Home / Ambiente / Capannori: Passi concreti verso Rifiuti Zero
***** QUESTA SERA (dalle ore 20,30 circa) CONSIGLIO COMUNALE A GUASTALLA CON AGGIORNAMENTI IN DIRETTA TWITTER E FACEBOOK - si parlerà anche di riprese video in Consiglio. ***** Ottime notizie giungono dal Comune di Capannori, sempre un passo avanti nelle pratiche di salvaguardia ambientale, dove, nell’ambito dei progetto “Passi concreti verso Rifiuti zero”, l'11 ottobre aprirà uno sportello dedicato alle buone pratiche di riduzione dei rifiuti.

Capannori: Passi concreti verso Rifiuti Zero

Ottime notizie giungono dal Comune di Capannori, sempre un passo avanti nelle pratiche di salvaguardia ambientale, dove, nell’ambito dei progetto “Passi concreti verso Rifiuti zero”, l’11 ottobre aprirà uno sportello dedicato alle buone pratiche di riduzione dei rifiuti.

Chissà perché pratiche e progetti in altri luoghi praticabili, a Guastalla diventano pura fantascienza!…

A Capannori, nell’ambito dei progetto “Passi concreti verso Rifiuti zero”, l’11 ottobre apre uno sportello dedicato alle buone pratiche di riduzione dei rifiuti.
Sarà dedicato sia ai cittadini che alle imprese e lo gestiranno i volontari dell’associazione “Ambiente e Futuro per Rifiuti Zero“.
Fornire ai cittadini e alle imprese informazioni sulle buone pratiche di riduzione dei rifiuti e servire da “incubatore” di idee, sono gli scopi principali dello sportello “Rifiuti zero” che, a partire dal prossimo 11 ottobre, aprirà nell’atrio del palazzo comunale in piazza Aldo Moro. Entra, così, nel vivo il progetto “Passi concreti verso Rifiuti zero”, che si propone l’obiettivo di studiare e mettere in atto iniziative per la riduzione “a valle” dei rifiuti.

Chi vi si rivolgerà potrà usufruire di una consulenza “ad hoc” in merito ai comportamenti da tenere, sia in ambito domestico, sia in ambito di attività produttiva, in tema di riduzione dei rifiuti. Saranno suggerite, ad esempio, le tipologie di prodotti i cui imballaggi sono più facilmente riciclabili oppure come poter riutilizzare gli stessi contenitori.
Ai commercianti verranno date informazioni, in particolare, su come evitare la formazione dei rifiuti mediante la vendita di prodotti alla spina e l’utilizzo del “vuoto a rendere”.
Gli operatori, inoltre, divulgheranno materiale informativo che aiuterà a ricordare le buone pratiche ambientali e spiegherà in che cosa consiste la strategia “Rifiuti zero”.

“Capannori, con l’adozione del ‘porta a porta’ si è resa protagonista di una straordinaria rivoluzione culturale dimostrando una grande partecipazione e condivisione dei principi della sostenibilità ambientale – commenta il sindaco, Giorgio Del Ghingaro – L’apertura dello sportello vuole al tempo stesso essere sia uno strumento di progettazione partecipata, sia di informazione. Questo punto aperto a tutti i cittadini e alle imprese è la prima delle azioni concrete del progetto ‘Passi concreti verso Rifiuti zero’, grazie al quale analizzeremo e proporremo strategie legate all’organizzazione della raccolta differenziata”.
Il primo cittadino ha anche sottolineato che si tratta di un’iniziativa istituzionalizzata che viene portata avanti in collaborazione con l’amministrazione comunale.

“Il nostro progetto ‘Passi concreti sui Rifiuti Zero’ – dichiara il responsabile, Rossano Ercolini – si pone quattro obiettivi:
Primo, la riduzione del residuo della raccolta differenziata attraverso lo studio dei flussi merceologici e l’eleborazione di proposte di riduzione.
Secondo, l’informazione.
Terzo, la condivisione di esperienze e buone pratiche, attraverso il rafforzamento di una rete dei soggetti aderenti a ‘Rifiuti Zero’.
Quarto, la progettazione di interventi specifici attraverso la ricerca di finanziamenti e partnenariati”.

Il progetto “Passi concreti verso rifiuti zero” è portato avanti da un team operativo coordinato dall’associazione “Ambiente e Futuro per Rifiuti Zero” e da un comitato scientifico presieduto dal professor Paul Connett che annovera al suo interno altri esperti, docenti, ricercatori e progettisti di varie università italiane.
Punto centrale di questo progetto è il “Centro di ricerca rifiuti zero”. Unico in Europa, ha la lo scopo di monitorare e studiare il “rifiuto residuo” così come si presenta dopo la raccolta “porta a porta”, cioè “a valle”. In estrema sintesi il progetto, oltre ad avere finalità di migliorare la percentuale di raccolta differenziata, mira a coinvolgere i produttori in un processo graduale di responsabilizzazione attraverso il Conai (Consorzio nazionale imballaggi) teso a riprogettare quegli imballaggi che ad oggi non risultano né riciclabili né compostabili.

“Capannori è stato il primo comune d’Italia ad aderire alla Strategia Rifiuti Zero – dichiara l’assessore all’ambiente, Alessio Ciacci -. Quello che fino a qualche anno fa sembrava utopia irrealizzabile si sta trasformando, giorno per giorno, in realtà concreta, in numeri che danno ragione a chi ha raccolto questa sfida di sostenibilità che guarda al futuro. Una realtà costruita da oltre 17 mila famiglie che ogni giorno selezionano con cura i propri scarti permettendo ai materiali di avere una nuova vita e di migliia di cittadini coinvolti dalle buone pratiche sulla riduzione dei rifuti, attraverso la vendita alla spina di latte e detersivi, al compostaggio domestico, alla Via dell’Acqua e ai tanti altri progetti in corso.
Grazie allo sportello riusciremo a dare ancora maggiore informazione e assistenza a tutti i cittadini che partecipano a questo percorso per un futuro migliore della nostra comunità”.

Fonte: www.comune.capannori.lu.it

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.