Home / Politica / Politica Locale / Perché non è sanzionabile l’esposizione delle bandiere pro referendum

Perché non è sanzionabile l’esposizione delle bandiere pro referendum

Per buona pace del capogruppo PDL di Novellara (RE) Cristina Fantinati che nei giorni scorsi, in perfetto stile Berlusconiano, aveva denunciato l’esposizione di bandiere pro referendum sui balconi di alcune case private di Novellara (RE), arriva direttamente dalla Corte Costituzionale la sentenza che rende legale l’esposizione dei vessilli e che smentisce quindi il capogruppo pidiellino rendendo la sua denuncia ancora più ridicola di quanto non lo fosse già.

In sintesi in campagna referendaria non valgono le stesse regole delle solite campagne elettorali.

La sentenza è la numero 161 dell’anno 1995.

“Fondate si prospettano, invece, le censure formulate nei confronti dell’art. 3, comma 6, quali risultano espressamente enunciate nel secondo motivo del ricorso o implicitamente desumibili dal primo. La disposizione in questione prevede che, a partire dal trentesimo giorno precedente la data delle elezioni (o del referendum), è vietata ogni forma di pubblicità, anche se relativa a successive consultazioni elettorali o referendarie.Tale norma viene censurata, con riferimento alle campagne referendarie, come incongrua, irragionevole e sproporzionata per quanto concerne il suo inciso finale (secondo motivo) e come irragionevole, comparativamente alla disciplina prevista per le campagne elettorali, nel suo complesso (primo motivo). …In conseguenza della sua irragionevolezza ed eccessività la disposizione in esame viene, pertanto, a ledere la sfera di attribuzioni, spettanti ai sensi dell’art. 75 della Costituzione, ai ricorrenti e va, di conseguenza, annullata.”

Sul sito web della Corte Costituzionale potete leggere la sentenza completa cercandola inserendo anno e numero.

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.