Home / Eventi / Unità d’Italia: 150 anni… e Reggio Emilia si veste del Tricolore

Unità d’Italia: 150 anni… e Reggio Emilia si veste del Tricolore

Inizieranno ufficialmente il 7 gennaio a Reggio Emilia, la citta’ che nel 1797 ha dato i natali al Tricolore, le celebrazioni ufficiali per il 150esimo anniversario dell’Unita’ d’Italia, con il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.

In centro storico, in un percorso lungo sei chilometri fra vicoli, viali e piazze si dipana infatti la mostra ‘Le strade della bandiera. Reggio Emilia città del Tricolore’. Una installazione a cielo aperto, con 150 enormi bandiere appese a fili tesi da un capo all’altro dei palazzi, da scoprire camminando con il naso all’insù. L’esposizione resterà in città fino al 2 giugno, festa della Repubblica. Per sei mesi quindi chi cammina in città potrà scoprire i primi vessilli bianco, rossi e verdi.

Il primo impegno del Capo dello stato nella tre giorni emiliana (Reggio, Forli’ e Ravenna) e’ previsto per la mattina del 7 proprio a Reggio Emilia, con la cerimonia dell’alzabandiera in Piazza Prampolini. Subito dopo Napolitano visitera’ la Sala del Tricolore e, nella Sala civica del Palazzo municipale, assistera’ alla consegna della copia del primo Tricolore ai sindaci di Torino, Firenze e Roma.

Ad alcuni alcuni studenti delle scuole reggiane e’ destinata la copia della Costituzione in rappresentanza di tutti gli studenti. Il Capo dello Stato inaugurera’ quindi la mostra ‘La bandiera proibita. Il tricolore prima dell’Unita” allestita a Palazzo Casotti, e visitera’ il museo a cielo aperto ‘Le strade della bandiera. Reggio Emilia citta’ del Tricolore’.
Per la celebrazione ufficiale, al Teatro municipale “Valli”, sono previsti i saluti del sindaco, dei presidenti della Provincia e della Regione, la prolusione del prof. Alberto Melloni e l’intervento del Capo dello Stato; a seguire, un concerto dell’Orchestra Sinfonica nazionale della RAI diretto da Michele Mariotti. Nel pomeriggio e’ in programma la visita al Museo Cervi di Gattatico, sede dell’Istituto Cervi e dell’Archivio Emilio Sereni.
In serata Napolitano sara’ a Forli’, dove ci sara’ un incontro in Comune gli amministratori locali.

L’8 gennaio, dopo una deposizione di una corona presso il monumento a Aurelio Saffi, il Capo dello Stato interverra’ al Teatro ‘Diego Fabbri’ ad un incontro con le istituzioni e la cittadinanza caratterizzato dalla presentazione, da parte del sindaco Roberto Balzani, del racconto per voci, suoni e immagini ‘Come fu che la Romagna divenne italiana. Un territorio e il suo debito con il Risorgimento’. Nel pomeriggio dell’8, a Ravenna, e’ prevista la partecipazione, nella sala Preconsiliare del Comune, alla commemorazione delle figure di Benigno Zaccagnini e Arrigo Boldrini da parte di Sergio Zavoli. Quindi Napolitano partecipera’ al Teatro ‘Alighieri’ al convegno ‘Ravenna e l’Unita’ d’Italia: 150 anni di una passione popolare’ con gli interventi del sindaco, dei presidenti della Provincia e della Regione e la prolusione del professor Sauro Matterelli. La visita del Capo dello Stato si conclude alla sede della Cooperativa Muratori e Cementisti per il 110 anniversario di fondazione della Cooperativa.

(AGI) Red/Mgm

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.