Home / Economia / Guastalla: Relazione dell’Amministrazione Comunale anno 2011

Guastalla: Relazione dell’Amministrazione Comunale anno 2011

Chiediamo a voi Cittadini le riflessioni, i commenti e gli eventuali suggerimenti (per il 2012)  sulla relazione comunale dell’anno scorso che sarà presentata durante il Consiglio Comunale di giovedi.

“Un anno intenso, questo 2011 che ci lasciamo alle spalle. Ancora denso di nubi per la nostra economia italiana che siripercuote sui nostri Comuni. I problemi sono stati tanti e abbiamo cercato di affrontarli tra molte difficoltà.. Eventi naturali di grande violenza ci hanno messo di fronte alle esigenze di una natura troppo spesso offesa, che si riprende ciò che è suo di diritto. L’Italia che ha celebrato i suoi primi 150 anni, si è trovata ad un bivio tra accogliere, per davvero, le innovazioni e i cambiamenti imposti dai tempi o restare ancorata a vecchie abitudini non più praticabili.

Guastalla, come altre città della nostra provincia, ha accolto durante questo anno i profughi scappati dalle guerre (8 cittadini Somali). La natura è stata clemente con il nostro territorio, grazie anche ad una politica concreta di rispetto e valorizzazione dell’ambiente. La crisi economica, che investe il mondo intero, ha avuto ripercussioni inevitabilmente anche sulle nostre abitudini, portandoci a rivederle. Oltre ai tagli, necessari, delle spese pubbliche e private, ci ha portato a riflettere su quanto sia davvero importante.

Durante il 2011 abbiamo rinnovato la Sala Civica, mettendola a norma e attrezzandola con un ascensore, perché sia unospazio fruibile per tutta la cittadinanza. Il Palazzo Ducale è tornato a vivere grazie a diverse iniziative culturali, mostre di grande rilievo e la disponibilità per lo svolgimento di convegni, conferenze, incontri e laboratori didattici per le nuove generazioni.

Abbiamo inaugurato un parco naturalistico in via Sacco e Vanzetti, ideato con grande attenzione all’ambiente e alla didattica. Il percorso interno è attrezzato con didascalie che illustrano le diverse specie arboree, e mette a disposizione aree di sosta per il riposo. Il progetto rivolto alla sicurezza stradale e al miglioramento della viabilità cittadina è proseguito con la realizzazione della rotonda di San Giacomo e la sistemazione di altre rotatorie esistenti. In centro storico sono state riparate le pavimentazioni di Largo Gramsci e dotate di rampe per disabili. Per rendere più vivibile e bella la nostra città abbiamo adeguato e rinnovato una parte dei nostri parchi pubblici con nuovi giochi e attrezzature.

Entro la fine dell’anno è stato completato il parco fotovoltaico, situato nella zona industriale di San Giacomo. Un’opera di grande impegno, che fornirà energia elettrica da destinare alla collettività, con notevole beneficio per l’ambiente.

Abbiamo iniziato assieme ai Comuni dell’Unione Bassa Reggiana l’esperienza dell’Azienda speciale dei Sistemi Educativi (o-6anni) che si estende anche allo Sportello sociale che si occupa di Welfare. Tale impegno da parte nostra è seguito con particolare attenzione, con occhio attento alle possibili e auspicabili economie di gestione. Sarà nostra cura valutarne lo sviluppo e farne un esame critico in corso d’opera nel prossimo anno.

Alla fine dell’anno abbiamo portato a termine all’interno dell’ASP la chiusura della Casa protetta Paralupi –Fiorani con trasferimento degli ospiti nella Casa protetta Agorà ,nei primi mesi del 2012 saranno anche trasferiti nella stessa Sede la funzione e gli ospiti del Centro Diurno. Le nuove disposizioni nazionali in termini di economia dettate dal nuovo Governo Monti degli ultimi mesi ci aprono a nuovi problemi ed ad un nuovo regime fiscale che vedranno i Sindaci come nuovi esattori fiscali con nuove regole ed applicazioni che dovranno essere valutate e ponderate da ogni singolo Comune, per poter mantenere gli standards di Welfare e assicurare i Servizi.

Il 2012 sarà certo un anno difficile e pieno di incognite sulla ripresa economica che tutti auspichiamo. In ambito territoriale e provinciale abbiamo lavorato di comune accordo con Provincia e Prefettura per combattere il problema delle infiltrazioni mafiose specie nel campo degli appalti pubblici siglando un importante Protocollo anti Mafia nella prima metà dell’anno.

Non siamo all’austerity, ma un pizzico di umiltà potrebbe fare bene a tutti. Portando con sé il desiderio di ottenere qualcosa con l’impegno, con il lavoro, mettendo mano alla fantasia e alla creatività, e non rivendicare qualsiasi cosa perché sia dovuta, come se dovesse cadere dal cielo. Il nuovo ordine, che impone oculatezza, potrebbe essere una scossa per comprendere che niente è dato, ma tutto si può conquistare. Con onestà, merito e coraggio.

RELAZIONE DEL PROGRAMMA N. 1 – FINANZE E PERSONALE

In riferimento ai programmi indicati nei documenti di programmazione per l’esercizio 2011, si rileva che sono stati attuati tutti i punti previsti.

In generale, il programma si estrinseca nella realizzazione di tutte quelle attività di natura finanziaria che sono di supporto alla realizzazione dei programmi dell’Amministrazione e dei servizi dell’Ente.

CONTROLLO E CONTINUO MONITORAGGIO DEI VINCOLI DI FINANZA PUBBLICA

Nel corso dell’anno 2011 si è provveduto al monitoraggio delle entrate e delle spese per la verifica costante del raggiungimento degli obiettivi del patto di stabilità interno.

Anche per l’anno 2011 sono stati inaspriti gli obiettivi relativi al patto di stabilità interno: Il Comune di Guastalla nel 2011 doveva inizialmente raggiungere un saldo finanziario di + € 842.000,00 mentre nel 2010 il saldo da raggiungere era di – € 48.000,00.

Le azioni messe in atto dal servizio finanziario per il rispetto dell’obiettivo 2011, oltre ad un costante e puntuale monitoraggio delle entrate e delle spese, sono state:

1) la richiesta alla Regione Emilia Romagna, prevista dall’art. 1 commi 138-140, della legge 220/2010 e dalla L.R. n.12 del 23/12/2010, volta ad ottenere l’autorizzazione ad escludere dal saldo del patto 2011 una parte delle spese per investimenti. Tale richiesta, grazie alla disponibilità della nostra regione e di altri Enti emiliano-romagnoli, ci ha consentito di ottenere disponibilità finanziarie per € 241.000,00 e quindi di abbassare il nostro obiettivo per lo stesso ammontare rendendo “meno difficile” il raggiungimento del saldo previsto.

2) La sottoscrizione di una convenzione che consentisse ai fornitori di smobilizzare gli importi relativi a crediti che vantano per forniture di beni e servizi verso il nostro ENTE. L’obiettivo era quello di attivare uno strumento di facilitazione di accesso al credito per le imprese che, a causa della crisi economica, versassero in difficoltà. E’ stato sottoscritto il protocollo d’intesa fra CESFELL, Unioncamere Emilia Romagna ed alcuni istituti di credito/intermediari finanziari per la cessione dei crediti derivanti da spese d’investimento.

In realtà, grazie all’autorizzazione della Regione di escludere dal saldo del patto 2011 una parte delle spese per investimenti (manovra punto 1), non è stato necessario dare corso alla convenzione sottoscritta con Unioncamere.

Negli ultimi mesi dell’anno la giunta ha adottato appositi atti di indirizzo volti a limitare i pagamenti delle opere in corso (modulandoli e legandoli all’effettivo introito di alcune entrate) e a limitare gli impegni di spesa per nuovi investimenti.

Grazie al monitoraggio costante e alle diverse azioni messe in campo, il saldo finanziario 2011 è stato raggiunto, così come risulta dall’attestazione relativa al monitoraggio semestrale delle risultanze del patto inviata tramite web in data 27/1/2012 e confermata definitivamente dalla certificazione inviata in data 22/3/2012.

ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE

Il 2011 è stato il secondo anno in cui il settore finanziario ha dovuto affrontare le competenze attribuitegli in tema dipersonale per quanto riguarda gli aspetti giuridici, organizzativi e relazioni sindacali.

Nei primi mesi dell’anno si è data attuazione alla Legge Brunetta, con l’adeguamento del Regolamento degli uffici e dei servizi, in applicazione di due principi fondamentali:

o la valorizzazione dell’autonomia regolamentare dell’ente;

o sviluppo del merito, con prevalente attenzione alla performance lavorativa, individuale e organizzativa.

Nel corso dell’anno si è provveduto:

1. alla gestione dell’assetto strutturale dell’Ente e dell’organigramma del personale con analisi, verifica ed applicazione

della normativa disciplinante gli aspetti giuridici del personale. E’ da evidenziare che nei primi mesi si è attuata una forte

riorganizzazione dovuta al trasferimento del personale educativo all’Unione Bassa Reggiana, che ha comportato una

modifica sostanziale alla dotazione organica dell’ente.

2. al monitoraggio, programmazione e gestione della spesa del personale con i relativi adempimenti: previsioni, controlli,

variazioni, conseguenti sia alla disposizioni normative sia a variazioni del personale.

3. Gestione delle procedure di reclutamento del personale.

4. Gestione del personale dipendente in tutti i suoi molteplici aspetti: giuridico, economico, fiscale, previdenziale. In

particolare nel 2011 si è provveduto a reinternalizzare il servizio paghe che nell’anno 2010 era stato esternalizzato.

5. Analisi e gestione delle risorse decentrate e dei rapporti con le rappresentanze sindacali. Addivenendo alla sottoscrizione

del contratto nei primi mesi del 2012.

PROGRAMMAZIONE E RUOLO DELLE PARTECIPATE

L’Amministrazione, già da diversi anni, ha posto particolare attenzione a questo tema in quanto il Comune di Guastalla, possessore di quote in diversi organismi/società, per espressa previsione di legge è chiamato ad effettuare diversi controlli.

