Home / Politica / Politica Locale / Guastalla: gli Assessori Eugenio Bartoli ed Elisa Rodolfi prendono le distanze da Marco Lusetti

Guastalla: gli Assessori Eugenio Bartoli ed Elisa Rodolfi prendono le distanze da Marco Lusetti

Leggiamo e riportiamo dal sito web “www.reggio24ore.com” il tentativo di prendere le distanze dal vicesindaco Marco Lusetti da parte degli Assessori di Guastalla Eugenio Bartoli ed Elisa Rodolfi, coinvolti nelle consulenze ENCI che il vicesindaco aveva attivato per “rilanciare” i destini dell’ente.

Le rivelazioni dell’ormai ex vicesindaco leghista Marco Lusetti rischiano di travolgere la giunta di Guastalla, la cui credibilità politica è oggi gravemente indebolita dalle notizie che emergono ai margini del periodo di reggenza svolto da Lusetti in qualità di commissario ad acta dell’Enci, l’ente privato che si occupa della selezione dei cani di razza in Italia.

I due assessori coinvolti hanno diffuso una nota nella quale cercano di prendere le distanze da Lusetti, specificando di averne accettato le proposte solo a titolo professionale e non per ragioni di comune appartenenza politica. Bartoli è un imprenditore e amministra la Unione Manifatturiera srl, mentre la Rodolfi, architetto, è contitolare dello studio Polis. Leggiamo il testo della dichiarazione.

“Il sig. Lusetti – precisano i due esponenti del Carroccio – ha proposto la possibilità di collaborazione con Enci a diversi soggetti: questo è avvenuto sulla base di specifiche competenze professionali, e almeno per quanto riguarda i sottoscritti le azioni poste in atto hanno avuto un carattere prettamente interlocutorio e si sono basate sulla presentazione di progettualità chiaramente descritte; hanno previsto un’ipotesi di costo economico, nell’intento di fornire tutti gli elementi per una ponderata decisione. Non è compito dei possibili futuri contraenti accertare i titoli di legittimità di colui che si propone in veste di committente, questo tanto più di fronte all’esibizione di titoli genericamente legittimanti quali i Decreti Ministeriali di nomina a commissario”.

“Che poi di queste progettualità Lusetti abbia fatto un uso improprio (rispetto alla tipicità dei documenti), incongruo (rispetto alle finalità dell’ente) e viziato da illegittimità (rispetto ai poteri conferitigli) come contestato dal Ministero per le politiche agricole, alimentari e forestali – si difendono i due assessori coinvolti dalle voci di stampa – non era agli scriventi dato saperlo. Non è riscontrabile alcuna responsabilità partecipativa dei possibili futuri contraenti in una fase assolutamente interlocutoria. I rapporti intercorsi tra noi ed Enci si sono estrinsecati unicamente nella legittima ricerca e valutazione di opportunità professionali, proporzionalmente retribuite. […] Eravamo quindi del tutto ignari di eventuali diverse finalità e siamo profondamente dispiaciuti per quanto accaduto e per l’uso che dovesse ritenersi improprio dei preventivi a noi richiesti perché da noi redatti sulla base di una richiesta di attività professionale ben precisa rientrante nelle nostre competenze”.

Non è detto tuttavia che “il dispiacere” provato dai due assessori per avere accettato le proposte professionali di Lusetti sia sufficiente a placare le dimensioni di una vicenda che si sta via via trasformando in uno scandalo, tale non solo da avere reso necessaria la cacciata di Lusetti dall’Enci, ma anche da avere messo l’intera Lega emiliana sulla graticola.

Il commissario Lusetti aveva disposto, oltre a uno stipendio per se stesso pari a seimila euro al mese, la bellezza di 62 incarichi professionali ad altrettante figure vicine a lui o alla Lega. Questo Enci, in sostanza, sarebbe stato un vero pozzo di San Patrizio e avrebbe sborsato solo per il primo anno la bellezza di un milione e 700mila euro di consulenze. Coinvolti nella vicenda non vi sono solo i due assessori guastallesi, ma numerosi esponenti di primo e di secondo piano della Lega a Reggio e in Emilia.

Fonte: “www.reggio24ore.com”

4 commenti

  1. Marco Dallai

    Ormai il nano ha fatto scuola… anche nelle piccole amministrazioni… UN VERO SCHIFO!!!
    Certo è che Lusetti è stato di parola… lo aveva detto anche in Consiglio Comunale…
    http://www.guastalla5stelle.org/2010/07/riflessioni-sul-consiglio-comunale-di-ieri-i-soldi-agli-amici-degli-amici-o-ai-fratelli-e-alle-sorelle/

  2. Ritengo che le attribuzioni di incarichi per competenze professionali devono essere valutati in modo oggettivo e non per appartenenza partitica altrimenti vi sono già favoritismi… eh si, perchè se uno ha una tessera di un partito ha maggiori possibilità di lavoro?…
    La conseguenza è che la professionalità lavorativa viene messa in secondo piano…
    … purtroppo molte persone cominciano a considerare “normali” certi comportamenti che non lo sono della serie “tanto lo fanno tutti”… eh NO!!!!!!

    • vero…in Italia il processo di legittimazione di comportamenti deprecabili, anche solo moralmente, sta procedendo a pieno regime!
      e pian piano anche la provincia ed il paese “prende le stracce” da roma (ex?…) ladrona…

      Dove voglio trascinare Guastalla???……………

      ps:….BELLISSIMA l’immagine di copertina! 😉

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.