Home / Politica / Politica Nazionale / Pensioni parlamentari: un buco da centinaia di milioni di euro

Pensioni parlamentari: un buco da centinaia di milioni di euro

“L’Italia di Mussolini aveva otto milioni di baionette, l’Italia del nuovo millennio ha 17 milioni di pensionati. Per andare in pensione sarà necessario aspettare la loro dipartita di massa. Chi lavora (o cerca un lavoro) vede l’asticella alzarsi, 35/40 anni e forse più di contributi. In pratica, un ragazzo di venti o trent’anni in pensione non ci andrà mai. Lavorare 40 anni ininterrottamente con un posto fisso e il versamento mensile all’INPS dei contributi è come vincere al Superenalotto.
Il Paese è diviso in due classi: i pensionati e i sommersi. Sommersi perché precari, in nero, disoccupati, sottopagati, licenziati. Perché la loro pensione è un miraggio sociale. Le pensioni rappresentano il vero “class divide” italiano. Non è possibile chiedere ai giovani di spostare in avanti l’età pensionabile e gli anni di contributi fino alla consunzione mentre ci sono battaglioni di pensionati con due o tre pensioni, parlamentari con il diritto alla pensione dopo due anni e mezzo di legislatura, milioni di pensionati che percepiscono una pensione per la quale hanno versato la metà o anche meno di contributi, centinaia di migliaia di baby pensionati, pensionati dalle pensioni d’oro. La pensione minima va comunque garantita e anche tutte le pensioni per cui sono stati versati effettivamente i contributi. In tutti gli altri casi va fatta tabula rasa. Se non succederà, tutti coloro che versano i contributi all’INPS, in particolare le fasce più giovani, non devono più versare un euro. E’ come buttare i soldi dalla finestra. Nessuno ti garantisce se e quando li riavrai.
I sacrifici valgono per tutti o per nessuno. Qual è la situazione pensionistica degli ex parlamentari, ex presidenti di Regione, di Provincia, ex ministri, ex presidenti di municipalizzate, ex presidenti della Repubblica? Quanti sono i pensionati consulenti? Quanti quelli che superano i 4000 euro? Quanti quelli che votano per il mantenimento dello status quo pensionistico il partito bifronte Pdelle-Pdmenoelle?
Solo chi raggiunge l’età pensionabile può fare carriera. Il duo Berlusconi-Napolitano fa quasi CENTOSESSANTANNI. Il fatto straordinario è che i “sommersi“, i ragazzi senza un presente e neppure un futuro per non parlare della pensione non si incazzino. Lavoreranno da schiavi e moriranno sul luogo di lavoro, come i rematori delle galere. Intanto, i pensionati da 4000 euro in su saranno al Club Med con il Viagra sul comodino. Ragazzi, non un soldo all’INPS, meglio sotto il materasso. In futuro consigli e indicazioni sul blog.”

Beppe Grillo www.beppegrillo.it

4 commenti

  1. Disccorso ineccepibile:ne discutevamo io e il Matte un mese fa.

    Più che altro mi piacerebbe capire come si fa a non versare i contributi e a rinnunciare alla pensione.

    • aaaAARRRrgghhhh!!!!!!!!!
      ma come fa uno a non incazz…..????!!!
      e con quale coraggio vengono a spremerti soldi continuamente per poter mantenere il loro tenore di vita e vecchiaia!!!

      …tranquillo Luca…nell’impresa di non versare contributi per la pensione potrebbe aiutarti il mondo del lavoro!
      no lavoro – no contributi…………..

  2. VERGOGNA!!! I tagli solo per le fasce deboli???
    La crisi per i parlamentari non esiste… e non fanno sicuramente le leggi che vanno contro i loro interessi personali… disonesti!!!

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.