Home / Ambiente / Scorie Nucleari in Italia: siamo al sicuro?

Scorie Nucleari in Italia: siamo al sicuro?

Dopo gli incidenti in Francia e in Belgio è stato fatto il punto della situazione rifiuti radioattivi in Italia scoprendo che dal 2008 siamo fuori legge.

Un mese fa l’esplosione nel sito di trattamento delle scorie nucleari di Marcoule, in Francia, un morto e quattro feriti. Poi, il 5 ottobre, l’incidente nell’impianto di smaltimento dei rifiuti nucleari di Dessel, in Belgio, con tre contaminati.
E in Italia, siamo al sicuro? Secondo la legge 386 varata nel 2003 dal governo Berlusconi, entro il 2008 doveva essere realizzato il deposito nazionale dove stoccare tutti i rifiuti radioattivi in condizioni di sicurezza. Non solo non è stato costruito, ma non si è ancora nemmeno deciso dove farlo. «I rifiuti sono nei siti vecchi dove sono stati realizzati, e dove si continua a produrne di nuovi. Per esempio, gli indumenti protettivi necessari per entrare nei siti e tenerli in sicurezza, all’uscita diventano rifiuti radioattivi, che si accumulano», denuncia Roberto Mezzanotte, ex direttore del Dipartimento nucleare, rischio tecnologico e industriale dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra).

Spicca, tra tutti, il sito di Saluggia, nel Vercellese, che raccoglie più dell’80% della radioattività dei rifiuti nucleari italiani.E in particolare la Eurex, azienda dove fino agli anni Ottanta si riprocessava il combustibile irraggiato nei reattori per separare uranio e plutonio dalle scorie: qui sono stoccati oltre 200 metri cubi di rifiuti radioattivi liquidi: «Cosa che li rende particolarmente pericolosi per il rischio di infiltrazione nelle falde acquifere», spiega Gian Piero Godio, presidente di Legambiente Vercelli. «La Eurex dista 1,5 km dai pozzi del più grande acquedotto del Piemonte. La muraglia costruita attorno al sito lo difende dalle incursioni del fiume, ma non difende il fiume da un possibile rilascio di liquidi radioattivi. E, anziché realizzare l’impianto per il condizionamento dei rifiuti, perché andrebbero solidificati in una matrice inerte, come il cemento, si è cominciato a costruire un nuovo deposito: è l’ultima beffa di Saluggia».«Senza dimenticare», riprende Mezzanotte, «che Saluggia sta sulle rive della Dora Baltea, dove nel 2000 c’è stata un’alluvione ed è entrata acqua nell’impianto». In quell’occasione Carlo Rubbia disse che si era sfiorata una «catastrofe».

L’altra anomalia italiana è il deposito dei rifiuti radioattivi del centro di ricerca di Casaccia, vicino a Roma, col tempo divenuto anche altro. «È un punto di raccolta nazionale dei rifiuti ospedalieri (anche una scintigrafia produce rifiuti radioattivi, ndr): non c’è un pericolo imminente, ma pensare che tutte queste scorie siano in un deposito alla periferia della capitale non è bello», conclude Mezzanotte.

fonte | Vanity Fair 19.10.2011

2 commenti

  1. …ma non si era parlato di stoccarli ad Arcore???…… 😉

    • Lì di spazio ce ne sarebbe tanto… poi il maggior proprietario della zona è favorevole al nucleare 😉

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.