Home / Ambiente / Il Mediterraneo è soffocato dalla plastica

Il Mediterraneo è soffocato dalla plastica

E’ stato presentato stamattina in Senato il dossier di Legambiente “L’impatto della plastica e dei sacchetti sull’ambiente marino” realizzato da Arpa Toscana e dall astruttura oceanografica Daphne di Arpa Emilia Romagna secondo il quale nel mare tra Italia, Spagna e Francia c’è una concentrazione di plastica che supera quella del cosiddetto “continente spazzatura” o garbage island presente nell’Oceano Atlantico.

Il rapporto di Legambiente dal quale emerge la presenza nel mediterraneo di plastica per una percentuale che va dal 60 all’ 80% del totale dell’immondizia trovata nelle acque, raggiungendo in alcune zone anche il 90-95% del totale, ha una duplice funzione: quella di denunciare la terribile situazione in cui si trovano i nostri mari invasi da sacchetti di plastica causa di gravissimi danni alla fauna marina e la funzione di utile contribuito per il Ministero dell’Ambiente per rispondere alla richiesta di chiarimenti della Commissione europea sul bando italiano degli shopper non biodegradabili, confermata dal Tar del Lazio ed entrata in vigore il 1 Gennaio 2011 con la legge 296/96.

Sono queste, infatti, le motivazioni di carattere ambientale che possono consentire all’Italia di giustificare ogni ipotesi di violazione della Direttiva europea sugli imballaggi.

Sintetizzando dunque quanto rivela il rapporto, solo nell’arcipelago Toscano sono stati prelevati in un ora ben 4kg di rifiuti tra cui il 73% costituito da buste di plastica, ma la situazione non è migliore nel resto del Mediterraneo che è invaso da ben 500 tonnellate di rifiuti in plastica. Secondo quanto ci riferisce l’Istituto francese di ricerca sullo sfruttamento del mare e l’Università belga di Liegi nell’estate 2010 la concentrazione più alta nel Mediterraneo era nel nord del Tirreno e a largo dell’Isola d’Elba con 892.000 frammenti plastici per km2, rispetto ad una media di 115.000.

Anche negli Oceani la situazione è altrettanto grave, nei quali galleggia l’ormai noto Pacific Plastic Vortex, la cui estensione è di qualche milione di chilometri quadrati di cui la maggior parte è costituita dalla plastica.

Le preoccupazioni maggiori sono rivolte alla fauna marina e soprattutto ai mammiferi tra cui le tartarughe che scambiano i sacchetti per meduse rimanendo intrappolate, infatti secondo l’Unep e l’Agenzia di protezione ambiente svedese, 115 specie di mammiferi sono a rischio di intrappolamento o ingestione rifiuti marini. Ma non solo, circa un milione di uccelli marini rimangono uccisi ogni anno per soffocamento nei sacchetti di plastica.

Fonte: http://www.greenme.it

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.