Il settore ha continuato ad aggiornare la banca dati attivata negli scorsi anni, dove sono raccolti gli atti costitutivi, gli statuti, i bilanci degli organismi partecipati.

Le società /organismi nei quali l’Ente detiene partecipazioni alla data del 30/06/2011

ENTE O SOCIETA’

PARTECIPATA

PERCENTUALE DI

PARTECIPAZIONE

FUNZIONI SVOLTE

IREN SPA 0,2595

GESTORE SERVIZI ACQUA, GAS E

AMBIENTE

AGAC INFRASTRUTTURE 1,8508

MESSA A DISPOSIZIONE DEL GESTORE

(ENIA) DEGLI IMPIANTI E DELLE

INFRASTRUTTURE IDRICHE

PIACENZA

INFRASTRUTTURE 0,74

MESSA A DISPOSIZIONE DEL GESTORE

(ENIA) DEGLI IMPIANTI E DELLE

INFRASTRUTTURE IDRICHE

S.A.BA.R. SPA 21,60

GESTORE SERVIZIO AMBIENTALE DI

RACCOLTA E SMALTIMANTO RIFIUTI

CFP BASSA REGGIANA

SOC. CONS. a R.L. 21,60 FORMAZIONE PROFESSIONALE

CONSORZIO AZIENDA

CONSORZIALE TRASPORTI

(ACT) 1,99 TRASPORTO PUBBLICO LOCALE

INFRASTRUTTURE

FLUVIALI SRL 4,52

REALIZZAZIONE ATTRACCHI FLUVIALI,

PROMOZIONE TERRITORIO E TURISMO

LOCALE

LEPIDA S.P.A. 0,005

SVILUPPO SISTEMI INFORMATIVI TRA

ENTI DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

ASP 42,60

SERVIZI SOCIALI, SOCIO-ASSISTENZIALI E

SOCIO-SANITARI RIVOLTI AD ANZIANI,

MINORI, ADULTI E DISABILI

FONDAZIONE DOPO DI NOI 25,00

SOSTEGNO E ASSISTENZA PERSONE

SVANTAGGIATE E SENZA FAMIGLIA

ASSOCIAZIONE PRO.DI.GIO 9,09

PROMOZIONE E GESTIONE ATTIVITA’

SOCIALI RIVOLTE AI GIOVANI

ASSOCIAZIONE

PROGETTINFANZIA 12,50

GESTIONE COORDINAMENTO PEDAGOGICO E SERVIZI 0-6 ANNI

Per quanto riguarda la società Infrastrutture Fluviali s.r.l., dalla quale il Consiglio Comunale aveva deciso di recedere (in quanto tale società svolge attività di beni e servizi non strettamente necessari per il perseguimento delle proprie finalità istituzionali), si segnala che ad oggi non è ancora stato possibile cedere le quote possedute.

Si evidenzia inoltre che la società G.ENER.A. S.R.L di unico socio in cui il Comune di Guastalla deteneva il 100% è cessata(cancellazione datata 21/1/2011) e il totale dell’attivo di € 9.915,94 risultante dal Bilancio finale di Liquidazione è stato restituito al Comune in qualità di Unico socio.

Si riportano, i dati dell’ultimo bilancio disponibile (consuntivo 2010) delle principali società:

SOCIETA’ UTILE PERDITA PATRIMONIO NETTO

IREN SPA 102.689.657 1.632.760.558

SABAR SPA 651.614 5.273.940

ACT 2.784.435 14.314.461

ASP 743.657 11.623.049

PIACENZA

INFRASTRUTTURE

S.PA.

499.881 22.786.480

LEPIDA SPA 183.584 18.622.635

AGAC

INFRASTRUTTURE

S.P.A.

2.254.715 129.249.288

INFRASTRUTTURE

FLUVIALI

2.029 167.280

CFP 23.238 227.703

PROGRAMMA 2: AREA AFFARI ISTITUZIONALE E RELAZIONI COL PUBBLICO

Con riferimento all’esercizio 2011, una parte consistente dell’attività dell’Area è consistita nella realizzazione di un nuovo Ufficio relazioni col Pubblico che potesse proporsi come un nuovo servizio di front-office col cittadino.

Dopo una prima fase di studio è stato presentato alla Giunta Comunale, nel mese di marzo, una proposta progettuale di realizzazione di uno sportello polifunzionale che assorbisse, debitamente riorganizzate, tutte le funzioni di front-office erogate dal servizio Urp ed anche da altri servizi interni per i quali fosse ritenuto opportuno migliorare il rapporto col cittadino.

La fase di progettazione è stata caratterizzata da:

– uno studio dei “bisogni” dell’utenza, realizzata anche con l’analisi brevi “questionari” che l’utenza ha avuto modo di compilare nel corso del 2010 relativamente ad alcuni aspetti dell’attività di front office comunale, quali in particolare gli orari, l’adeguatezza della modulistica a disposizione, gli ambienti adibiti al servizio e la soddisfazione del rapporto con gli addetti allo sportello;

– una analisi di procedimenti e dei servizi da erogare allo sportello, con una complessiva revisione della modulistica, nonché della scelta di una piattaforma gestionale idonea alla gestione, all’erogazione ed al monitoraggio dei servizi di front-office. A tale riguardo è stata scelta una piattaforma di gestione procedimentale denominata “Surf” prodotta dalla Ditta ADS di Bologna, che permette l’integrazione completa con le attuali procedure informatiche in uso nei vari servizi, ed ovviamente la possibilità di implementare, monitorare e verificare le fasi del procedimento amministrativo (in futuro anche via web);

– uno studio sulla logistica, sull’organizzazione degli spazi e la realizzazione delle infrastrutture di connettività indispensabili per collegare la nuova sede con la rete informatica esistente. Queste attività hanno richiesto un notevole sforzo per l’intero gruppo di lavoro e per i servizi tecnici ed informatici, in quanto gli ambienti a disposizione erano frutto di una ristrutturazione di un immobile storico, sicuramente di pregio, ma non certamente progettato per l’erogazione di servizi di front-office al cittadino;

– una scelta delle attrezzature, degli arredi e delle strumentazioni informatiche/gestionali più idonee per garantire la maggior efficienza al servizio e la soddisfazione dell’utenza. In particolare sono stati studiati posti lavoro più comodi che garantissero una maggiore sicurezza ed un miglior confort sia per l’operatore che per l’utente, oltre ad una sufficiente privacy nell’attività di front-office e spazi di attesa che garantissero maggiore comodità al cittadino-utente, coniugate con soluzioni organizzative atte a diminuire i tempi di attesa (gestione differenziata delle code e dei servizi erogati);

– una soluzione di dematerializzazione di archivi cartacei che consentisse la consultazione degli stessi tramite accesso a banche dati digitalizzate, che consentirà agli operatori una più rapida consultazione delle stesse, oltre ad una economia negli  spazi all’interno della struttura.

Il progetto, positivamente licenziato dalla Giunta, ha poi visto nei mesi di aprile e maggio la sua realizzazione pratica con il completo allestimento dei locali, la fornitura degli arredi e delle strumentazioni, la formazione del personale addetto, il collaudo degli apparati tecnologici e delle procedure informatiche, che ha permesso l’apertura del servizio in data 4/6/2011.

Nel mese di settembre è stata fatta una prima analisi dei risultati dei primi tre mesi di funzionamento con riguardo ai procedimenti erogati, ai tempi di attesa ed agli orari, e sono stati apportati alcuni correttivi atti a migliorare ulteriormente il servizio. Sono stati in particolare mantenuti gli orari di sportello ed è stata riscontarta una cosiderevole diminuzione di tempi di attesa medi dell’utenza (pressochè dimezzati).

Nel corso dell’esercizio 2012 si prevede di studiare ed attuare l’implementazione dello sportello con lo sviluppo di nuove soluzioni web, complementari e/o alternative all’accesso diretto del pubblico allo sportello.

SETTORE RELAZIONI COL PUBBLICO E DEMOGRAFICO

L’evoluzione della nostra società, gli impegni europei e le sfide mondiali richiedono Amministrazioni sempre più capaci di operare secondo linee direttrici in cui il risultato finale deve essere considerato alla stregua di un prodotto per le caratteristiche di efficienza, economicità e dinamicità che deve saper esprimere pur nel rispetto di regole e norme.

Inoltre, un fattore decisivo nelle situazioni di crisi è la credibilità, intesa come capacità di essere considerati degni di fede, nello spiegare cose complesse, nel sollecitare collaborazioni e cercare coinvolgimenti. La credibilità dell’Ente è il primo gradino per costruire un percorso al cui termine il cittadino non solo si troverà in posizione paritaria con l’Amministrazione, ma entrambi saranno in grado di dialogare con interesse, attenzione e partecipazione.

La sintesi del programma 2011, in linea con le premesse della presente relazione, può riassumersi nelle seguenti azioni del Settore relazioni col pubblico e demografico a cui afferiscono i Servizi U.R.P., Demografico e Polizia Mortuaria, Elettorale. Ufficio per le Relazioni con il Pubblico (U.R.P.)

Se il back-office rappresenta il motore che mantiene in movimento tutte le attività dell’Ufficio per le Relazioni con il Pubblico, il front-office ne è il punto di massima visibilità e traduzione. Esso rappresenta la linea di contatto che sostituisce i tradizionali spartiacque della burocrazia ed ha il compito di avvicinare le richieste del cittadino ai servizi dell’Amministrazione.

Ad integrazione di quanto indicato nella relazione afferente all’Area affari istituzionali e relazioni col pubblico, con lo spostamento dell’URP a Palazzo Ducale e la nuova logistica degli uffici, che consente di mettere a disposizione del cittadino mediamente cinque postazioni contemporaneamente, oltre a quella della responsabile del Servizio che si occupa normalmente dell’organizzazione interna, del back office, degli accessi telefonici, è stata verificata, nella consueta relazione annuale elaborata dall’URP, la riduzione dei tempi medi di attesa per accedere ai servizi anche su appuntamento. Da settembre 2011, infatti, si sta sperimentando una nuova organizzazione del front office tramite uno sportello dedicato agli appuntamenti per le pratiche che richiedono tempi lunghi e la presentazione di documentazione quali: ISEE, bonus energia, iscrizioni anagrafiche e cambi di indirizzo. La soluzione adottata permette un maggior controllo degli accessi, evitando code di utenti a ridosso dell’orario di chiusura e sportelli tutti impegnati nell’espletamento di pratiche lunghe. In questo modo i tempi di attesa del cittadino si sono ridotti e per fissare un appuntamento non si superano i 7 giorni. Vengono, in ogni caso, salvaguardate eventuali situazioni che non possono attendere i tempi dell’appuntamento, purchè la documentazione da presentare sia completa, al fine di consentire un corretto espletamento del procedimento. Si fa presente, a questo proposito, che le attestazioni ISEE sono aumentate tangibilmente rispetto al 2010 (495 pratiche contro le 395 del 2010) probabilmente a causa del fatto che l’INPS, anche a livello locale, non fornisce più assistenza diretta, ma accoglie solo richieste on line (D.S.U.).

