Home / Sedute Consiliari / Consigli Comunali / Guastalla, resoconto consiglio comunale: Sì al bavaglio!

Guastalla, resoconto consiglio comunale: Sì al bavaglio!

Ancora una volta il consiglio è cominciato in ritardo.
Convocato alle 20:30 non è iniziato certamente prima delle 20:50…e forse pure oltre….
Invariabilmente assenti Fiumicino e Guerreschi (Guastalla Insieme)….come già diverse volte ritardatario Bonazzi (Lega) arrivato ben dopo l’inno.

All’ordine del giorno troviamo 2 ratifiche di variazioni di Bilancio fatte dalla giunta (punti 4 e 5).
Di queste due variazioni abbiamo messo in discussione innanzi tutto il modo in cui son state presentate:
sì perchè il bilancio è competenza del consiglio comunale e, stando al Testo Unico degli Enti locali, la giunta può fare variazioni di bilancio SOLO in casi di urgenza; in situazioni standard quindi la variazione di bilancio è competenza del Consiglio e non della Giunta.
Ma facciamo notare che una delle variazioni é datata 3 novembre, quindi proprio il giorno dopo il consiglio comunale del 2/11, il giorno dei morti, e ci chiediamo perché non sia stata valutata già durante quel consiglio comunale (che ricordiamo ancora é l’organo competente in materia) dato che una variazione di bilancio può passare in giunta solo se c’è l’urgenza, e questa non era affatto un’urgenza!

La seconda variazione di bilancio (“urgente”…) tratta l’investimento di denaro pubblico per la realizzazione di una pista di pattinaggio….e pare francamente strano che, presentato il progetto in comune il 13 Ottobre, si sia dovuti arrivare ad una delibera di giunta “urgente” l’ 11 di Novembre.
Che poi, non ci sembra così pregnate, né tantomeno urgente, una pista di pattinaggio!
Ma tant’è.

All’interno del Consiglio, il consigliere Comunale ha presentato, tra l’altro un’interpellanza in merito all’opportunità del comune di accedere a diverse decine di migliaia di euro di contributi (da parte della provincia e regione) per progetti per la tutela ambientale dell’area golenale. Contributi a cui l’amministrazione di Guastalla ha rinunciato senza motivare la scelta.

Successivamente s’è discusso del provvedimento di assestamento del bilancio 2011.
Tanto per iniziare evidenziamo come questo argomento non sia stato presentato con la partecipazione e trasparenza dovute.
Non è stata infatti convocata alcuna assemblea pubblica (come da tempo chiediamo per far sì che gli amministratori illustrino a dovere la situazione agli amministrati), inoltre ,come se non bastasse, il testo non é nemmeno passato nella commissione competente!!!

Essendo il momento opportuno, abbiamo allora colto l’occasione per presentare l’elenco di tutte le spese dell’anno ritenute francamente discutibili in questa congiuntura:

20.000 + 7.000 per il piano colore,
50.000 per le giostrine dei parchi,
10.000 per 4 mesi di lavoro di promozione culturale dell’esistente a uno studio di Padova,
70.000 per la mostra del palazzo ducale
3.000 euro per una mostra di foto di ferrante gonzaga (delibera 262 del 2011)

…a cui si aggiunge sempre il differenziale di circa 20.000 euro in più rispetto all’anno precedente per i contributi alle scuole paritarie (che, ricordiamo, già il comune non è tenuto ad erogare, e sicuramente é decisamente discutibile un’ulteriore aumento dell’erogazione per altri 20.000 euro!).

Tutto questo è più che sufficiente per votare contro al bilancio d’assestamento, perchè allora poi non possono andare a dire che il comune “non ha i soldi”.

Altro punto importante in discussione è stato quello del regolamento delle riprese.
La maggioranza (PDL-Lega) ha respinto l’emendamento integrativo presentato da alcuni consiglieri di minoranza affinché il comune stesso istituisse le riprese video; favorevoli all’emendamento soltanto le opposizioni, noi compresi.
Purtroppo quest’ottusa e retrograda maggioranza ha votato per impedire ANCHE CON L’USO DELLA FORZA eventuali riprese di privati cittadini.
Sì, infatti ora nel Regolamento del Consiglio Comunale di Guastalla è scritto, nero su bianco, che i cittadini espressamente non possono documentare le sedute registrandone l’audio o il video ed il presidente può far allontanare gli inadempienti anche con l’uso della FORZA PUBBLICA.

Questo è un’ulteriore segnale di debolezza di questa maggioranza, che in questo modo mette un altro ostacolo tra amministratori e amministrati.
Inoltre, e sopratutto, facciamo presente che il consiglio comunale dovrebbe operare esclusivamente nell’interesse dei cittadini ma questa variazione del regolamento del consiglio va nell’interesse esclusivo dei consiglieri, e non nell’interesse dei cittadini.
Ecco, con questa modifica, la maggioranza Lega-PDL-UDC di Guastalla ha scelto di privilegiare la tutela degli interessi dei consiglieri piuttosto che gli interessi di possibilità di documentazione delle sedute dei singoli cittadini.

Un passo indietro per la partecipazione ed il coinvolgimento dei cittadini nella cosa pubblica.

Per lo meno prendiamo atto che il Partito Democratico (che aveva votato a favore al testo in commissione), almeno in consiglio ha votato contro.

Un commento

  1. Solo poche parole per esprimere il mio pensiero:
    Un’amministrazione comunale deludente e arrogante perchè si “arroga” il diritto di decidere che per vedere il loro operato i cittadini (anche chi fa fatica ad uscire di casa) devono andare in Comune…
    … poi sentire dire che non ci sono tanti cittadini a cui interessa il Consiglio Comunale è INACCETTABILE, PRESUNTUOSO e FALSO!!!

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.