Home / Ambiente / Dopo Fukushima, il Missouri inonda una centrale nucleare in USA

Dopo Fukushima, il Missouri inonda una centrale nucleare in USA

Mentre in queste ore a Vienna si discute di sicurezza nucleare negli Usa si sta vivendo una situazione molto critica alla centrale nucleare di Fort Calhoun in Nebraska inondata da una piena del Missouri esondato a causa delle forti piogge che da alcuni giorni stanno colpendo lo Stato (video in inglese). I bollettini ufficiali scrivono di una situazione sotto controllo: la perdita di energia elettrica non ha causato problemi al sistema di raffreddamento della centrale.

Intanto è stato proclamato lo stato di “no fly zone” per lo spazio aereo intorno la centrale, con questa motivazione:

La restrizione dei voli sulla zona aerea di Fort Calhoun serve a mantenere i curiosi lontani dalla centrale. Gli aerei possono ancora sorvolare la zona ma solo sotto stretto controllo delle autorità per evitare rischi di collisione in volo che possano compromettere le operazioni a terra. Dobbiamo garantire la sicurezza delle persone intorno la zona della centrale nucleare.

A rischio anche Cooper l’altra centrale nucleare che si trova tra la confluenza del Missouri e il Platte sempre in Nebraska. La diga a monte delle due centrali conterrà tutto il flusso delle acque? Le previsioni meteo annunciano un ulteriore innalzamento del livello dei fiumi. (fonte: www.ecoblog.it)

Naturalmente, altre voci filtrano. Ad esempio, la stessa Nuclear Regolatory Commission in un comunicato ammette che a Fort Calhoun ci sono 60 centimetri d’acqua in molte aree all’interno della centrale. Siccome le barre esauste (di tutte le centrali del Nebraska, 840 tonnellate) sono stoccate qui al piano terra, questo significa che le piscine potrebbero finire a contatto col fiume ora o in futuro, visto che si prevede un ulteriore rialzo delle acque di almeno un metro e mezzo.

Poi ci sono le voci che arrivano da blog e siti locali o di nicchia. Sembra che queste centrali, vecchie di quasi cinquant’anni, avessero già dei danni che le mettevano in pericolo. Sembra che ci sia già un programma di evacuazione, e che si avvisino gli abitanti delle zone limitrofe di non toccare l’acqua del fiume per il rischio di eventuali contaminazioni. Naturalmente tutto ciò è allarmismo e paranoia, ma sapete com’è: quandoun governo democratico decide di censurare ogni informazione, si diventa legittimati a dar credito a chiunque. (fonte: www.petrolio.blogosfere.it)

3 commenti

  1. paolo bernini

    La pura follia è nel nome del dio danaro , alcuni uomini avidi e senza in ben che minimo ritegno ,pensano o peggio ancora ,sono convinti che l’uomo può imprigionare la natura… La tristezza è che quando poi si scatena con tutta la sua forza , ti ricorda quanto sei piccolino ed inutile , distruggendo inesorabilmente tutto quello che l’uomo ha costruito …. Nonostante tutto ciò le persone avide ,continuano follemente a non capire, rischiando poi di fare piu’ danni che ricadranno sulle generazioni future..

  2. La FEMA (Federal Emergency Management Agency) ha ordinato l’evacuazione di più di 10.000 persone proprio vicino alla centrale nucleare del Nord Dakota…

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.