A partire dal mese di giugno 2011, è stato attivato il servizio di protocollo dei documenti in entrata che permette di restituire in tempo reale al cittadino l’attestazione di avvenuta consegna, eliminando così il secondo accesso allo sportello.

Dal 2011, poi, vengono inviati agli interessati in possesso di telefono cellulare sms per il ritiro di “pratiche pronte” quali: pass transito e sosta nel centro storico, certificati anagrafici e di stato civile, pratiche del S.U.E. e del Servizio ambiente.

In accordo con la Camera di Commercio di Reggio Emilia, è partita la sperimentazione per la “bassa reggiana” di un nuovo procedimento telematico destinato a snellire sensibilmente i rapporti tra imprese e Ufficio Estero della Camera di Commercio di Reggio Emilia, finalizzato a rispondere ai fabbisogni dell’utenza. A tal proposito, è stato sottoscritto un protocollo d’intesa tra l’Ente camerale ed il Comune di Guastalla per offrire alle imprese del territorio la possibilità di inviare telematicamente la documentazione necessaria al rilascio del certificato d’origine richiesto per i rapporti commerciali con Paesi esteri, ritirando i certificati d’origine in forma cartacea (imposta dalla normativa) – compilati e vidimati dagli uffici camerali – presso l’URP del Comune di Guastalla. Questa nuova procedura, partita dal mese di ottobre 2011, non comporta alcun aumento dei costi per le imprese ed è orientata a valorizzare il territorio e le nuove tecnologie impiegate, garantendo un appoggio concreto all’utenza, in quanto a seguito della chiusura dello sportello camerale a Guastalla, avvenuta nella seconda metà del 2008, detto servizio era fornito esclusivamente dalla Camera di Commercio a Reggio Emilia.

Infine, il sito web istituzionale viene costantemente aggiornato e corredato di modulistica aggiornata, resa altresì disponibile nella sala d’attesa dell’URP con possibilità di compilazione sull’apposito bancone.

Servizio demografico e polizia mortuaria

Come già accennato nella relazione sullo stato di attuazione del programma dello scorso settembre, si è provveduto a riorganizzare il servizio per la celebrazione dei matrimoni civili per andare incontro alle richieste di diverse coppie di nubendi, sia per la location, contribuendo così alla valorizzazione e conoscenza del patrimonio storico-artistico della zona rendendo fruibile anche Palazzo Ducale, sia ampliando gli orari di accesso al servizio, con un aumento del 70% delle celebrazioni rispetto all’anno 2010.

Al fine di favorire il cittadino nella compilazione del questionario del 15° Censimento generale della popolazione e delle abitazioni, è stata garantita un’ampia apertura del Centro Comunale di Raccolta, posto al piano terra della Sede Municipale.

Si parla infatti di 42 ore settimanali a ottobre 2011, oltre all’apertura festiva del 9 ottobre 2011 – data del censimento – 38,5 ore a novembre e 28 ore a dicembre. Questa intensa ed impegnativa attività, oltre alle iniziative di divulgazione promosse dal Comune di Guastalla (es. presentazione del censimento ai ragazzi frequentanti l’Istituto S. Orsola a Guastalla) anche in collaborazione con l’Istat (Census tour) ha fatto sì che si sia potuto raggiungere un risultato del 32,63% di questionari compilati on line (la rilevazione pilota dell’Istat per la restituzione via web era del 9%), nonostante le difficoltà iniziali riscontrate nell’utilizzo del Sistema di Gestione della Rilevazione (SGR) gestito direttamente dall’Istat. In sintesi i questionari restituiti al 31/12/2011 sono stati 6.080 di cui: 1.984 via web + 2.179 consegnati al CCR + 382 consegnati ai rilevatori + 1.535 consegnati agli uffici postali, successivamente revisionati dall’Ufficio Comunale di Censimento con la sola eccezione di quelli compilati on line dai cittadini.

La corretta e tempestiva raccolta dei dati censuari è finalizzata alla produzione di informazioni sulle principali caratteristiche strutturali della popolazione e degli edifici, disponibili dal 2013, che permetteranno di: approfondire la conoscenza della realtà socio-demografica della popolazione locale, pianificare attività e progetti, offrire servizi ai cittadini italiani ed agli stranieri che vivono a Guastalla, monitorare politiche e interventi sul territorio in base ai dati raccolti.

Il controllo sistematico di tutte le pratiche di iscrizione e variazione anagrafica presentate all’U.R.P. da parte dei richiedenti la residenza presso il Comune di Guastalla, porta alle seguenti risultanze per il 2011: per le immigrazioni dall’estero, da altro Comune o da precedente irreperibilità si rileva, in sintesi:

– rispetto al 2010, una riduzione delle iscrizioni delle pratiche del 17,8%; pertanto, si è ridotto il numero di famiglie che hanno richiesto l’iscrizione (cause probabili: crisi economica);

per i cambi di abitazione all’interno del Comune si rileva, in sintesi:

– rispetto al 2010, un aumento delle pratiche di variazione anagrafica del 13,41%, determinato in parte dall’attività censuaria.

Con il trasferimento dell’URP a Palazzo Ducale, diventa sempre più stringente la necessità di riallineare i dati disponibili sul software con quelli indicati nei registri cartacei dello stato civile, al fine di migliorare il servizio al cittadino nel rilascio del maggior numero di certificazioni di stato civile in tempo reale. A tal fine, è stato effettuato il controllo dei registri di matrimonio per gli anni che vanno dal 1999 al 2011 e di nascita dal 2001 al 2011. Per i dati non ancora aggiornati sono state individuate le modalità e i tempi di rilascio dei certificati ove si renda necessario un preventivo controllo, non avendo la certezza della corrispondenza dei dati medesimi con quelli registrati negli archivi cartacei.

Per quanto riguarda il Servizio di Polizia Mortuaria, dato l’imponente lavoro di controllo sullo stato dell’arte delle concessioni cimiteriali, è stato implementato l’organico con assegnazione di un dipendente a 18 ore settimanali dal 7 novembre scorso.

Inoltre:

– è continuata l’attività di riscontro sul software delle concessioni dell’Ala ovest (Settori O – P – Q – R – S) del cimitero urbano e si è registrato un incremento delle entrate del 10,8% rispetto a quelle dell’anno 2010,

– a fine dicembre scorso sono state redatte le note operative recanti i criteri da adottare per la definizione delle concessioni scadute,

– nel cimitero di San Rocco la completa sostituzione delle lampadine ad incandescenza con quelle a led ha determinato una riduzione dei consumi di energia elettrica destinata all’illuminazione votiva che si attesta al 60%. Pertanto, si è provveduto a sostituire i corpi illuminanti anche nel cimitero di San Girolamo, con un risparmio rilevato del 65%. Queste operazioni sono finalizzate a ridimensionare i consumi energetici, ad ammortizzare le spese sostenute per la sostituzione dei corpi illuminanti con i risparmi sulle bollette, a non alzare il canone di abbonamento per gli utenti nonostante l’aumento dell’IVA, ad omogeneizzare la luce votiva nei cimiteri migliorando l’aspetto estetico.

Servizio elettorale

Oltre a quanto già precisato nella relazione sullo stato di attuazione del programma in oggetto, si fa presente che a seguito di una nuova organizzazione dell’Ufficio elettorale comunale, in occasione delle consultazioni referendarie del 12 e 13 giugno 2011, la spesa per il lavoro straordinario riconosciuto ai dipendenti è stata ridotta del 40,15% rispetto a quella sostenuta nelle consultazioni regionali del 2010, nonostante il mancato affidamento di incarichi esterni per l’allestimento dei seggi e dei tabelloni per la propaganda elettorale, curato dal personale interno. Nel pianificare gli acquisti necessari allo svolgimento delle consultazioni, si è operato il benchmarking col Comune di Correggio nel confrontare in dettaglio i costi sostenuti. Il rendiconto presentato è stata vagliato positivamente dalla Prefettura di Reggio Emilia che ha disposto il rimborso complessivo delle spese nonostante il leggero sforamento rispetto ai parametri stabiliti dal Ministero dell’Interno, che ci ha permesso anche l’acquisto di 10 cabine elettorali idonee per le persone portatrici di diverse abilità e l’eliminazione delle barriere architettoniche in tutte le sedi di seggio.

Infine, si è prevista una parziale riorganizzazione della logistica delle sezioni elettorali finalizzata al contenimento delle spese di funzionamento e di allestimento, che verrà posta prossimamente al vaglio della Sottocommissione Elettorale Circondariale.

PROGRAMMA 3: TERRITORIO, SUE, SUAP, ATTIVITA’ ECONOMICHE

Progettualità:n. 1 TUTELA E CONTROLLO COLONIE FELINE

Progetto ed obiettivo dell’Assessorato all’Ambiente, svolto e concretizzato in ottemperanza alla normativa Regionale che si esprime in materia di tutela e controllo della popolazione canina e felina. In particolare la suddetta norma Regione Emilia Romagna n. 27 del 7 aprile 2000”,ha lo scopo di assicurare, d’intesa con le Aziende Unità Sanitarie locali, direttamente o tramite convenzioni con associazioni zoofile o animaliste, il censimento e la gestione delle colonie feline presenti sul proprio territorio. Individua in capo ai Comuni la competenza ad istituire servizi per la protezione ed il controllo della popolazione canina e felina avvalendosi anche della collaborazione di personale messo a disposizione a titolo volontario e gratuito da Organizzazioni ed Associazioni protezioniste. Inoltre gli interventi per la limitazione delle nascite sono eseguiti da Veterinari dipendenti dall’Azienda Unità Sanitaria locale presso le strutture di ricovero e da Veterinari liberi professionisti convenzionati.

