Home / Politica / Politica Locale / Lunedì 13 settembre: riparte il treno per Parma,restano i ritardi

Lunedì 13 settembre: riparte il treno per Parma,restano i ritardi

Come avrete letto dal precedente articolo,questa settimana è la settimana della Mobilità a cui il Movimento 5 Stelle aderisce,ma non mi sarei aspettato una notizia-bomba del genere!

Reggetevi alla sedia,cari amici della Bassa:

DOPO 7 ANNI DI LAVORI TAV RITORNA IL TRENO PER PARMA!!!!!

Don Camillo: COSI’ VELOCI???

Molti ormai non ci speravano più di rivedere i binari parmigiani, altri si erano quasi rassegnati ai trasbordi brescellesi per aspettare il servizio autobus con il suo puntuale ritardo, invece dopo solo 7  anni di lavori per la TAV il ciuf-ciuf ritorna a risuonare nelle campagne tra Brescello e Parma; ripristinando la storica linea di 60km che collega Suzzara a Parma e che ogni giorno tiene “dolce compagnia” ai suoi affezionati pendolari.

Lo so che la vostra settennale esperienza vi consiglia di diffidare e rifugiarsi nella sana fede che sia un’altro di quei racconti iperbolici vissuti da ognuno di noi in prima persona, raccontati agli amici ,  e sentiti raccontare da quest’ultimi.  Insomma quelle fiabe metafisiche a cui le nostre orecchie  sono ormai abituate : di locomotive deragliate nel pallido mattino, appena uscite dal garage; di ferrovieri affannati a correre nella neve per centinaia di metri per azionare i passaggi a livello,di autobus che rincorrono a Boretto il treno già partito senza i passeggeri; ecc…e tante altre che potrebbero far sorridere e sentire fortunati persino un nostro coetaneo del Sudan o dell’India meridionale.


Ma se il nostro duro cuore di gente della Bassa sembra quasi spaesato e confuso,la ragione pian pianino se ne capacita:

“Sembra tutto vero,sia da ciò che afferma il sito Fer (http://www.fer-online.it/it/news/HomePage/DopoanniriaprelaParmaBrescello), sia dalla testimonianza di chi, in questo giorno di gaudio si ritorna con la memoria a un lontano memorabile passato.

Ecco appunto: voglio riportare le impressioni di una mia amica che ha avuto l’onore di vivere questo “passaggio del mar Rosso”,questo mirabile lancio dello Sputnik.quindi preparatevi al risvolto della medaglia.

1) Innanzitutto pare che,per qualche proprietà associativa della  matematica, cambiando il mezzo di trasporto da pullman a treno, il ritardo non cambia, dato che sono arrivati comunque con i loro 20 minuti di ritardo.

“la cosa bella è che siamo stati fermi senza motivo a sorbolo per 15 minuti mentre i controllori si prendevano il caffè al bar…” riferisce. Beh,avrebbero almeno potuto offrirlo anche ai pendolari; col costo del biglietto non ci scappa il caffettino ?

Ciò mi ricorda quello che ci disse l’assessore regionale Peri all’incontro col comitato pendolari: ” il ricavato dei biglietti copre solo il 30 % del costo del servizio, il resto lo paga la regione con le tasse dei cittadini”, intiende?

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2010/07/questi-non-sono-aumenti-sono-abusi.html

2)”per dare il benvenuto ai pendolari ci hanno messo il treno datato 1956…arrivi a Parma sordo e congelato visto i mille spifferi”  lei continua.


Lascio a voi i commenti a tutto ciò.Sembrerebbe una barzelletta,ma su ciò rimando all’introduzione fatta…inoltre al ritorno c’era il pullman perchè non tutte le corse sono state sostituite,alcune sono ancora pullman a causa dei lavori alla stazione di Parma.

3)Alla riapertura è subito scaturito il problema che a tutti è lampante: a Sorbolo hanno fatto praticamente una rotonda tangente il passaggio a livello e celeberrimo semaforo a poche centinaia di metri.

Perciò “al minimo segnale della barra che discende.si scatena l’inferno”,con code a non finire.

Peccato che ora quel segnale sia con una buona cadenza oraria e debba permettere il passaggio di 2 treni che si devono scambiare all’ora di punta.Quando l’urbanistica e la razionalizzazione sono un optional?

Tutto coerente con l’ultima frase del comunicato stampa sul sito FER:

“Il vantaggio che se ne ricaverà è senz’altro una diminuzione dei tempi di percorrenza tra Suzzara e Parma, oltre alla possibilità, dal 13 settembre, di un deciso miglioramento del servizio ferroviario con l’introduzione di nuovo materiale rotabile. In un prossimo futuro sono previsti ulteriori miglioramenti derivanti dalla soppressione di alcuni passaggi a livello.”

Pare che di rotaia ce ne sia ancora da percorrere per recuperare questi ritardi.

Ricordo che in regione il Movimento ha già fatto presente più volte l’inspiegabile problema dei ritardi dei trasporti pubblici, pare che sia ancora necessario palesare la realtà dei fatti ai nostri amministratori regionali.

http://www.beppegrillo.it/listeciviche/liste/emiliaromagna/2010/05/pendolari-i-disagi-per-chi-viaggia-da-parma-reggio-modena-sull-r6485-approdano-in-regione.html

Luca

Ps: in vacanza in provincia di Bolzano più usavo il biglietto cumulativo o carta valore autobus/treno, più risparmiavo e gli orari erano sempre rispettati: http://www.sii.bz.it/it/tariffe.php

Dovremmo proporre al consiglio comunale di Parma di cambiare il nome della città  in “New Bolzen”,forse i mezzi pubblici ne gioverebbero di puntualità.

Un commento

  1. Adesso hanno anche aumentato le corse ,una ogni ora,pian pianino…

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.