Home / Eventi / Giornata Mondiale della Disabilità: abbattiamo le barriere mentali

Giornata Mondiale della Disabilità: abbattiamo le barriere mentali

Si celebra domani la Giornata Mondiale delle persone con Disabilità, istituita dalle nazioni unite nel 1993 a livello europeo, e a partire dal 2008 a livello internazionale.

La Giornata, che nelle intenzioni vuole essere un’occasione per rimettere al centro della discussione la disabilità nei suoi molteplici aspetti, quest’anno lancia il tema della cultura accessibile, con lo slogan “Il divertimento, un diritto di tutti”, così come sancito dall’articolo 30 della convenzione ONU sui diritti dei disabili.

Tanti sono quindi gli eventi, dibattiti, incontri che nella giornata del 3 dicembre, ma anche nei giorni precedenti e successivi, porteranno o riporteranno alla ribalta la disabilità.

Anche Reggio Emilia aderisce con eventi dedicati.

Quello che però risulta essere ancora più critico è il modo in cui si parla di disabilità. Ben vengano le informazioni serie, ma perché limitarle a una sola giornata?  Bisognerebbe fare campagne di informazione a 360 gradi per tutto il tempo dell’anno.

Per approfondire:

Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità
IN DISABILI.COM:

CONVENZIONE ONU E DISABILITA’: QUALE APPLICAZIONE IN ITALIA?

ITALIA, SÌ DEFINITIVO ALLA CONVENZIONE ONU

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Un commento

  1. “L’Istat avrebbe potuto inserire nel censimento tra le tante domande, se in famiglia c’è un disabile grave, se è ricoverato, se ha un famigliare dedicato a lui per 24 ore al giorno” e, magari, anche quali problemi comporta. Ma così non è stato. “Quello che interessa sapere fondamentalmente sono notizie sulla casa e sulla composizione famigliare. Le notizie che interessano, sono quelle dalle quali si potranno desumere, essenzialmente dei dati, che, dal punto di vista sociologico, indicheranno che tipologia di consumatori siamo stati e potremo essere nel futuro”.
    Mancano le informazioni: “perché l’accesso a questi dati, ammesso che esistano e siano attendibili, è quasi impossibile? Eppure, dovrebbero interessare anche tutte quelle multinazionali, per esempio quelle degli ausili, insieme al mondo della sanità e del sociale.
    Il fatto è che, se questi dati fossero resi pubblici finalmente si potrebbe fare una seria programmazione e ripartizione nel campo del sociale; finalmente potrebbe esserci una presa di coscienza dell’immenso valore economico della disabilità e lo sconvolgimento sociale potrebbe essere molto forte.”
    da http://www.superabile.it

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.