A seguito di ciò, perseguendo la volontà dell’Amministrazione, con il parere favorevole del Presidente dell’ Ordine dei Medici Veterinari della Provincia di Reggio Emilia, si è proceduto alla stipula della convenzione tra il Comune di Guastalla e i veterinari liberi professionisti per la sterilizzazione dei gatti randagi. Contestualmente si è quindi ritenuto necessario di avvalersi della collaborazione di alcuni volontari residenti a Guastalla, riuniti in associazione denominata “i Quattro Gatti” (registrata a Guastalla il 03/03/2011 al n.477) per lo svolgimento di tutte le attività nell’ambito della Convenzione sopracitata per la sterilizzazione di colonie di gatti randagi e previste dalla L.R. 27/2000;

La realizzazione degli interventi di cui sopra comportano per l’amministrazione un costo per ogni singolo elemento di € 50,00 compreso di 2% ENPAV e 20% IVA per i gatti maschi e €100,00 compreso di 2% ENPAV e 20% IVA per i gatti femmine, da corrispondere ai medici Veterinari convenzionati (convenzione :Repertorio n.4352 del 03/03/2011),;

Le attività, eseguite (e che annualmente si dovranno ripetere per le colonie dichiarate) sono state:

1. cattura dei gatti e consegna ai Veterinari convenzionati da personale volontario autorizzato preventivamente dal Comune, in accordo e sotto la vigilanza dell’Azienda USL – Servizio Veterinario, dotato di apposito tesserino di riconoscimento indicante il nominativo ed il tipo di attività di collaborazione espletata dal volontario in attuazione delle finalità della presente convenzione; aggiornamento dell’elenco elenco degli interventi eseguiti da ciascun sanitario con indicazione della tipologia e della colonia;

2. il Veterinario convenzionato con l’Amministrazione ha messo a disposizione il locale e tutto quanto necessario per l’effettuazione degli interventi chirurgici provvedendo anche all’assistenza degli animali sino al loro risveglio dall’anestesia (o fino a quando ritenga il Veterinario stesso, a suo giudizio, salvo complicazioni), nonchè a praticare un segno di riconoscimento visibile a distanza sull’orecchio sinistro del gatto sterilizzato (foro nel lembo triangolare della pinna);

3. il compenso per la sterilizzazione dei gatti maschi è stato stabilito e rispettato come da convenzione in Euro 50,00 compreso di ENPAV e IVA, per le femmine Euro 100,00 compreso di ENPAV e IVA.

4. tutti gli interventi chirurgici sono stati eseguiti in anestesia generale, secondo buona pratica e rispettando le norme riguardanti il benessere degli animali;

5. della stipula convenzione è stata data preventiva notizia, a cura del Comune convenzionante, al Servizio Veterinario dell’Azienda USL per opportuna conoscenza e gli adempimenti dovuti.

Progettualità: n. 2 VIVAIO COMUNALE

Al fine di valorizzare e promuovere alcune aree verdi del territorio, l’Amministrazione ha ritenuto giusto affidare un’ incarico all’Associazione Guastalla Ambiente per realizzare il parco vivaio situato tra via Sacco e Vanzetti e Via Cavallo insieme al personale del Servizio Ambiente del Comune stesso. Il progetto ha avuto l’obiettivo di ricreare e migliorare ambienti autoctoni per favorire il riequilibrio ecologico e per una maggiore stabilità ambientale, oltre ad avere una funzione didattica e ricreativa favorite anche con la realizzazione di un vialetto interno lungo il quale sono state posizionate panche in legno e tavoli per il ristoro. L’attività prevalente prevista nel vivaio è l’accrescimento e l’acclimatamento di alberi ed arbusti per ottenere soggetti sani e nell’ottica della partecipazione e condivisione delle progettualità, poiché il territorio comunale è territorio della cittadinanza,

Ad oggi IL Parco Vivaio è terminato ed è stato inaugurato pubblicamente in data 29/10/2011, come da previsione e volontà dell’Amministrazione.

INDICATORE DI RISULTATO: risultato a fine anno 2011 presuppone:

-Realizzazione ed approvazione del progetto.

– Inizio Lavori e svolgimento operazioni a cura delle associazione che si occupano della tutela del verde.

– Inaugurazione con pubblicizzazione dell’iniziativa il 29/10/2011

In attuazione della Convenzione tra il comune di Guastalla e l’Associazione Guastalla Ambiente , delibera di Giunta n.6 del11/02/2010.

Progettualità: n. 3 ATTREZZATURE LUDICHE NEI PARCHI

Al fine di poter garantire migliori condizioni di sicurezza nell’utilizzo dei giochi collocati nei giardini pubblici, nonché consentire a genitori e bambini, di usufruire delle attrezzature ludiche, con la consapevolezza che le strutture che vi troveranno offrano elevati standard di sicurezza e siano controllate attraverso un efficiente servizio di monitoraggio, l’Amministrazione Comunale, ha attuato un programma specifico di manutenzione e messa in sicurezza e/o sostituzione delle attrezzature ludiche non più rispondenti alle normative europee. Le normative prevedono che, oltre ad acquistare solo materiale certificato, si debba anche provvedere alla manutenzione secondo regole precise in grado di garantire il mantenimento degli standard di sicurezza.

A tal fine, tutte le attrezzature ludiche del Comune di Guastalla sono state sottoposte ad un monitoraggio effettuato da ditte specializzate al fine di creare l’abaco, delle attrezzature presenti in ogni parco con indicazione precisa del loro stato di conservazione e sicurezza secondo la normativa vigente. Sono quindi conseguentemente state svolte le operazioni di manutenzione delle medesime attrezzature ed effettuati gli ordini per le forniture delle nuove attrezzature a ditte differenti, a seguito di invito a presentare offerte, in modo da poter dare ai cittadini ed ai visitatori le migliori garanzie di poter far giocare in piena sicurezza i bambini. Il lavoro meticoloso ed attento di verifica dello status quo si svolto su tutti i parchi comunali, nonché una scuola materna. La sistemazione e/o la progettazione seguita da realizzazione per l’anno 2011 si è concentrata sui seguenti parchi:

Parco Asilo Nido Rondine, Parco in Via Simonazzi, Parco in Via Comunità Europea, Parco in Via Roncaglio Superiore S. Giacomo. Per i parchi Comunali di Via Aldo Moro e di Via S. Giuseppe, le attività sono ancora in corso sono state affidate nel rispetto dello stanziamento ottenuto.

Progettualità: n. 4 START UP DELL’IMPIANTO FOTOVOLTAICO COMUNALE

Il progetto fotovoltaico comunale, quale Ambizioso Progetto dell’Assessorato all’Ambiente e dell’Amministrazione tutta, realizzato allo scopo della produzione e scambio sul posto di energia elettrica, è stato concretizzato seguendo tutte le fasi dalla progettazione, all’assegnazione dei lavori tramite il bando pubblico, al collaudo e messa in funzione, entrando temporalmente nei canoni del cosiddetto “quarto conto Energia”. L’impianto è stato ufficialmente inaugurato dall’Amministrazione Comunale il 21/01/2012.

Le fasi di svolgimento dell’intera operazione hanno comportato:

– Ufficializzazione del progetto definitivo con approvazione in giunta a seguito della variante normativa della fine anno 2010:

Delibera di Giunta n.65 del 09/06/2011.

– determinazione a contrarre a favore del servizio Appalti Bassa Reggiana : Det. n.218 del 10/06/2011;

– Assegnazione dell’appalto: Det. Ufficio Appalti n. 195 del 27/07/2011.

– Approvazione del progetto esecutivo: Delibera di Giunta Comunale n.114 del 29/09/2011;

– Nomina del Direttore Lavori : data 05/10/2011;

– Nomina Coordinatore Sicurezza in fase esecutiva : data 05/10/2011

– Inizio lavori : 07/10/2011;

– Fine lavori : 24/11/2011;

– Connessione alla rete Enel : data 30/12/2011 ed invio alla Dogana per l’ottenimento dei contributi del GSE 4° conto

energia;

Inaugurazione : data 21/01/2012.

URBANISTICA E TERRITORIO

Progettualità: n. 5 PIANO DEL COLORE DEL CENTRO STORICO

L’Amministrazione ha ritenuto di dotarsi del Piano del Colore quale uno tra gli strumenti necessari alla tutela dell’indubbio valore della realtà storica guastallese mirando al riconoscimento del luogo attraverso la difesa e valorizzazione della propria immagine storico-architettonica rappresentata nella sua veste più celebre del centro storico.

L’esigenza quindi di definire una tavolozza dei colori degli edifici del succitato centro storico di Guastalla,nasce dalla necessità di fornire un utile strumento operativo per la buona e corretta definizione delle tinte negli interventi sulle superfici intonacate. Il lavoro svolto, di alta complessità ha comportato l’attenta analisi dello stato attuale e la progettualità a fronte di considerazioni professionali visive e cognitive e stesura dei dadi che fanno riferimento a fonti documentali storiche. Nel corso dei numerosi sopralluoghi eseguiti nel centro storico è stata rilevata la presenza di un’edilizia piuttosto omogenea, riconducibile a precise e definite epoche storiche, all’interno della quale spiccano episodi di rilevante valore storico e architettonico.

Se per gli edifici di maggior interesse (alcuni in buono stato, altri fatiscenti) si è deciso di procedere caso per caso, diverso è l’approccio scelto per quanto riguarda le cortine più omogenee, i cui edifici singolarmente hanno valore architettonico minore ma sono tuttavia fondamentali per la percezione del nucleo storico nel suo insieme.

Negli ultimi decenni le cortine edilizie del centro storico hanno subito interventi disomogenei e a volte pesantemente incongrui, che ne hanno cancellato – e ne stanno tuttora cancellando – la percezione corretta, mettendo a rischio l’identità del nucleo storico nel suo insieme.

