Home / Economia / Le armi “dell’avidità legalizzata”

Le armi “dell’avidità legalizzata”

Ci sono più di 550 milioni di armi da fuoco in circolazione nel mondo: un’arma ogni 12 persone. Amnesty International durante la Settimana Internazionale del Disarmo appena trascorsa ha pubblicato un rapporto denuncia sull’afflusso di armi.

Le armi utilizzate per reprimere le rivolte in Nord Africa, dice l’organizzazione per i diritti umani, sono arrivate dagli stessi Stati che hanno appoggiato le rivolte e i ribelli (Italia compresa).

E non è tutto. Ogni anno muoiono 740 mila persone da arma da fuoco nel mondo, 2.027 al giorno. E non è solo colpa delle guerre: su 3 bambini uccisi in Brasile da una pistola, per esempio, 2 sono colpiti accidentalmente. in USA 613 persone sono uccise accidentalmente in un anno e 280 milioni sono il numero di armi presenti negli Stati Uniti (su 310 milioni di abitanti).

E in Italia?

  • 6,7 miliardi di dollari: il valore delle esportazioni italiane di armi
  • 10 milioni le armi legali in Italia (e 4 milioni di famiglie con almeno una pistola in casa)

Perchè tutto questo? Affari, potere…

 

 

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.