Home / Ambiente / INCENERITORE DI PARMA: esposto alla Commissione Europea

INCENERITORE DI PARMA: esposto alla Commissione Europea

Già nei mesi scorsi erano emersi dubbi su alcuni elementi di legittimità dell’impianto di incenerimento di Via Ugozzolo. Ora al via anche un esposto depositato dagli avvocati Pietro De Angelis e Arrigo Allegri per illegittimità degli atti amministrativi. Nei prossimi giorni sarà inoltrato anche un ricorso al Tar.

Un esposto contro la costruzione dell’inceneritore di Parma è stato depositato presso la Commissione Europea dagli avvocati parmigiani Pietro De Angelis e Arrigo Allegri, che denunciano l’illegittimità degli atti amministrativi che hanno portato all’approvazione del progetto stesso.

Il nuovo missile contro l’ormai sgangherato edificio del camino inquinante è stato lanciato l’11 ottobre scorso, destinataria la Commissione delle Comunità Europee e riguarda alcuni inadempimenti nella procedura di assegnazione a Enia-Iren di tutto il Polo Ambientale Integrato, oggi in costruzione a Ugozzolo.
Le norme sulla concorrenzialità e sulla trasparenza sarebbero alla base del nuovo sviluppo legale della vicenda che ormai da mesi sta tenendo banco sulle prime pagine dei giornali locali, ma che ora sta assumendo un profilo transnazionale.
Il progetto dell’inceneritore da 130 mila tonnellate sembra ormai accerchiato da una serie di questioni legali dalle quali Iren non sembra più in grado di uscire: il piano economico finanziario, più volte chiesto da cittadini, associazioni, addirittura dal sindaco di Parma Vignali, non è ancora stato consegnato.
E pensare che proprio la trasparenza degli atti riguardanti il Pai è parte integrante della delibera del consiglio comunale che aveva dato il via al collocamento del forno nell’area dello Spip, un voto unanime che recitava senza mezze misure l’obbligo di Iren di fornire tutta la documentazione richiesta da cittadini e associazioni.
Questo rifiuto, che perdura ormai da 137 giorni, oltre 4 mesi, potrebbe anche configurare una nullità dell’atto, conseguente alla mancata adesione di Iren agli obblighi imposti dal massimo consesso cittadino.
Anche all’interno di Iren non sembrano avere le idee molto chiare visto che a seconda di chi scrive la versione cambia. Si passa da un piano economico finanziario che non può essere mostrato per questioni di Borsa, ad un Pef che non esiste nemmeno (clicca qui).
Poi il mistero sui costi dell’impianto: 180 milioni secondo le stime inserite nel progetto, 265 milioni secondo quanto dichiarato nella richiesta di finanziamento alla Bei, la banca europea degli investimenti, che ha concesso ad Iren cento milioni di euro di credito.
Possibile che li abbia concessi senza sapere nulla del piano economico finanziario?

Associazione Gestione Corretta Rifiuti e Risorse di Parma – GCR

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.