Home / Sedute Consiliari / Consigli Comunali / Guastalla Consiglio Comunale: soldi pubblici per scorporare il servizio di polizia, ma non per il palazzetto

Guastalla Consiglio Comunale: soldi pubblici per scorporare il servizio di polizia, ma non per il palazzetto

Che si rassegnino le associazioni sportive di Guastalla. Per disputare i propri campionati agonistici dovranno emigrare ancora per molto!
Così come spesso succede è facile fare promesse sbandierando illusorie dichiarazioni alla stampa, per poi puntualmente rimangiarsi il tutto giorni dopo. Classico comportamento da “pidiellino” DOC, ma parecchio in voga anche tra qualche leghista “denoialtri”.

Consiglio Comunale interminabile. Fissato alle 20.30, è iniziato effettivamente alle 20.50, e terminato alle 03.40 del 10 Giugno.
All’appello marcano visita Tagliati (PDL-Lega-UDC), il solito e coerente nelle sue assenze Carlo Fiumicino (PD Guastalla Insieme) e Guerreschi (PD Guastalla Insieme).

Consci del fatto che sarebbe durato a lungo, noi del gruppo consiliare Guastalla 5 Stelle abbiamo ritirato il punto 11 (interrogazione sulle spese connesse al parco fotovoltaico) in quanto molto tecnico e di difficile discussione ad ora così tarda, chiedendo che in sostituzione la risposta venisse fornita in forma scritta a tutti i gruppi consiliari.

I punti discussi più significativi sono stati:
4) Mozione per evitare la rimozione/demolizione del barcone nel parco pascoli.
Noi del Movimento 5 Stelle ci siamo uniti alla richiesta delle opposizioni desistere dalla demolizione del barcone. Per quanto d’importanza limitata, quel barcone è stato un elemento nell’infanzia di molti ragazzi. Un segno indelebile con cui siamo cresciuti nei pomeriggi passati al parchetto e che associamo incosciamente alla nostra identità di “gente di fiume”.
Pertanto nel nostro intervento abbiamo chiesto che l’amministrazione non utilizzasse quei 2.000 euro per rimuovere (demolire) il barcone, ma piuttosto per sistemarlo o eventualmente rivalutarlo.
Sarebbe stato un gesto di apertura se quest’amministrazione, rilevata la mobilitazione e la sensibilità di molte persone al tema, avesse convocato gli interessati per concordare eventuali soluzioni alternative invece di procedere in maniera autoritaria.
Purtroppo, però, l’amministrazione ha risposto prima in maniera criptica con l’assessore Bartoli, e successivamente, il Sindaco ha dichiarato che procederà comunque alla rimozione. Purtroppo. Che l’argomento “Barcone” sia diventato un problema, come giustamente ha rilevato il Consigliere Massimo Comunale (rif. Comunista – Gruppo Misto), solo per la numerosa presenza di cittadini stranieri? Domanda a cui non è stata data risposta.
E così ancora una volta, l’attuale amministrazione (PDL-LEGA-UDC), dimostra di essere un’amministrazione del “dis-fare”.
Da notare, che una splendida foto del ponte di barche (di cui il barcone del Parco Pascoli faceva parte) è chiaramente esposta di fronte all’entrata dell’ufficio del Sindaco (foto). Oggi una traccia concreta di quel ponte è presente a Guastalla. Domani?

