Home / Cultura / David di Donatello al documentario su Federico Aldrovandi. E mamma RAI?

David di Donatello al documentario su Federico Aldrovandi. E mamma RAI?

Martedi 25 gennaio alle ore 21 sul sito www.beppegrillo.it è stato trasmesso in streaming la prima nazionale del documentario “E’ stato morto un ragazzo, Federico Aldrovandi che una notte incontrò la polizia”, di Filippo Vendemmiati.

Il film documentario che racconta la vicenda di Federico Aldrovandi, 18enne morto il 25 settembre 2005 a Ferrara durante un intervento di polizia.

Il film fu trasmesso in diretta nazionale, in streaming, in TV, dal blog beppegrillo.it, ovviamente nel silenzio dei media. Forse troppo impegnati per dare spazio ad una vicenda che merita d’essere raccontata per rispetto di un povero ragazzo massacrato.

Questo film ha vinto, il 7 Aprile 2010 il David di Donatello (http://www.daviddidonatello.it/schedaannoultimo.php). Forse ora la Rai prenderà in considerazione la sua trasmissione? (Sicuramente gli costerà meno di tutti i programmi che, altrimenti acquista da Endemol…la società di Mediaset….)

Finora la Rai non ha trasmesso il film dedicato a Federico Aldrovandi, un giovane di 18 anni, incensurato, che una sera incontrò la polizia, fu massacrato e non tornò più a casa. Spero che lo faccia ora, in prima serata, con le scuse alla famiglia. Altrimenti che cazzo di servizio pubblico è?”

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.