Il Piano all’attualità è stato terminato ed approvato dalla Commissione per la qualità Architettonica e del Paesaggio e dalla Commissione Territorio, Ambiente e Benessere Sociale.

Progettualità: n. 6

APERTURA VARIANTI AL PIANO OPERATIVO COMUNALE

GESTIONE PIANI URBANISTICI ATTUATIVI

APERTURA CONSULTAZIONE PER PROCEDIMENTO DI REDAZIONE NUOVO PSC

A seguito del mutare, delle condizioni socio economiche, consapevole l’Amministrazione che gli strumenti urbanistici esistenti (Piano Strutturale Comunale PSC, POC e RUE) come mezzi di governo del territorio, non sono più sufficientemente aderenti alle scelte strategiche di assetto e sviluppo del Comune di Guastalla, e non più rispondenti in termini programmatici alle richieste dei privati e nemmeno ai bisogni della collettività, si sono approntate le fasi preliminari di revisione e/o rifacimento degli stessi con analisi specifiche e con il confronto con gli enti sovrordinati, propedeutiche e necessarie alla predisposizione delle varianti.

E stato per tanto affidato incarico esterno per la redazione della variante al POC, che ha presupposto incontri mirati e ripetuti con i privati al fine di ridefinire in termini di modifiche anche alla normativa, la possibilità di attuare interventi di sviluppo sul territorio. Tali interventi di carattere residenziale e produttivo, sono mirati sempre allo scopo di favorire ed sostenere le misure di sviluppo del Territorio Comunale.

Progettualità: n. 7

ALTRE ATTIVITA’ IN ESSERE ED EFFETTUATE IN MERITO A SFALCI, POTATURE, GESTIONE DEL

VERDE , PUNTI DI RACCOLTA RIFIUTI.

L’amministrazione, con l’intento di mantenere il decoro e il tenore di ordine e pulizia del territorio, e con la volontà di dare riscontro alle esigenze della cittadinanza, ha ritenuto necessario fossero attuate azioni sistematiche di sfalcio delle aree verdi comunali, compresi i bordi stradali e rotonde; irrigazioni ove necessitavano; potature di essenze arboree, siepi ed arbusti, con la consulenza del Consorzio Fitosanitario Provinciale; fornitura di essenze arboree e arbustive ai privati che ne avevano fatta richiesta, provenienti dai vivai forestali della Regione Emilia Romagna; organizzazione della manutenzione delle aree di cessione derivanti dai piani urbanistici e monitoraggio del territorio anche per aree private, sollecitando l’emissione di ordinanze di cura e manutenzione; nonché, la predisposizione con la collaborazione di Sabar e Bettolino dei punti di raccolta rifiuti in occasione di manifestazioni ed eventi di carattere Pubblico e/o organizzate da Associazioni locali e l’istallazione dei nuovi e necessari raccoglitori per i rifiuti da passeggio lungo Via Gonzaga.

PROGRAMMA 4: LAVORI PUBBLICI, PATRIMONIO E MANUTENZIONI

LAVORI PUBBLICI

E’ stata predisposta sul sito internet del Comune una pagina denominata “lavori in corso” all’interno della quali sono stati riportati tutti i cantieri previsti dal piano triennale con l’indicazione delle principali caratteristiche delle singole attività e del loro stato di avanzamento. Si ritiene che questo strumento possa essere di facile consultazione sia per gli Amministratori che per la cittadinanza per essere aggiornati in tempo reale sullo stato di attuazione dei diversi cantieri previsti dal piano annuale dei lavori pubblici.

VIABILITA’

Il piano triennale dei lavori pubblici prevedeva per il Servizio Viabilità tutti quegli interventi necessari a garantire l’efficienza delle strade nella loro complessità, includendo la segnaletica orizzontale e verticale, il manto stradale, gli impianti tecnologici e tutti gli spazi annessi alla rete viabilistica.

Sono stati attuati sia interventi di manutenzione ordinaria, tramite la squadra dei manutentori comunali, sia interventi di manutenzione straordinaria, con affidamenti di lavori a ditte esterne.

Nei mesi autunnali sono stati realizzati i lavori di asfaltature della rete viaria del Comune, e sono stati conclusi anche i lavori di manutenzione della pavimentazione in porfido di Largo Gramsci, ingresso della Città dalla ex Porta Po.

In merito al tema della sicurezza stradale sulla via Sacco e Vanzetti e l’intersezione con via Rocaglio Superiore, sono terminati i lavori di realizzazione della rotatoria; restano ad oggi da definire nel dettaglio le caratteristiche dell’allestimento interno dell’intersezione. Tale attività risulta definita e attuata sulla base di convenzioni tra il Comune di Guastalla e la Provincia di Reggio Emilia.

PUBBLICA ILLUMINAZIONE

In merito agli interventi manutentivi dell’impianto di pubblica illuminazione del Comune sono state messe in pratica leseguenti azioni:

_ censimento dei punti luce, teso alla verifica della rispondenza normativa sia regionale che nazionale, al fine di definire un piano di interventi volto ad ottenere un risparmio energetico e un risparmio dei costi di esercizio;

_ indicazioni operative e prescrizioni per l’installazione di corpi illuminanti a led nei nuovi insediamenti ed estendimenti di rete;

_ graduale sostituzione lampadine luci votive nei diversi cimiteri comunali con nuove a led in sostituzione delle attuali ad incandescenza.

A seguito del contratto di fornitura di energia elettrica, sottoscritto con la Società EDISON, è stata realizzata una analisi delle singole forniture per valutare l’adeguatezza contrattuale e funzionale.

PROTEZIONE CIVILE

L’ufficio tecnico comunale ha garantito la tutela della pubblica incolumità e igiene del territorio comunale sulla scorta dell’ausilio tecnico di staff intersettoriale, assicurando un servizio di pronto intervento a seguito di specifica segnalazione, per la verifica della staticità degli immobili ricadenti nell’interno del territorio comunale, in stretta collaborazione con la Polizia Municipale e il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco. Basti pensare alle azioni messe in campo a seguito di alcuni incendi in abitazioni private (via Trento e in Piazza Matteotti) e per gli eventi sismici che hanno colpito il nostro territorio.

Si ricorda, che proprio al fine di garantire la corretta formazione e informazione del personale dipendente del Comune, dei volontari di protezione civile e della cittadinanza, in collaborazione con la Provincia di Reggio Emilia, era sta fissata una esercitazione provinciale di Protezione Civile – rischio idraulico ampio Po e rischi industriale – per il mese di novembre del 2011. Anche se l’esercitazione è stata posticipata al mese di marzo del 2012, sono state svolte tutte quelle azione propedeutiche e preparatorie per suo corretto svolgimento.

Infine, è stato modificato ed integrato il piano di pronto intervento per l’emergenza neve: è stato integrato il numero delle ditte coinvolte ed è stato individuato un referente esterno per l’organizzazione e la gestione delle attività previste sul territorio, il tutto coordinato dal responsabile del servizio viabilità del Comune..

GESTIONE DEL PATRIMONIO COMUNALE

Si è proceduto nel corso dell’anno 2011 con le procedure individuate per l’informatizzazione e l’aggiornamento dell’inventario dei beni immobili del Comune.

Sono state predisposte delle bozze di regolamenti per la concessione degli immobili comunali a terzi e per l’assegnazione degli alloggi comunali di custodia. Tali regolamenti dovranno poi essere valutati nel dettaglio nelle apposite commissioni consiliari.

In merito all’aggiornamento dei fitti attivi e passivi, alla verifica dei pagamenti e alla eventuale adozione dei provvedimenti sono state avviate procedure di verifica in merito agli immobili di via Trieste 4, via Ponte Pietra 9 e al Campo Nomadi di via Argine Po.

A seguito degli accertamenti e dei contatti avuti con i singoli inquilini è stato creato un file, in accordo con servizio ragioneria, dove risultano indicate le rateizzazioni concesse, gli importi delle rate da versare e le scadenze, azioni concordate con passaggio in Giunta. In alcuni casi si è proceduto alla messa a ruolo delle somme dovute tramite l’Ufficio Tributi.

Sono state anche verificate le situazioni inerenti alcuni circoli sportivi, ad esempio il Kyoto center e l’AICS di Pieve, per i quali sono in corso di definizione accordi per il rientro delle somme dovute.

Per quanto riguarda il piano delle alienazioni e valorizzazioni di cui all’art. 58 D.L. n. 112/2008, con la firma del rogito notarile, è stato concluso l’iter per l’alienazione di alcuni alloggi ACER. Sono anche stati avviati alcuni confronti per l’individuazione dei beni da inserire nel programma delle alienazioni del 2012.

Infine, durante il corrente anno si è proceduto con la realizzazione del programma di interventi finalizzati al superamento barriere architettoniche. In particolare è stato redatto il progetto preliminare per le scuole elementari di San Martino, sono stati realizzati lavori presso la sala civica presso il ridotto del teatro comunale, alla scuola elementare di Pieve e i lavori per il trasferimento del Servizio Sociale Comunale del SIZ e del NUP nei locali siti in via IV novembre. Sempre per consentire ai diversamente abili un facile accesso agli edifici pubblici e una libera circolazione per le strade della Città sono stati realizzati lavori di adeguamento al marciapiede antistante la nuova sede dei Vigili Urbani in via Gonzaga e in Largo Gramsci.

PROGRAMMA 5: CULTURA GIOVANI E SPORT

Legge di Stabilità mostre

Si è andati al completamento delle strutture espositive presenti presso il Palazzo Ducale per ospitare, tenendo conto della Finanziaria, esposizioni temporanee a costi contenuti; mentre nella sala Espositiva di S. Francesco si sono organizzate senza impegni finanziari mostre di vari artisti – sia collettive che personali nel rispetto di programmazioni provinciali o territoriali.

Le ricerche storiche ed artistiche con particolare attenzione alle collezioni della casa Estense sono state pubblicate avvalendosi di giovani ricercatori ; il teatro ospita documenti ed immagini tali da renderlo anche luogo di conservazione museale.

150° unità d’Italia

Le iniziative inerenti il 150° dell’unità d’Italia si sono realizzate con successo nella primavera e si sono concluse con la mostra fotografica “insorti e risorti” ospitata a Palazzo Ducale nel dicembre, rispettando temi e coinvolgendo più luoghi della città : Teatro, Palazzo Frattini, Palazzo ducale.