5) Successivamente il nostro testo riguardo alle strutture sportive. Abbiamo ricordato che, data l’elevata sensibilità del pubblico al tema, se ci fossero state le riprese del Consiglio (come chiediamo da anni), molte persone avrebbero potuto assistere ai lavori consiliari comodamente da casa, invece che essere costrette a seguire dall’anticamera (dato l’affollamento alcune persone non han potuto accedere alla sala consiliare).
In questo testo non chiediamo nulla di diverso da ciò che è già stato dichiarato ai giornali dall’assessore allo sport (e consigliere di maggioranza) Mossini. E cioè che l’amministrazione deliberasse la realizzazione di una struttura sportiva adeguata entro l’anno.
Noi del Gruppo consiliare Guastalla 5 Stelle, abbiamo ripreso dai giornali le testuali parole dell’assessore allo sport Mossini ed abbiamo chiesto che tutto il consiglio comunale appoggiasse le intenzioni già dichiarate dall’assessore di deliberare entro l’anno la realizzazione di una struttura adeguata alle esigenze guastallesi. Si trattava semplicemente avvallare una dichiarazione già fatta.
Abbiamo inoltre chiesto ufficialmente che, l’amministrazione convochi un dibattito pubblico per fare chiarezza sull’argomento e confrontarsi direttamente con la cittadinanza!
Incredibilmente, qua, tutta la maggioranza è stata contraria, non ha voluto prendersi l’impegno in via ufficiale!

Neppure lo stesso assessore Mossini (Lega Nord) ha voluto avallare le proprie precedenti dichiarazioni!!!

Hanno votato CONTRO l’impegno di deliberare entro l’anno la struttura sportiva: Giorgio Benaglia, Andrea Alberini, Fabrizio Alfieri, Claudio Benatti, Maurizio Bonazzi, Francesca Fiorani, Giorgia Gaioni, Vincenzo Iafrate, Avio Manfredotti, Roberto Masini, Fabrizio Mossini, Nicolò Taboni.

7) Mozione della maggioranza per recedere dalla convenzione per la gestione associata del Corpo di Polizia Municipale.
Con questo misero testo di 2 paginette i consiglieri di maggioranza (ma solo quelli che non sono CONTEMPORANEAMENTE assessori!) hanno chiesto di recedere dalla convenzione che da circa 7 anni ci permette di avere un corpo associato di Polizia con altri comuni della Bassa Reggiana. Un testo che non cita nessun dato oggettivo, e non riporta nessuna previsione sulle eventuali conseguenze di spesa e servizio e che non è stato discusso nemmeno in ufficio di presidenza per presentarne le caratteristiche.
Un’iniziativa che, a detta dello stesso consigliere che l’ha presentata e sottoscritta per primo (Benatti) è stata fatta “..senza badare al costo” (!?!?!?!!!).
In questo caso abbiamo criticato fortemente il metodo adottato dalla maggioranza. Sia perchè non si possono operare scelte che ricadono sulla cittadinanza SENZA un’adeguata previsione sulle conseguenze economiche che tale scelta comporta, è da irresponsabili, sia perchè recedere da una convenzione esclusivamente “per puntiglia” verso una gestione associata (che per definizione è vincolante ai rapporti con altre amministrazioni) è anacronistico con i percorsi che tutti i comuni stanno facendo, cioè una razionalizzazione dei costi associandosi ed erogando servizi in maniera comunitaria. Rischia inoltre, andando contro a dinamiche di razionalizzazione dei costi, di diventare un incomprimibile centro di spesa.
Questo testo, infatti, è stato votato favorevolmente soltanto dalla maggioranza.

Ci dispiace considerare che, per la realizzazione di strutture sportive (come chiesto nel punto 5 che noi del Movimento 5 Stelle abbiamo presentato), questi della maggioranza si mostrino scrupoli economici, mentre non se ne facciano affatto sulle conseguenze economiche riguardo alla volontà di Iafrate (perchè in seduta di discussione è emerso chi era il vero architetto della mozione) di recedere dalla convenzione, senza avere nemmeno uno straccio di previsione delle conseguenze economiche che il comune di Guastalla dovrà affrontare.

Troviamo in ogni caso eccessiva questa leggerezza dell’amministrazione nell’utilizzo dei soldi dei Guastallesi, ed irrispettosa verso i cittadini che pagano le tasse e che meritano maggiore attenzione nella spesa dei loro soldi.

2 commenti

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.