Home / Le 5 Stelle / La creatura a 5 Stelle
creatura5

La creatura a 5 Stelle

by Giuseppe Pagoto, Gruppo Val d’Enza: Se si ha presente il Mostro di Frankenstein, forse si potrà trarre da questo articolo uno spunto per comprendere meglio il fenomeno che sta coinvolgendo l’Italia in un’ondata politica e sociale rivoluzionaria, un “Booooooom”.

Ebbene, può essere vero che il “Mostro” di Grillo e Casaleggio venga da questi enti indirizzato, suggerito, verso alcune tematiche piuttosto che altre. Ma se si va ad approfondire, senza cioè fermarsi comodamente (e interessatamente) a vani giudizi sulla veemenza verace del comico genovese, si scopre sempre e con relativa semplicità che tali tematiche costituiscono una più che condivisibile, malleabile, stimolante ossatura sulla quale lavorare,  oltre a trovare impulso e  supporto presso diversi studi autorevoli e indipendenti. Le ramificazioni territoriali di tali idee (e i liberi e diffusi dibattiti di cui sono oggetto),  potranno dare vita a soluzioni valide e alternative, sotto diversi profili, ad uno status quo che vede invece l’Italia ammorbata da mafie, corruzione, clientele, Equitalia e da un sempre più inutile e anacronistico (interessato) inquinamento ambientale. In altre parole, Grillo non è soltanto un comico, ma una persona informata molto più di ogni comune cittadino. Raccogliere notizie e informazioni su energie pulite e banche sporche, fa parte della sua fortunata quanto onesta attività, e questo fa di Beppe non solo un ottimo comico, ma anche un notevole scienziato politico, un erudito opinionista fuori dal coro, un trampolino di lancio per liberi pensatori.

Chi o cosa è, allora, quel “Mostro” che si aggira per i Comuni d’Italia? E soprattutto, chi è strumentalizzato da chi? Alla Creatura è stata mostrata una soglia, ed ora sta uscendo dal maniero del suo creatore, che come una madre ansiosa gli urla dietro i suoi accorgimenti e moniti. La creatura inizia così ad esplorare il mondo. Quanto controllo si potrà mai esercitare su di un tale Mostro, privo di una tessera di partito che ne blindi le idee ed i pensieri? Voi, quanto controllo sapete di poter esercitare sui vostri figli, dall’adolescenza in poi?

Il Mostro siamo noi, una massa critica di cittadini persuasi dalla libera informazione, e sempre più convinti che “Uno vale Uno” sia un principio perseguibile, sebbene si debbano affrontare fisiologiche fasi di collaudo e rodaggio, per quella che s’appresta ad essere una novità assoluta, nel campo delle democrazie partecipate. Grillo e Casaleggio non possono non sapere, che dopo aver dato i primi impulsi al Movimento, tale entità imparerà non tardi a camminare sulle proprie gambe; anzi Grillo e Casaleggio assumeranno essi stessi i connotati di meri iniziatori, di mero strumento (con tutti gli onori del caso) di amplificazione, per una creatura sempre più lontana e indipendente.

Il Mostro siamo e rimaniamo sempre noi cittadini comuni, noi residenti nelle nostre municipalità, che viviamo direttamente sulla pelle gli onori e le vergogne dei rispettivi territori. Siamo sempre noi, con o senza Grillo (… -ndr-), ad organizzare banchetti, assemblee pubbliche, raccolta firme, e a cercare di fornire un costante aiuto ai Comitati che si pongono a difesa dei beni comuni. Man’ mano che il Movimento accresce le proprie fila di simpatizzanti, vanno aumentando considerevolmente anche le critiche (spesso poco costruttive) di coloro che si definiscono nostri avversari, atteggiamento che risulta perfettamente in linea con la logica gandhiana di cui siamo a conoscenza: “Prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono. Poi vinci”. Quindi si stia tranquilli, che non tardi anche i nostri dirimpettai dovranno accettare il fatto che nel cuore ci somigliamo più di quanto non vorrebbero, astensionisti inclusi, poiché siamo tutti umani che vogliono restare tali, mantenendo, difendendo a spada tratta la libertà di pensiero e di ogni sua manifestazione . La proprietà del simbolo è una cosa che può interessare i partiti tradizionali (es. di chi è il logo della Lega? Cosa succede all’ombra degli ulivi, degli scudi crociati e della striscia tricolore?), ma non un Mostro a 5 Stelle alla conquista di cose nuove.

Fatta questa premessa, si può dire che soltanto grazie al Movimento 5 Stelle, forse a Parma non sorgerà alcun inceneritore, e se così sarà, si sarà trattato di un incontrovertibile dato di fatto, da sbattere in faccia ai maliziosi che ci vorrebbero populisti inconcludenti. Anche i nostri cugini parmensi, grazie al voto del prossimo 20 Maggio, si daranno la possibilità di conoscere veri, inequivocabili esempi di “pragmatismo”: la strategia Rifiuti Zero e tante altre novità. Progetti la cui bontà saprà influenzare le province vicine e rientrare tra i progetti regionali ed infine tra gli orientamenti nazionali.

Comprendiamo bene le preoccupazioni dei nostri concittadini e connazionali, abituati da decenni alle medesime e (sempre meno) rassicuranti facce (… -ndr-); ma è proprio qui che il popolo incontra una delle sue maggiori debolezze. L’abitudine … rovina i popoli come la coppia, con la sua ottusa staticità, in quanto il pensiero consuetudinario non ammette cambiamenti che aprano all’incertezza e all’ignoto. Eppure soltanto l’incertezza intrinseca ad  un cambiamento epocale, potrà farci superare questo forte stato di annichilimento delle masse. Ben venga uno stato transitorio di incertezza e confusione (status comunque preesistente alla nascita del Movimento), se questo potrà servire a muovere passi decisi fuori dal nido, fuori dalla Matrix, verso una nuova società. Per dirla con Nietzche, solo dal caos si possono generare stelle danzanti.

http://www.gruppovaldenza.it/category/primapagina/

 

3 commenti

  1. Mi unisco ai complimenti, non avresti potuto fare un’analisi migliore del Movimento!!!

  2. GIUSEPPE PON.

    Egr. Giuseppe Pagoto, complimentissimi al maiuscolo del suo bellissimo articolo.Purtroppo non sono un giovane da poter aspirare attivamente al movimento, posso affermare che alla tornata elettorale per la regione Emilia-Romagna ho votato M5S e me ne sento orgoglioso, è la prima volta in vita mia che voto senza dovermi turare il naso per scegliere il meno peggio, accorgendomi subito che sono tutti uguali, dei copia e incolla..Ora mi sento partecipe ai lavori in consiglio regionale grazie a Favia e company che ci tengono informati by web..Vero verissima la frase meravigliosa del Nietzesche, detta poi da un giovane, ha il sapore di un futuro bello combattuto e laborioso… Un replay non guasta “DAL CAOS SI GENERANO STELLE DANZANTI”, con ammirata partecipazione Giuseppe

    • Giuseppe Pagoto

      Caro Giuseppe, permettimi di darti del “tu”, perché quando si entra su questo piano mi sento sempre un po’ più intimo, col mio prossimo. Il tuo commento, sappi, vale molto, molto di più del mio articolo. Da 38enne ti dico che questi ragazzi sono già molto agguerriti e forti, ma quanta energia positiva sappia arrivare da quel certo senso di “unione d’intenti”, io non te lo so descrivere, caro Giuseppe … Il tuo appoggio è prezioso. Grazie

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.