Istituzioni Culturali

Teatro

La programmazione 2011-2012 partita nel novembre ha mostrato un buon successo di pubblico e il luogo ha mantenuto fede alla vocazione di polo di aggregazione sociale ospitando e favorendo le attività delle varie associazioni culturali e di volontariato del territorio.

Biblioteca Comunale

Ha rispettato i propri canoni di servizio di pubblica lettura ed ha programmato, come previsto, incontri con autori, sia locali sia di piano nazionale, programmazione ancora in essere che si completerà nell’autunno;

Archivio Storico Comunale

L’archivio storico comunale è stato analizzato e sono stati definiti i beni documentali che potranno comporre all’interno di Palazzo Frattini una sezione storica; tale processo è in essere, a maggior ragione ora, grazie al trasferimento dei servizi sociali anche se con il blocco degli acquisti dettato, dal patto di stabilità obbligherà ad una riflessione sul come procedere.

Museo di Palazzo Ducale

Si sta procedendo ad una rivisitazione delle collezioni presenti presso il Museo di Palazzo ducale con la definizione delle stanze del 700 alla luce dell’avvenuta donazione da parte dell’Archivio di Stato di Reggio Emilia del plastico della Battaglia di Guastalla avvenuta nel 1734. Si sono completate le due sale dedicate ai laboratori didattici e alla multimedialità, si sono completato le sale dedicate all’Ottocento con una rimodulazione degli spazi e delle raccolte.

Volontariato culturale

Con la costituzione dell’ass. “Società per la valorizzazione culturale e turistica di Guastalla” si offerta dopo attento periodo di formazione a giovani del territorio la possibilità di offrire una propria disponibilità nei servizi culturali e turistici. Il risultato è lusinghiero vista la loro presenza nei servizi bibliotecari, museali, turistici ed espositivi.

Turismo- manifestazioni- sistema Po

Si è mantenuto fede all’apertura dello UIT territoriale e alla messa in disponibilità dell’Ostello del Po. L’ufficio turistico territoriale come previsto si è trasferito nella sede di Palazzo Ducale danno maggior respiro al servizio ed una migliore accoglienza al visitatore.

Politiche Giovanili

La realizzazione del cinema estivo, il programma di concerti, la notte rosa e la notte bianca hanno resa particolarmente intensa l’estate guastallese nel rispetto dei programmi.

Sport

Lo sviluppo delle attività sportive vede la gestione sempre più vicina alle società sportive dalla Società Saturno, al Kyoto Center al Rugby Guastalla. L’attivazione di convenzioni e di affidamenti rende flessibile e più accurata la programmazione sportiva. Questa fase di sperimentazione meriterà in seguito necessari approfondimenti anche perché la concessione e la collaborazione nelle gestioni risultano essere soluzioni vincenti alla luce della mancanza di personale e della diminuzione delle risorse.

PROGRAMMA 6 : SCUOLA E SANITA’

Fino al termine dell’ a.s. 2010-2011 il Comune di Guastalla ha sostenuto l’attività dell’Associazione Progettinfanzia, associazione dei Comuni della Bassa Reggiana, il cui scopo era quello di contribuire allo sviluppo della cultura pedagogica e dei servizi educativi rivolti a bambini e ragazzi presso i comuni soci.

Il Coordinamento Pedagogico, facente riferimento all’associazione, nel lavorare per migliorare la qualità dei servizi educativi offerti ai bambini e alle loro famiglie, ha utilizzato come in passato gli strumenti della formazione permanente degli operatori dei servizi e ha proposto e realizzato una serie di progettazioni di qualificazione.

Nell’ambito delle progettualità seguite dall’Associazione è proseguito il progetto denominato Punto d’Ascolto che prevede la presenza di una figura di consulenza psicologica e progettuale nelle scuole primarie del nostro distretto, compreso quindi il Comune di Guastalla.

A gennaio le domande di iscrizione ai servizi per l’anno scolastico 2011-2012 hanno confermato la tendenza all’aumento della richiesta rivolta alla scuola dell’infanzia. L’Amministrazione Comunale, valutate le necessità e le proposte del servizio istruzione, nonché la disponibilità del personale ha potenziato la sezione mista istituita nel corso del precedente anno scolastico per poter così accogliere un maggior numero di domande.

A febbraio si è poi iniziato a lavorare sull’organizzazione del servizio estivo per il mese di luglio per dare risposta alle esigenze delle famiglie che, in un periodo difficile come quello che stiamo vivendo: 68 famiglie hanno potuto così potuto garantire la propria presenza sul posto di lavoro.

Visto il perdurare della crisi economica l’amministrazione ha deciso di sostenere le famiglie con minori mantenendo invariate le rette sia dei nidi che delle scuole d’infanzia che dei servizi in generale , non applicando neppure il recupero dell’inflazione.

Sono stati poi riproposte presso il Nido Pollicino in va Costa le attività laboratoriali rivolte ai bambini 0/6 anni e alle loro famiglie. Si sono volute creare occasioni di scambio tra le famiglie, dove vivere e sperimentare momenti di relazione, contribuendo alla costruzione dell’identità delle bambine e dei bambini nei loro primi anni di vita e al sostegno delle competenze genitoriali. Le attività proposte a bambini e genitori insieme sono state volte a favorire le relazioni adulti/bambino, bambini/bambini ed adulti/adulti (genitori, nonni ed operatori) creando occasioni di incontro, gioco e divertimento.

Al termine dell’anno 2010 il Comune di Guastalla unitamente agli altri Comuni del distretto aveva deciso di trasferire all’Unione dei Comuni Bassa Reggiana la gestione dei servizi scolastici, ente che a sua volta ha individuato nell’«Azienda Speciale» lo strumento in grado di garantire i diritti, il controllo e l’accessibilità tipici dell’ente locale, uniti alla dinamicità operativa del privato. L’azienda consentirà ai comuni di continuare ad erogare servizi nel rispetto del patto di stabilità, controllando il tetto di spesa del personale imposto agli Enti locali. Grazie alla gestione unica dei servizi ad oggi gestiti dalle singole amministrazioni si attiverà una condivisione che porterà ad una migliore razionalizzazione delle spese, realizzando economie di scala e organicità gestionale. Obiettivo è quello di mantenere la qualità dei servizi fino ad oggi resi. La sostenibilità dell’«Azienda Speciale» sarà garantita dall’unificazione degli uffici di supporto sia amministrativo che gestionale mentre il coordinamento pedagogico e territoriale sarà lo stesso che operava negli otto Comuni. Per raggiungere questi risultati il servizio scolastico del nostro Comune, unitamente a quelli degli altro sette comuni del distretto ha messo a disposizione competenza ed esperienza per definire un progetto organizzativo sulla gestione dei servizi educativi da parte dell’azienda e costruire così un percorso di trasferimento della gestione in grado di garantire il mantenimento della qualità e dell’efficienza dei servizi oggetto del trasferimento

Ad agosto 2011 la gestione dei servizi educativi del Comune di Guastalla è stata trasferita all’azienda speciale dell’Unione dei Comuni “Bassa Reggiana” alla quale è stata affidata la gestione dei servizi scolastici ed educativi. Nello specifico:

a) Asilo Nido Pollicino composto da n. 2 sezioni di cui 2 tempo pieno con possibilità di part time;

b) Asilo Nido Rondine composto da n. 3 sezioni di cui 3 (tre) a tempo pieno;

c) Scuola comunale dell’infanzia ARCOBALENO composto da n. 4 sezioni di cui 4 (quattro) a tempo pieno;

d) Servizio di tempo prolungato presso Nido Rondine e Scuola Comunale dell’Infanzia Arcobaleno ;

e) Servizio di tempo estivo presso Nido Rondine e Scuola Comunale dell’Infanzia Arcobaleno per il periodo dal 2 luglio 2012 al 28 luglio 2012;

f) Assistenza alunni diversamente abili presso Istituto Comprensivo di Guastalla e presso Istituto Comprensivo di Novellara per alunni residenti nel Comune di Guastalla;

g) Punto d’Ascolto presso la scuola Primaria ;

h) Servizio di refezione scolastica per il Nido Pollicino, il Nido Rondine, la SCI Arcobaleno e per la Scuola Primaria – plesso del centro;

i) Servizio di trasporto scolastico per i seguenti plessi scolastici: Centro – San Martino e SCI Arcobaleno ;.

j) Ingresso anticipato presso Istituto Comprensivo di Guastalla per i plessi scolastici del Centro e di San Martino;

k) Coordinamento pedagogico;

l) Servizi di supporto all’attività educativa ed organizzativa nei momenti di particolare complessità o di gestione di attività complementari nel rispetto del calendario scolastico e degli orari di apertura del servizio. Il servizio istruzione del Comune ha accompagnato questo trasferimento per sostenere l’attività della nuova Azienda allo scopo di mantenere il livello qualitativo dei servizi scolastici comunali e di consentire alle famiglie di seguire questa trasformazione senza disagio e smarrimento.

***

Nel corso dell’anno scolastico 2010/2011 l’Istituto Comprensivo di Guastalla si è trovato a dover affrontare una cospicua serie di problematiche connesse all’alta presenza di alunni diversamente abili e da una progressiva quanto significativa crescita di alunni provenienti da paesi extra UE e da città del sud d’Italia. Da evidenziare poi la significativa presenza di bambini appartenenti a famiglie problematiche e alla contestuale necessita di garantire ai minori la frequenza in un ambiente scolastico accogliente e rassicurante.

Anche nel corso del 2011, nella seconda parte dell’anno scolastico, proprio al fine di continuare la collaborazione con la dirigenza dell’Istituto Comprensivo, il Comune di Guastalla ha garantito il proprio sostegno economico, diretto a sostenere quelle progettazioni che nel corso degli ultimi anni hanno consentito di dare una prima risposta alle mutate necessità del territorio.

