Home / Politica / Politica Nazionale / Le ultime dalla Onlus “LIBERO”: Papologia del Fascismo

Le ultime dalla Onlus “LIBERO”: Papologia del Fascismo

Nonostante la crisi generalizzata e i tagli alla spesa pubblica previsti per l’anno 2011, il maxi emedamento alla Finanziaria recupera altri 40 milioni da destinare al finanziamento pubblico per l’editoria.
Di questa fa parte anche l’ONLUS mascherata da quotidiano “Libero“, a cui sono andati ultimamente “7.794.367,53 euro” dei nostri soldi…

Un numero da collezione. Solo per veri cultori. Anzi, per tutti. Tutti devono vedere. Mannò che non scherzo. Libero di oggi va guardato, va letto, va ricordato. Perché è un importante quotidiano nazionale che si fa minaccia, si fa violenza, si fa intolleranza. Si fa regime. Non per rimpiangere il passato, ma per mandare un messaggio forte e chiaro a quelli del presente. Se vi sembrano paroloni, se vi sembrano esagerazioni, beh, buttateci un occhio.

Si parte con i “Traditori”. Quelli che il 14 volteranno le spalle al Presidente Berlusconi. Il Direttore Maurizio Belpietro – lo stesso che solo 2 mesi fa è scampato ad un pericoloso “attentato”, noi i mandanti morali – ha in serbo per gli infami un trattamento speciale. “Ingrati, eletti solo grazie a Berlusconi. I cittadini ora vi conoscono, si ricorderanno di voi. Ora i cittadini vi puniranno. Ci accusate di intimidazione e di usare la carta stampata come un manganello? A noi importa un fico secco”. Ora lo gridano senza vergogna alcuna, politici e giornalisti, non c’è più tempo per le mezze misura. Loro se ne fottono. E questo è solo l’inizio.

Prima di terminare l’elenco, c’è spazio per mostrare il “Ducetto Fini”, con tanto di braccio teso – foto che oramai conoscete a memoria – ma più che una critica (e come potrebbero?) è un modo per tirare dentro un po’ tutti quanti – lo sanno che è grave ciò che stanno facendo – e spezzare così responsabilità e affinità. Affinità papali, a quelle mi riferisco, affinità che il quotidiano che fu di Feltri e Farina non ha mai cercato di nascondere, e sognare. L’elenco, dicevo. Ecco gli altri. Ecco gli altri volti, ecco le altre mail, l’ordine è chiaro. “Puniteli”.

“Trota nostalgico: siamo i Balilla della Gelmini”. Magnifico. Eccolo il capolavoro. Non saprei da dove cominciare. Meglio lasciarlo così, immacolato. Fate voi. Renzo, ma i giovani che criticano la riforma Gelmini? “Ignoranti”.

Sarà finita, a questo punto. Ma nemmeno per sogno. All’appello mancano i negri. Negri e maratone. All’appello manca quel politico leghista. “Non ha senso che gli enti locali continuino a finanziare una manifestazione alla quale in maggioranza partecipano atleti africani o comunque extracomunitari in mutande”. Al giornalista di Libero non pare vero di poter chiudere il cerchio con un pezzo del genere. Gode, mentre scrive.

E se qualche lettore avesse ancora dei dubbi sugli odi, sugli amori e sugli ardori della redazione di Libero, a pagina 23 si spazza via ogni indugio. Non che ce ne fosse bisogno, ma è meglio essere chiari, di questi tempi.

fonte: “nonleggerlo.blogspot.com”

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.