Home / Politica / Politica Locale / Matteo Olivieri, consigliere di Reggio 5 Stelle scrive a Giorgio Napolitano

Matteo Olivieri, consigliere di Reggio 5 Stelle scrive a Giorgio Napolitano

Nel 150° anniversario dell’Unità d’Italia, Matteo Olivieri, consigliere comunale 5 Stelle Reggio Emilia, ha inviato una lettera aperta al Presidente della Repubblica.
“Gentilissimo Presidente della Repubblica, come cittadino prestato temporaneamente alla politica, eletto in una Lista Civica 5 Stelle, Le scrivo in merito al discorso di Capodanno nel quale ha affrontato il tema del disagio del mondo giovanile. In quell’occasione mi sono tornate in mente tante nostre, inascoltate battaglie politiche, che vorrei rammentarLe, convinto che aiutino a comprendere perchè tanti giovani si sentono stranieri in patria.
Ci troviamo di fronte ad una classe politica gerontocratica, chiusa in sè stessa, che si è fatta “monarchia partitica“.
Non voglio essere irriverente, ma Lei è nelle Istituzioni ininterrottamente dal 1953. Se non si pongono limiti temporali ai mandati di partito nelle Istituzioni o negli enti e partecipate di vario grado, violando la Costituzione che vede nei partiti uno strumento di organizzazione elettorale, e non di occupazione dello Stato, si favorirà il perpetuarsi di una situazione degenerata dove la politica diventa professione, e chi fa politica difende il suo benpagato lavoro. Mio nonno, quando votò per la Repubblica, non pensava di regalare il Paese ai moderni “nobili di partito“, a spese dei cittadini. Chi ha combattuto per la Libertà sessantacinque anni fa, non lo fece per i condannati in Parlamento.
Devo rammentarLe che in Senato giace, da più di tre anni, una proposta di legge d’iniziativa popolare “Parlamento Pulito“, firmata da 350.000 cittadini in soli due giorni, che chiede tre cose : ineleggibilità in Parlamento di condannati per reati penali in via definitiva; limite di due mandati nelle Istituzioni; scelta diretta dei propri candidati in Parlamento, come avviene per i Comuni, le Regioni, il Parlamento Europeo.
Negli ultimi 15 anni si è andati, sempre di più, verso il tradimento della volontà popolare. I referendum previsti dai nostri padri costituenti sono stati traditi.
Nel 1993 i cittadini votarono a larga maggioranza per abolire il finanziamento pubblico ai partiti. Nel 1999 i partiti, con un trucco semantico, diedero vita ad una nuova legge che fissa lauti “rimborsi elettorali” per le elezioni regionali, politiche, europee.
Negli ultimi anni è stato distribuito un miliardo di euro ai partiti che poteva essere investito nell’istruzione pubblica. Posso testimoniare, dato che il MoVimento 5 Stelle rinuncia ai “rimborsi elettorali” per rispetto della volontà dei cittadini in primis, che si può far politica senza quei soldi …
Nel 1993 i cittadini decisero con un referendum di cambiare la legge elettorale con le preferenze uninominali. Nel 2006, i partiti hanno cambiato la legge elettorale, infischiandosene dei cittadini, abolendo la preferenza uninominale dando vita a liste bloccate dove le segreterie dei partiti decidono chi mandare in Parlamento.
Gentile Presidente, in attesa di riscontri, Le porgo distinti saluti.”
Consigliere Comunale,

4 commenti

  1. Grande Matteo! Questo sembra essere un primo passo verso quello che Beppe si augura per tutti noi, a partire dal nuovo anno: i cittadi che si riappropriano delle istituzioni! …E che il Palazzo “venga giù” per davvero! Grandi. Adesso aspettiamo fiduciosi, di vedere come (o meglio, “se”!) risponderà il nostro Presidente che ha (così tanto) a cuore i giovani e il loro futuro…

  2. Mi aggrego ai complimenti al Consigliere Matteo Olivieri… bellissima lettera perfetta, reale, chiara e… politically correct!!! :)

    • Complimenti a Matteo e sopratutto al nostro Presidente Napolitano !!!!

      Nei momenti difficili l’unione fà la forza e occorre rafforazre l’identità nazionale, salvaguardare le nostre radici, almeno per tutti quelli che hanno dato la vita per la patria e l’Italia, intesa come stato unitario:

      INUTILE DIRE E RILEVARE L’ENNESIMA MANCANZA DI LUNGIMIRANZA POLITICA, ETICITA’, RISPETTO DELLA NAZIONE DA PARTE DEGLI ESPONENTI DELLA LEGA EMILIA NON PRESENTI ALL’ANNIVERSARIO DELL’UNITA’D’ITALIA A REGGIO EMILIA:

      Che dire ???? Forse Alessandri potrebbe espellere anche il Presidente della Repubblica ????? ..reo di aver ammonito la Lega di un maggior rispetto per il tricolore !!!

      silenzio..meglio continuare a far passare tutto in sordina….ssssiiiiilenzioooooo,

  3. Davide Zanichelli

    Quanto mi piace la frase “Chi ha combattuto per la Libertà sessantacinque anni fa, non lo fece per i condannati in Parlamento.”

    Complimenti a Matteo Olivieri.

    meno a Napolitano. che troppo spesso finge di non vedere.

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.