Nel mesi di aprile e maggio è stato convocato un tavolo di lavoro composto dall’Amministrazione Comunale, dal Dirigente Scolastico e dal Consiglio di Istituto per analizzare i dati relativi agli alunni che si sono iscritti alla scuola primaria,per l’a.s. 2011-2012 tavolo che ha assunto le decisioni necessarie per poter garantire la qualità didattica che ha in questi anni caratterizzato il lavoro dell’Istituto e al contempo garantire il rispetto delle disposizione del Ministero dell’Istruzione in merito alla presenza nelle singole classi di bambini extra comunitari. Questo lavoro ha permesso al Dirigente scolastico di comunicare per tempo l’assegnazione dei singoli alunni nei tre plessi che compongo l’istituto.

Come previsto l’Amministrazione ha sostenuto una serie di progettazioni che contribuiscono in modo significativo alla formazione del Piano dell’Offerta formativa della scuola dell’Istituto Comprensivo: dal Punto d’ascolto (sportello di consulenza psicologica) ai percorsi di avvicinamento alla lettura, alle azioni volte a diminuire la dispersione scolastica promuovendo azioni di orientamento e di inclusione sociale; dalle attività sportive al teatro ragazzi.

In particolare nei primi sei mesi dell’anno 2011 sono proseguite fino a naturale conclusione le seguenti progettazioni :

Percorsi sicuri casa scuola – Da lunedì 21 Marzo e fino al termine dell’anno scolastico sono ricominciati i percorsi sicuri casa-scuola della scuola primaria del capoluogo e di Pieve di Guastalla con i bicibus e i pedibus. Un progetto ideato e realizzato dai servizi educativi e scolastici del Comune di Guastalla in collaborazione con Cooperativa Eden, scuola e famiglie realizzato per la prima volta quattro anni fa e che ogni volta accoglie nuove adesioni.

Bicibus sono un gruppo di bambine e bambini che vanno a scuola in bicicletta, i Pedibus sono formati da alunni che hanno scelto di andarci a piedi. Tutti i “bus” sono accompagnati da alcuni genitori volontari e ai bambini che aderiscono al progetto vengono consegnati i kit specifici offerti dalla Provincia e dalla Act di Reggio Emilia: caschetto, pettorina rifrangente e mantellina ripara pioggia per chi va in bicicletta, carrellino porta zaino su ruote e mantellina ripara pioggia per chi raggiunge la scuola a piedi.

La scuola primaria di Pieve ha attivato 2 bicibus e 1 pedibus. Stessi numeri per la scuola primaria del capoluogo.

Educazione ambientale – Come previsto sono proseguite in collaborazione con Cooperativa EDEN, tramite il Centro INFEA ( Informazione e Educazione Ambientale) denominato “Il Boscone di Po”, le attività di promozione e  la diffusione delle tematiche ambientali in ambito educativo, secondo quanto previsto dalla vigente convenzione.

Sono stati promossi laboratori specializzati dove realizzare interventi di natura formativa, esperienze concrete di ricerca, osservazione scientifica, informazione/elaborazione culturale sui temi ambientali, atte a produrre una vera cultura dell’ambiente, con particolare riferimento agli aspetti peculiari del territorio locale.

Centri pomeridiani – Come gli anni precedenti i servizi educativi in collaborazione con l’Associazione Pro. di. Gio hanno programmato due pomeriggi alla settimana in cui preadolescenti della nostra scuola media, su segnalazione dai consigli di classe e della psicologa, hanno potuto frequentare un laboratorio teso a favorire gli apprendimenti e l’autonomia . Il laboratorio, sostenuto dalla progettazione dei Piani sociali di zona iniziato il 25 gennaio e conclusosi il 31 maggio si è svolto presso l’Oratorio Don Bosco e ha visto la partecipazione di 14 studenti , di cui 11 maschi e femmine. Dei 14 dieci sono di origine straniera.. All’attività hanno partecipato 2 educatori e 9 levisti studenti del Russell.

Progetto Icaro – Il Comune di Guastalla, come lo scorso anno, ha assunto il ruolo di comune capofila di questa progettazione iniziato nel corso dell’anno scolastico 1999/2000 e promosso dall’Ufficio Scolastico Provinciale di Reggio Emilia sull’intero territorio provinciale. Si è trattato di un progetto finalizzato alla realizzazione di azioni di prevenzione della dispersione scolastica e al recupero mirato di situazioni a rischio di abbandono che coinvolgono studenti nel quindicesimo anno di età ancora privi della titolo conclusivo del primo ciclo di istruzione e in condizioni di palese disadattamento e marginalità sociale, nonché esposti al rischio di devianza. Il progetto ha operato attraverso l’accordo fra le scuole che annualmente segnalano all’equipe formativa del progetto adolescenti idonei a parteciparvi. Nel corso dell’ anno scolastico 2010-2011 hanno frequentato 15 studenti provenienti da Guastalla,Luzzara,Boretto,Novellara,Gualtieri,Poviglio e Reggiolo.

Le attività didattiche si sono svolte nei medesimi locali utilizzati lo scorso anno in Corso Garibaldi ( ex sede museo della città) . Questi locali di proprietà del Comune di Guastalla sono ora in concessione d’uso alla Biblioteca Maldotti che si è resa disponibile ad ospitare il Progetto.

Unitamente al direttore del Progetto e al Dirigente dell’Istituto capofila “Kennedy” il Comune di Guastalla ha proposto e approvato una convenzione tra i soggetti coinvolti al fine di individuare ruoli, responsabilità e copertura dei costi.

Questi progetti ( con la sola eccezione rappresentata dal Progetto Icaro che l’ufficio scolastico provinciale ha deciso non attivare) sono stati riproposti anche a settembre per sostenere il nuovo anno scolastico. L?Amministrazione Comunale ha mantenuto il medesimo inpegno economico assunto nel corso dell’anno precedente.

Come previsto dall’ Accordo di programma per l’integrazione scolastica degli alunni in situazione di disabilità ex Legge n.104/92, stipulato tra la Provincia di Reggio Emilia, l’Ufficio Scolastico Regionale (CSA di Reggio Emilia), l’AUSL, i Comuni della Provincia e le scuole del territorio, l’amministrazione comunale ha continuato, anche nel secondo semestre, a sostenere le famiglie interessate e gli istituti scolastici paritari. Ha poi garantito la presenza di educatori a sette alunni disabili frequentanti strutture private o ubicate in altri comuni; assicurando trasporti speciali; provvedendo ad acquisti di arredi, attrezzature e materiali necessari per il regolare inserimento degli alunni in ogni ordine e grado di scuola e sostenendo tramite le Associazioni Progettinfanzia e Pro.di.gio il “Progetto Educatore” nelle scuole primarie e secondarie.

Come lo scorso anno, in accordo con le famiglie, la scuola e il Servizio Sociale Integrato dell’Unione dei Comuni, sono state programmate esperienze estive rivolte ai minori diversamente abili. A questo proposito è stata approvata una specifica convenzione con i gestori dei CRES parrocchiali e sportivi al fine di definire le progettualità estive, ponendo particolare attenzione alla attività a sostegno dei ragazzi disabili o appartenenti a famiglie in difficoltà

Il Comune di Guastalla , in collaborazione con i Comuni di Gualtieri,Novellara, Carpi e Cavezzo e grazie all’impegno della Croce Rossa di Guastalla ha proseguito il servizio di trasporto scolastico verso la Casa del Sole di Mantova. Si tratta di un servizio importante che ha consentito a due ragazzi con grave disabilità di poter frequentare quotidianamente l’Istituto mantovano.

SETTORE WELFARE

Nel 2011 la crisi economica ha continuato a riflettersi negativamente sulla nostra comunità, impedendo così il superamento di un’emergenza povertà molto elevata rappresentata nel nostro Comune dalla presenza di molti disoccupati da lavoro precario, che non riescono più a pagare gli affitti, i mutui e le bollette delle utenze, le spese scolastiche per i figli.

Il servizio sociale comunale è stato chiamato quotidianamente a confrontarsi con numerose richieste provenienti da cittadini alla ricerca di lavoro, di contributi,di un alloggio popolare.

Per fronteggiare questa situazione l’Amministrazione Comunale di Guastalla ha stanziato una somma straordinaria da destinare nel seguente modo :

– € 8.000,00 per finanziare il protocollo già in essere per la promozione di un fondo di garanzia provinciale sull’affitto gestito da ACER che si pone come finalità principale la tutela dei proprietari dai rischi di morosità e di danneggio degli alloggi conferiti a fronte di una significativa riduzione del canone di locazione.

– € 20.000,00 per sostenere la progettazione presentata dalla CARITAS denominata “AVEVO FAME E MI AVETE DATO DA MANGIARE” che prevede la raccolta e la distribuzione di beni di prima necessità.

– € 5.000,00 da destinare alle associazioni presenteranno progetti di sostegno sociale;

– € 7.000,00 a favore di studenti universitari ( appartenenti a famiglie monoreddito in cassa integrazione) per contribuire alla spese di trasporto, acquisto di libri o tasse universitarie. Si prevede un contributo massimo di € 250,00

– € 15.000,00 a favore di anziani in difficoltà economica ( età maggiore ai 75 anni, percettori di pensione minima in affitto o proprietari dell’abitazione principale). Si è prevista non l’erogazione diretta ma la copertura di spese di utenze, affitto o acquisto buoni pasto).

– € 10.000,00 a favore di famiglie numerose ( con particolare attenzione a quelle che vedono la presenza di un minore).

Le domande pervenute dai nuclei famigliari numerosi sono state 23 di cui n. 19 presentate da cittadini extracomunitari e n. 4 da cittadini italiani.

Il lavoro svolto dal servizio sociale ha trovato difficoltà nella concessione di borse di studio a studenti universitari e del contributo straordinari per il pagamento delle utenze domestiche a favore di anziani aventi come unica fonte di reddito la pensione minima;. Le domande pervenute sono state pochissime.

