Home / Ambiente / 28 ottobre a Novellara: Ricavare energia dai rifiuti, (sarà davvero) un passo avanti?

28 ottobre a Novellara: Ricavare energia dai rifiuti, (sarà davvero) un passo avanti?

Abbiamo già scritto della SABAR (società intercomunale) e dell’intenzione di costruire un inceneritore a Biomasse per produrre energia. Impianto che dovrebbe sorgere a Villa Seta (Cadelbosco Sopra) su di un terreno in origine ad uso agricolo, ma che tempo fa il comune di Cadelbosco Sopra ne aveva cambiato la destinazione d’uso ricevendo garanzie di una serie di investimenti per opere di interesse pubblico sul territorio locale.
Al momento l’impianto sembra essere in fase di progettazione e se avrà l’OK a procedere, dicono dalla SABAR, dovrebbe essere pronto per la fine del 2012. L’inceneritore dovrebbe permettere di consegnare circa 16.000 tonnellate di biomasse verdi e legno al recupero energetico, producendo 7.500 MgWh di energia elettrica all’anno.

GIOVEDI’ 28 OTTOBRE 2010 – ORE 21,00 – IN SALA CIVICA A NOVELLARA (RE), il circolo OMNIBUS ha organizzato una serata dal titolo «Ricavare energia dai rifiuti, un passo avanti». Sarà presente come relatore il direttore SABAR Mirco Marastoni.

Il tema della serata prevedibilmente, anche se non specificato nel volantino informativo, sarà l’attuale impianto di cogenerazione di Novellara, alimentato dal biogas derivante dalla decomposizione della frazione organica di rifiuti contenuti nella discarica.

Ma quale miglior occasione per chiedere delucidazioni anche in merito all’impianto a Biomasse al momento in progettazione?
Già perchè ne vorremmo sapere sicuramente di più visto che ormai le Biomasse sembrano essere l’ultima moda… Prima la nascita a Correggio di “EVA” della En.Cor srl, poi il sovradimensionato ed insensato progetto di mega-centrale a biomasse a Fora di Cavola gestito da Iren ed ora SABAR non vuole essere da meno proponendo l’inceneritore di Villa Seta.

Tornando all’avvenimento di giovedi sera a Novellara e al titolo della serata «Ricavare energia dai rifiuti, un passo avanti» ci sorgono spontanee alcune riflessioni:

  • Che senso ha produrre energia se ha monte non c’è un piano di riparmio energetico?
  • Che senso ha immettere nell’aria che respiriamo atre sostanze nocive che andrebbero ad aggravare la già disastrata situazione d’inquinamento atmosferico della nostra zona?
    Ricordiamo infatti che bruciare BIOMASSA oltre alle emissioni di inquinanti convenzionali, quali ossido di carbonio, polveri totali sospese e ossidi di azoto (Johansson, Tullin et al. 2003), occorre porre attenzione ad inquinanti meno convenzionali che si producono con la combustione di biomasse, quali polveri sottili, (Johansson, Tullin et al. 2003), formaldeide (Olsson 2006), benzene (Schauer, Kleeman et al. 2001), idrocarburi policiclici aromatici (Kakareka, Kukharchyk et al. 2005), diossine (Hubner, Boos et al. 2005; Lavric, Konnov et al. 2005).
  • L’impianto in fase di progettazione brucierà davvero SOLO cippato di pioppo, legname da forestazione emanutenzione del verde? O come nei casi di “EVA” a Correggio e prossimamente, se approvato, a Fora di Cavola il combustibile legnoso dell’inceneritore sarà integrato da olio vegetale importato dall’Africa?
  • Perchè SABAR, società intercomunale, non concentra in propri sforzi progettuali verso tecnologie di recupero rifiuti, meglio chiamati RISORSE, come un centro di riciclo a modello VEDELAGO? Centro che potrebbe permettere di ridurre ad una percentuale irrisoria il rifiuto da conferire poi in discarica?

“Bruciare immondizia, un passo in dietro”.

Speriamo giovedì sera di avere risposte in merito…
VI ASPETTIAMO TUTTI IN SALA CIVICA A NOVELLARA!

8 commenti

  1. paolo bernini

    http://www.youtube.com/watch?v=-nqvGSInHl8
    guardatevi questa cosuccia qua . sarebbe bello farci il video e proiettarlo .credo che il 24/11 a Novellara ci dovrebbe essere un consiglio comunale in merito .

  2. Davide Zanichelli

    Certo che, ora che ci penso, il Leghista Alessandri è di Guastalla ed è presidente della commissione ambiente della Camera dei Deputati….
    Se gl’interessasse veramente l’ambiente farebbe qualcosa di concreto per queste cose…
    Probabilmente, come a tutti i leghisti frega solo del proprio tornaconto, e se ne frega se a Guastalla si respira un’aria da schifo.
    La lega è legata al territorio, solo quando gli rende dei soldi….che schifo.

  3. Marco Dallai

    La risposta dell’amministrazione comunale di cadelbosco sopra:
    «L’Amministrazione comunale di Cadelbosco di Sopra informa i Cittadini che, in merito a un eventuale impianto sul territorio comunale per la produzione di energia elettrica derivante dalla combustione di biomasse vegetali (sfalci e potature di giardini), nessuna autorizzazione è mai stata rilasciata e nessuna interrogazione è giunta ad oggi a questa Amministrazione in merito a un ipotetico progetto di impianto di cogenerazione a biomasse.

    L’Amministrazione chiarisce inoltre che alla ditta Sabar è stata concessa solo ed esclusivamente la possibilità di realizzare un impianto di recupero di sfalci e potature, attraverso un sistema di essicazione (non combustione), e la realizzazione di una serra che utilizza il calore residuo per la coltivazione di basilico.

    Le attività da svolgere sull’area di proprietà di Sabar, sita nella frazione di Villa Seta al confine con il Comune di Novellara, sono state oggetto di una convenzione tra il Comune di Cadelbosco e Sabar stessa, approvata con deliberazione del Consiglio comunale, n.15 del 28 marzo 2007, e successivamente con deliberazione n.38 del 2 dicembre 2007, che stabiliscono le precise attività da svolgere su quell’area.

    Si ribadisce quindi che nessuna autorizzazione è stata rilasciata per altre tipologie di impianto.

    Qualsiasi modifica alle attività previste nelle deliberazioni sopra citate dovrà essere autorizzata dal Consiglio comunale e sarà condivisa con i Cittadini, così come avvenuto finora, nell’ambito di un chiaro quadro pianificatorio a livello provinciale in merito alla gestione dei rifiuti e degli impianti per le energie alternative.»

    http://www.modena2000.it/2010/10/29/lamministrazione-di-cadelbosco-di-sopra-circa-la-situazione-della-ditta-sabar-nel-territorio/

  4. vittorio manzotti

    Se notata su questo tema c’è la massima censura dei media locali, giornali e tv in primis, eppure sono stati tutti avvisati del nuovo impianto ma nessuno, dico nessuno proferisce parola, evidentemente c’è l’ordine del NO COMMENT.

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.