Home / Ambiente / A volte ritornano (forse…): “Fotovoltaico a Guastalla”

A volte ritornano (forse…): “Fotovoltaico a Guastalla”

Il Fotovoltaico a Guastalla sta per essere partorito (sul “come”, le battute le lasciamo a voi!!!).

Si tratta dello stesso impianto che doveva partire entro il 2010 (siamo in ritardo di almeno 6 mesi!) e per cui fu costituita un’inutile società comunale ad hoc (poi liquidata dopo pochi mesi).

Apprendiamo ora che mercoledì 2 marzo 2011 alle ore 19,00, presso il municipio di Guastalla, sarà presentato in una commissione pubblica il bando per questo impianto che, dati alla mano, dagli iniziali 1,8 MW è passato prima a 1,6 MW ed infine ora a 0,9 MW.

Di quest’impianto abbiamo già scritto e detto parecchio, un’iniziativa comunque importante che avvicina Guastalla alle fonti rinnovabili, ma che è passibile di parecchie critiche: come il fatto che l’impianto prevede l’installazione a terra di tutti i pannelli fotocoltaici, quando nel nostro comune si sarebbe potuto studiare un iniziativa ad hoc ed utilizzare come sito d’installazione il tetto di edifici sia pubblici che privati. Inoltre, non ci stancheremo mai di ricordarlo, è ok la produzione di energia pulita, ma occorre tenere ben presente che il primo obiettivo dovrebbe essere IL RISPARMIO ENERGETICO. E Guastalla cosa sta facendo per quest’ultimo?

In ogni caso, se ne vorrete sapere di più, vi invitiamo quindi alla seduta pubblica di mercoledì 2 Marzo alle 19.00 presso la sede municipale guastallese in Piazza Mazzini 1.

Qua trovate il bando in oggetto

Qua trovate la convocazione della commissione

2 commenti

  1. Davide Zanichelli

    Commissione di ieri sera sul parco fotovoltaico:
    ….c’è stata la presentazione del bando d’appalto da parte dello studio Alfa …e questo…grossomodo è il resoconto di com’è andata.

    Dunque…dei primi 3 impianti previsti (
    1- di fianco alla cispadana, il più grosso
    2- vicino alla madonnina di san giacomo
    3- tra solarolo e pieve)
    …si realizzerà in prima battuta soltanto il primo. Gli altri due verranno realizzati secondariamente.

    Fare soltanto il primo impianto (987 kw) permette di stare sotto il megaWatt…e quindi risparmiare le procedure di Valutazione Impatto Ambientale, e quindi velocizzare le procedure.

    La base d’asta dell’appalto è di 3.164.000 Euro (che, in questo caso non è un bando europeo perchè siamo sotto i 5.0000.000 di euro)

    L’impianto è a terra, come sappiamo (cosa negativa)…è uno dei soliti impianti montati su supporti, ed il terreno non verrà nè pavimentato nè impermeabilizzato.

    La destinazione del bando è una “Associazione Temporanea d’Impresa”, che, indicativamente dovrebbe essere costituita da una società finanziaria ed una società costruttrice (ma nulla vieta che possano esserci più di 2 società in questa ATI).

    Il bando, com’è strutturato, dà 80 punti alle migliorie sulle note tecniche, e 20 punti alle migliorie dal lato economico.

    Il guadagno previsto, tra il contributo GSE riconosciuto al comune, sottratte le spese e la rata del leasing in costruendo è di 120.000 euro all’anno. A partire da subito.
    La durata dell’investimento è di 20 anni. Al termine dei quali l’impianto passa ad essere di proprietà del comune il quale non paga più rate, ma ottiene il beneficio dell’energia.

    Il fine lavori è previsto per il 30 luglio. A cui si aggiungono 20 giorni lavorativi per il collaudo.

    Il tipo di finanziamento, se non ricordo male, è a Tasso Variabile con “cap” a 5.50%

    Ovviamente tutto quello che ho scritto è “a memoria”…ed ho cercato di essere più fedele possibile.

    Ricordo che….sarebbero stati centomila volte meglio dei pannelli sui tetti degli edifici pubblici (che tanto ci stanno anche loro per 20 anni)…penso ad ospedali, scuole, ecc….e quel terreno verde poteva essere utilizzato per altro….a cominciare, magari, da semplici orti pubblici.

  2. E pensare che proprio oggi il provvedimento sulle energie rinnovabili, sarà all’esame al Consiglio dei ministri e minaccia di bloccare lo sviluppo dell’energia fotovoltaica in Italia mettendo a rischio anche migliaia di posti di lavoro.
    Lunedì in una conferenza stampa tenuta a Roma sul marciapiede di fronte al ministero dello Sviluppo Economico, le associazioni ambientaliste (tra cui Legambiente, Wwf Italia, Greenpeace) e i Verdi, insieme con il mondo delle aziende e dei produttori (Assosolare, Aper, Asso Energie Future) hanno denunciato il blocco degli incentivi una volta che saranno raggiunti gli 8 mila megawatt (MW) totali di potenza installata previsti per il 2020. Una soglia – spiegano i promotori – alla quale saremo vicini già questa estate (7 mila MW), in base alle stime fornite dal Gestore dei servizi energetici (Gse).
    http://www.corriere.it

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.