Unitamente alla commissione consigliare si è cercato di comprendere quali sono state le motivazioni che hanno determinato tale risultato e si è deciso di emettere un nuovo bando a favore delle persone anziane rivedendo i vincoli di età e di reddito. Il nuovo bando emesso richiedeva il possesso dei seguenti requisiti

– residenza anagrafica a Guastalla

– avere un’età non inferiore ai 65 anni e/o appartenere ad un nucleo composto esclusivamente da persone di età non inferiore ai 65 anni:

– possedere un’attestazione ISEE il cui valore ISEE sia inferiore a € 24.000,000 ed il patrimonio mobiliare inferiore a € 35.000,00

– non essere titolare di diritti di proprietà o essere titolari della sola unità immobiliare adibita ad abitazione principale

– non aver ottenuto il contributo col precedente bando a favore di anziani di età superiore ai 70 anni bandito dal 27 giugno al 30 luglio 2011.

Le domande presentate sono state 43 e tutte in possesso dei requisiti richiesti. La Giunta ha così concesso l’erogazione di un contributo procapite di € 500,00.

***

Nel corso del 2011 il Comune ha continuato ad

a) erogare contributi economici finalizzati a sostenere l’inserimento scolastico dei figli ( acquisto libri, trasporti scolastici,mensa) e il pagamento di alcune utenze domestiche allo scopo di perseguire una autonomia economica e organizzativa del nucleo famigliare; compartecipare con la Regione Emilia Romagna all’erogazione di contributi a sostegno di coloro che si trovano in una regolare posizione di affittuari;

b) fronteggiare i problemi abitativi attraverso l’assegnazione di tutti gli alloggi ERP disponibili, sulla base della graduatoria per l’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica divenuta esecutiva nel mese di dicembre 2010.

Nel corso dell’anno 2011 sono stati erogati a titolo di contributo € 33.500,00 (ex eca + fondo gas ) per sostenere 30 nuclei familiari in difficoltà

Il Comune di Guastalla anche nel 2011 ha compartecipato con la Regione Emilia Romagna all’erogazione di contributi a sostegno di coloro che si trovano in una regolare posizione di affittuari.

Le domande di contributo per l’affitto (bando che è rimasto aperto dal 26 aprile al 4 giugno 2011) pervenute quest’anno sono state 139 (lo stesso numero di domande presentate nel 2010) di cu. Di queste domande 125 sono state accolte. Di queste 65 sono state presentate da cittadini italiani ed Ue (di cui UE nella misura di 6 richieste); i richiedenti extracomunitari sono state 60.

Nel corso del 2011 sono stati assegnati tutti i 16 appartamenti disponibili sulla base della graduatoria per l’assegnazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica.

***

E’ proseguita l’attività, servizio coordinato dall’Unione dei Comuni Bassa Reggiana realizzato su progettazione condivisa dei servizi sociali comunali con coordinamento della Responsabile SSIZ e della Responsabile del NUP. Lo Sportello, aperto al pubblico nel nostro Comune per 15 ore settimanali, informa, orienta e accompagna l’utenza che richiede l’intervento dei servizi sociali nelle seguenti situazioni: famiglie in difficoltà, anziani, disabili, violenza e alloggi di edilizia residenziale pubblica.

L’amministrazione comunale di Guastalla ha ribadito nel 2011 la propria volontà di restare nell’ambito dell’Unione dei Comuni e lavorare per perseguire gli obiettivi stabiliti dalla legge quadro e in particolare per la costruzione di un sistema integrato di servizi sociali.

E’ proseguita l’esperienza degli Appartamenti Protetti nata da un progetto del SSIZ. Si tratta di un progetto che ha visto la collaborazione tra NUP, Servizio Sociale Integrato e Comune di Guastalla e che ha consentito l’allestimento di due appartamenti di proprietà del Comune di Guastalla assegnati ad adulti e ragazzi disabili residenti nel nostro distretto.

Si tratta di un’esperienza importante con cui si è voluto perseguire le finalità di costruire un ambiente familiare idoneo alla crescita personale e sociale dei cittadini disabili inseriti, di migliorare e mantenere le capacità e i livelli di autonomia acquisiti, garantendo un percorso di crescita personale e di inserimento sociale integrato con le attività occupazionali.

Nel corso dell’anno 2011 è proseguita l’attività dello SPORTELLO SOCIALE, servizio dell’Unione dei Comuni Bassa Reggiana realizzato su progettazione condivisa dei servizi sociali comunali con coordinamento della Responsabile SSIZ e della Responsabile del NUP. Lo Sportello, aperto al pubblico nel nostro Comune per 15 ore settimanali, informa, orienta e accompagna l’utenza che richiede l’intervento dei servizi sociali nelle seguenti situazioni: famiglie in difficoltà, anziani, disabili, violenza e alloggi di edilizia residenziale pubblica.

Nell’anno 2011 lo Sportello Sociale e gli uffici amministrativi del Servizio Sociale hanno sostenuto complessivamente n. 1178 accessi ( 350 in più rispetto all’anno precedente) per complessivi 547 utenti. Di questo il 66% sono Italiani. Questo dato è determinato soprattutto dalle richieste per i servizi agli anziani che rappresentano il 60% delle istanze presentate. Anche nel 2011 il Comune di Guastalla ha mantenuto la scelta, fatta nel 2008, di conferire all’ASP i servizi di assistenza domiciliare e Centro Diurno al fine di garantire maggiore estensione, flessibilità e capacità di copertura dei bisogni.

Nei mesi di Novembre e Dicembre il servizio sociale comunale insieme all’ASP ha organizzato,gestito e concluso la chiusura della Casa Protetta Paralupi Fiorani. Tutti i 20 ospiti sono stati trasferiti alla Casa Protetta Agorà nel rispetto di un calendario concordato con le famiglie.

Tale chiusura era stata da tempo decisa viste le precarie condizioni in cui si trovava l’edificio della Casa Protetta.di via Gramsci.

A partire dal mese di gennaio a causa del conflitto in corso nel territorio libico e della evoluzione degli assetti politico sociali degli altri Paesi della fascia del Maghreb, un consistente numero di cittadini di diversi Paesi del Nord Africa si è spinto verso le coste italiane. Conseguentemente il Presidente del Consiglio dei Ministri con decreto del 12 febbraio 2011, pubblicato nella G.U. n. 42 del 21 febbraio 2011 ha dichiarato, fino al 31 dicembre 2011, lo stato di emergenza nel territorio nazionale in relazione all’eccezionale afflusso di cittadini appartenenti ai Paesi del Nord Africa.

Con queste finalità umanitarie Il Comune di Guastalla ha messo a disposizione due appartamenti di proprietà dell’ASP, siti in Guastalla in Via Anna Frank 2, idonei complessivamente ad ospitare n. 8 persone.

Il 29 giugno sono così giunti dalla Libia otto profughi di origine somala a cui il Comune deve garantire di vitto, alloggio e interventi di mediazione culturale tesi al raggiungimento della piena autonomia. Le spese sono rimborsate dalla Stato mediante la Protezione Civile Nazionale.

Il servizio sociale si è occupato di ogni aspetto quotidiano dell’accoglienza : allestimento degli alloggi, acquisto generi alimentari, prodotti per l’igiene dell’alloggio e degli arredi, stoviglie, tabacchi,medicinali, materiale di cancelleria, accessori di telefonia cellulare,schede telefoniche,biciclette, capi di vestiario estivo, prodotti per l’igiene della persona. Sono stati attivati percorsi di mediazione interculturale per incontri periodici con gestore della struttura (Sindaco e personale comunale).

E’ stato impiegato per 15 ore settimanali di un educatore per inizio alfabetizzazione e per dare adeguate autonomie nella gestione della vita quotidiana

Essendo gli 8 richiedenti protezione internazionale domiciliati a Guastalla soggetti a profilassi della t.b.c., sono stati accompagnati numerose volte presso l’Ospedale per prelievi del sangue mensili e visite specialistiche mensili dai dipendenti comunali del Servizio Sociale e dall’educatore.

PROGRAMMA 7: VIGILANZA

In riferimento alla relazione programmatica allegata al bilancio di previsione per l’anno 2011, ed all’evoluzionedeterminata dalla volontà del Comune di Guastalla di uscire dalla convenzione costitutiva il Corpo Polizia Municipale Bassa Reggiana, l’ultimo trimestre di gestione dell’anno 2011 è stato interessato allo studio ed all’attivazione delle procedure necessarie ad attuare quanto deciso dall’amministrazione., In particolare la sede di Guastalla ha dovuto prepararsi per gestire in completa e piena autonomia tute le attività demandante alla Centrale operativa/amministrativa del Corpo PM, a partire dalprimo gennaio 2012. Ciò ha significato la riattivazione di tutte le procedure previste derivanti dall’attività sanzionatoria.

Nelle ristrettezze imposte dai vincoli di bilancio e dai vincoli del patto di stabilità, prioritariamente si è predisposta la nuova modulistica (ovvero i blocchi dei verbali e preavvisi di contravvenzione al CDS) , si è riattivato il programma “Maggioli” per la gestione dei verbali e si è riattivato il CC postale per l’incasso delle somme necessarie. Tra i mesi di ottobre e dicembre si è dato corso anche alla separazione del personale, consentendo interscambi di operatori con quelli di altri enti e dando corso all’assunzione di un operatore mediante selezione per mobilità esterna. Uno degli operatori a seguito di mobilità interna è transitato dalla Polizia Municipale all’Ufficio Economato; tale operatore non è ancora stato sostituito. Si precisa che tutto il personale dipendente del Comune di Guastalla è rientrato dalle varie sedi in cui era distaccato, ed ha effettuato effettivo servizio nel territorio dell’ente di appartenenza solo a partire dal 30.12.2011. Per quanto riguarda le attività relative alle altre aree tematiche in cui è impegnata la Polizia Municipale, 1- sicurezza stradale e controlli per la prevenzione delle cosiddette “stragi del sabato sera”; 2- attività ordinaria della PM che contiene: a) sicurezza dei cittadini, b) servizi a tutela delle persone, c) attività amministrativa e burocratica, si può affermare che tali programmi sono stati garantiti, anche se l’impegno degli operatori per arrivare alla separazione dell’attività in essere ha determinato un calo del livello dell’attività svolta, in particolare per quanto riguarda l’attività di prevenzione alla guida sotto l’effetto di sostanze alcooliche o stupefacenti.”

Sindaco di Guastalla Giorgio Benaglia

 

Un commento

  1. Davide Zanichelli

    Per “Politiche giovanili” e “Sport” ci sono 6 righe….
    questo la dice lunga….

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.