Home / Sedute Consiliari / Consigli Comunali / Un Comune alla rovescia?

Un Comune alla rovescia?

Da oltre un anno, la polizia durante i consigli comunali è una costante. Ogni consiglio comunale, almeno 2 (ma talvolta anche 4) poliziotti o carabinieri (regolarmente in divisa) seguono i lavori del consiglio comunale.

La cosa è relativamente “recente”. All’inizio della legislatura, praticamente non c’erano mai, e pure per le legislature precedenti non c’erano (a dir la verità non c’era grande partecipazione ai consigli).

Ma da diversi mesi ci sono. In servizio con regolare divisa.

(Probabilmente c’è la consapevolezza generale che in comune avvengano dei fenomeni ai limiti della legittimità…..e non entriamo nel merito)

Fatto sta che quest’amministrazione ha scelto di far passare ore (pagate dai cittadini) ad agenti di polizia municipale all’interno del municipio a seguire i Consigli Comunali. Ore che, invece, questi agenti, potrebbero fare sul territorio.

A mio avviso, Guastalla sta andando al contrario…le telecamere stanno all’esterno del municipio e la polizia sta in Consiglio.
Secondo me, dovrebbero essere le telecamere a riprendere i lavori del consiglio e la polizia dovrebbe essere impiegata all’esterno del municipio.

Ma questa è un’opinione….l’amministrazione la pensa diversamente.

2 commenti

  1. Spero almeno che non siano armati…
    Ma…sbaglio o per fare entrare le forze dell’ordine in Consiglio bisognerebbe prima sospenderlo?

  2. … allora dobbiamo comportarci all’incontrario anche noi? 😉
    … l’amministrazione da il “buon” esempio…

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.