Home / Politica / Politica Locale / Infiltrazioni mafiose: “fatti non pugnette”

Infiltrazioni mafiose: “fatti non pugnette”

Mentre gli “amanti” se la litigano chi fa proposte, come ormai sta diventando consuetudine, è il MoVimento 5 Stelle.

Dopo lo stop, arrivato dalla Prefettura, ai cantieri della tangenziale di Novellara per la mancanza di requisiti per il rilascio del certificato antimafia alla ditta che sta costruendo l’opera, cala il caos nella bassa reggiana…

Tra fantomatiche riunioni, comunicati, contro comunicati, telefonate, equivoci, gelosie, inviti negati, esclusioni, insensibilità, piagnucolii, isterismi, mal di testa, questa sera no, ci sentono i bambini, mollala, bla bla bla bla… la coppia scoppia e PD e PDL litigano da buoni amanti.

C’è però chi preferisce i fatti:
Fondi strutturali da stanziare, anno dopo anno, per l’educazione alla legalità. Un’intera settimana da dedicare ad iniziative ed incontri sulla lotta alla criminalità organizzata. Controllo del flusso di soldi in nero che attraversa tutta la via Emilia per approdare a San Marino. E poi: la massima trasparenza nelle catene di appalti e subappalti, soprattutto nei settori dell’economia più interessati dalle infiltrazioni. L’istituzione di un osservatorio regionale, che contenga le segnalazioni di situazioni sospette anche ad opera di associazioni e società civile, da girare poi all’autorità giudiziaria. E la costituzione a parte civile della Regione nei procedimenti di mafia. Sono alcuni dei temi contenuti negli emendamenti che il Gruppo assembleare regionale del Movimento 5 Stelle presenterà al Progetto di legge d’iniziativa della Giunta relativo alle “Misure per l’attuazione coordinata delle politiche regionali a favore della prevenzione del crimine organizzato e mafioso, nonché per la promozione della cultura della legalità e della cittadinanza responsabile”.

Qualcuno direbbe… “FATTI NON PUGNETTE”

5 commenti

  1. Il Pd non si differenzia per responsabilità e collusioni dal Pdl. Sarebbe giusto riguardare quello che scrive Christian Abbondanza nel sito della Casa della legalità di Genova sui legami mafiosi di certe cooperative reggiane in territorio ligure.
    Il Pd attacca chi non fa parte delle cooperative, ma se guarda dal fare pulizia seria a casa propria.
    Dei due, Pdl e Pd, butterei dalla torre entrambi.

  2. La foto rappresenta benissimo quello che avviene nella realtà… lo si può leggere quasi tutti i giorni sui giornali mentre poco si legge degli impegni che i nostri amministratori prendono per risolvere i problemi del nostro Paese (Italia) e Paese (Comune)… troppe parole e pochi fatti!!!
    Complimenti al MoVimento 5 Stelle Emilia Romagna e… al ns. webmaster per la foto 😉

  3. Davide Zanichelli

    La foto scelta è uno spettacolo….

    dimostra la sinistra che spinge con la forza della massa (la gente) contro una destra che spinge con la forza dell’imprenditoria (gli strumenti la ruspa)

    ottima scelta :)

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.