Home / Ambiente / Guastalla: salvaguardare il barcone. Come fare? ….ecco un’idea…..parliamone!

Guastalla: salvaguardare il barcone. Come fare? ….ecco un’idea…..parliamone!

Siamo dispiaciuti della scelta di demolire il barcone del Parco Pascoli. E’ un elemento che per molti guastallesi ha lasciato un segno della gioventù. Chi non c’è mai salito? Chi, da bambino, non ha mai visto questo barcone come una “sfida” per provare a salirci, e magari sbucciarsi le mani e le ginocchia sul cemento ruvido!

Quel barcone è un pezzo della gioventù di molti, e dell’identità fluviale di tutti i Guastallesi, perchè ci ricorda che siamo un “popolo di fiume”.Se ci sono problemi di sicurezza, si risolvono. Ma demolirlo è troppo semplice. E sbagliato.

Si può discutere sul fatto che possa essere poco sicuro se qualche bambino dovesse farsi male, ma buttarlo giù non è la soluzione.

E da qui, allora, perchè invece non spostarlo. Valorizzarlo, e renderlo un po’ il simbolo, all’ingresso della nostra città. In modo che non venga dimenticato.

Essendo relativamente “basso” potrebbe stare al centro di una rotonda (non ostacolandone così la visibilità). Magari poteva essere messo al posto della costosa fontana del Cascella, all’ingresso di Guastalla dal lato di Porta Po. A simboleggiare l’ingresso in una città fluviale (Sarebbe sicuramente costato di meno, e quei soldi sarebbero potuti servire per migliorare la sicurezza delle attrezzature del Parco Pascoli).

Magari si potrebbe mettere nella futura “eventuale” rotonda di San Giacomo (Magari così si evita di dover acquistare un’altra struttura).

Quindi, demolire rapidamente il barcone è Sbagliato. Precipitoso e Inutile

Ovviamente sono idee….Ne avete altre? Parliamone insieme.

12 commenti

  1. il parco pascoli è sempre stato un bersaglio della lega nord!!troppi stranieri!donne e bambini al pomeriggio e di sera i malfattori mai ripresi dalle mitiche telecamere!non capisco la discussione sul barcone!ad andrea alberini ed all’assessore rodolfi non frega niente del parco e tanto meno del barcone!il problema è la sicurezza che ha portato alla demolizione della piscinetta di piazza 1 maggio con gran favore agli appartamenti privati non attenzionati.(perchè)

  2. concordo in pieno con Marco!

    Non mi sembra certo la questione attualmente più rilevante per Guastalla, mi pare più che altro l’ennesimo palcoscenico della fòla destra/sinistra (…e magari nel frattempo altre cose importanti restano ignorate…)

    Puntare alla riqualificazione ragionando sulle varie possibiltà, investendo un po’ meno soldi e un po’ più di inventiva, credo sia la strada più costruttiva per la comunità.
    Citando un esempio recente, la fontana della piasòla sarebbe potuta diventare una gran bella fioriera! 😉

  3. Davide Zanichelli

    Il mio articolo non voleva dare il via ad una polemica.

    Semplicemente iniziare una discussione che si staccasse dal semplice e vuoto “NO”. Ma che, grazie al contributo di diverse persone, permettesse di trovare diverse idee per una soluzione più intelligente della semplice (quanto inutile) demolizione.

    Sinceramente non so se e quanto sia pericoloso il barcone, ma mi pare l’unica ragione per comprendere il comportamento (discutibile) della giunta. Altrimenti è insensato demolire il barcone per il semplice gusto di rimuoverlo.

    ….tutto qua.

    In ogni caso ringrazio tutti per il vostro contributo sull’argomento, che, per quanto marginale, è comunque sentito!

  4. Marco Dallai

    La diatriba in corso tra l’amministrazione di centro destra Guastallase (PDL-LEGA-UDC) e il PD mi sa tanto di ripicca politica…

    Sicuramente il problema sicurezza si pone. Ma sarebbe facilmente bypassabile come già alcuni hanno scritto.

