesi con l’indulto), ora la condanna è definitiva.

L’udienza davanti alla IV sezione della Corte Suprema era iniziata questa mattina alle 10.30 con la requisitoria del procuratore generale Gabriele Mazzotta. “Schegge impazzite” l’espressione utilizzata per definire gli imputati, che avrebbero agito con un uso eccessivo della forza “nei confronti di una persona inerme”, anziché comportarsi come “responsabili rappresentanti delle forze dell’ordine”’.

“I poliziotti non avevano davanti un mostro – ha insistito la pubblica accusa di piazza Cavour -, eppure si sono avventati in quattro contro un ragazzo solo. Le condotte assunte dimostrano un grave deficit di diligenza e di regole precauzionali. L’agire dei poliziotti ha trasceso i limiti consentiti”. In quei limiti rientrano il “tentativo di depistare le indagini” denunciato dal pg, i due manganelli rotti nel pestaggio e le 54 lesioni che il medico legale constaterà sul corpo di Federico, “ognuna meritevole di un processo a parte”, come le descrisse il giudice di primo grado Francesco Caruso nelle motivazioni della sua sentenza.

Dopo l’intervento di Mazzotta è stato il turno delle arringhe dei difensori (tra i quali è comparso anche Niccolò Ghedini, il legale di Silvio Berlusconi che difende Segatto) che si sono protratte fino alle 15. Dopo ore di attesa la Corte è ricomparsa in aula alle 19.20 e ha emesso la sentenza di rigetto.

Fonte: Il Fatto Quotidiano

Un commento

  1. Mica male questa giustizia italiana.Beccarsi 3 anni e mezzo per un omicidio fatto con malvagità. Spero che succeda al figlio del giudice la stessa cosa.Comunque c’è poco da incazzarsi,tra poco troveremo l’eurogendfor tra le nostre strade,e loro godono,come i commissari europei, l’immunità totale e non saranno neanche processabili dai tribunali.Un futuro radioso attende i vostri figli!

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.