    Personalmente nonostante l’argomento non mi stia a cuore particolarmente (forse sbagliando), non si può di certo negare che il “barcone” sia sicuramente un simbolo di Guastalla paese fluviale.
    Quindi la sua distruzione equivarrebbe ad eliminare un simbolo e soprattutto tanti ricordi.

    L’idea di inserirlo in un altro contesto mi alletta maggiormente che invece rinchiuderlo in una rete…

    Pensarlo poi al posto della squallida fontana di casciella… sarebbe l’ideale.
    Ma poi ci sarà da vendere la fontana???!!! E qui sorgerebbero i problemi… CHI CACCHIO SE LA COMPREREBBE???
    ;o)

    • Davide Zanichelli

      Mannaggia…già…ricordo che quando fu innaugurata ci furono non poche polemiche sulla fontana…e che valesse (in termini di apprezzabilità culturale da parte della cittadinanza) tutti i soldi che è costata…

      • … e se chiedi in giro ai guastallesi a chi piace la fontana, ben pochi avrebbero il coraggio di dire che è bella… perchè oggettivamente è proprio brutta e se uno non lo sa non sembra nemmeno una fontana 😛

    • La fontana di Casscella non è poi così brutta, capiscoi ceh possa non piacere, ma rimane sempre un opera di uno dei grandi della scultura italiana.
      Chi se la compra ? penso che se venduta come “usato” abbia un certo mercato nel mondo dei collezionisti.

      Detto questo è un po’ come i ponti di Cala(la)trava bellissimi ma eccessivi per una città come Reggio : un mucchio di milioni ed una domanda : non si poteva fare con meno? ( magari sistemando altre parti della citta)
      Poi non voglio pensare a quando saranno da ridipingere : chi paga? chi trova i soldi ? o forse rimarranno brutti e vecchi.

      Ed a proposito di fontana, almeno li è stata fatta una scelta “intellettuale” che può non piacere, a Cavriago può non piavere e basta.
      http://www.facebook.com/home.php#!/photo.php?fbid=1251717177586&set=o.114574634529&type=1&theater

      • Ha! Ha!…sì, piuttosto bruttina anche la vostra rotondofontana!
        ma almeno non é costata una fortuna!! 😉

      • Marco Dallai

        Max… Sarà anche di un grande scultore… ma ha me sinceramente fa schifo!
        Io personalmente avrei fatto con meno risparmiando anche bei soldini…

        Qualcuno mi potrebbe rispondere: ma una buona porta della sua realizzazione è stata finanziata da privati…

        MALE anzi MALISSIMO!!!
        E se poi in seguito questi “PRIVATI” verranno a bussare alla porta??? Cosa gli potrà rispondere un’amministrazione pubblica che ha accettato donazioni per realizzare un’opera pubblica???

    • non intendevo ingabbiarla, ma mettere una rete da prua a poppa ( mi sa che sono uguali) e fissata sul bordo.

  5. e……in cosa consiste la pericolosità ?
    non mi sembra così pericoloso da doverlo demolire.

    Spesso la “pericolosità” la si va a cercare con qualche scopo, un po’ come quando si vogliono abbattere degli alberi in un parco, diventano automaticamente “malati”.
    Basta la perizia di un “competente”(?) per determinare la direzione da prendere.

    P.s. Non sono di Guastalla e quel barcone per me è orribile, ma evidentemente, per come se ne parla, è storicamente importante per i cittadini.
    P.P.S. se la pericolosità è il salirci, si chiude con una rete impedendo di entrarci.

    • Il barcone è uno dei simboli di Guastalla… il vecchio ponte di chiatte sul Po…
      Esatto si elimina invece di ripristinare… “via il vecchio per il nuovo” senza pensare, perchè forse ritengono sia più facile sostituire che sistemare!
      Anche nel parco di fianco a casa mia hanno appena abbattuto dei bellissimi alberi che a mio avviso potevano essere curati… invece di essere sostituiti… in parte!!!

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.