Home / Politica / Politica Nazionale / SCUOLA: Denunce, Nuovi Tagli… e un miliardo di rimborsi negati per spese già effettuate

SCUOLA: Denunce, Nuovi Tagli… e un miliardo di rimborsi negati per spese già effettuate

Due maestre delle scuole elementari di Bologna denunciano lo stato della scuola, tagli, cattiva amministrazione e disagi.

A tal proposito vorremmo evidenziare che l’art. 33 della Costituzione sancisce:

L’arte e la scienza sono libere e libero ne è l’insegnamento.
La Repubblica detta le norme generali sull’istruzione ed istituisce scuole statali per tutti gli ordini e gradi.
Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.
La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole non statali che chiedono la parità, deve assicurare ad esse piena libertà e ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni di scuole statali.
E` prescritto un esame di Stato per l’ammissione ai vari ordini e gradi di scuole o per la conclusione di essi e per l’abilitazione all’esercizio professionale.
Le istituzioni di alta cultura, università ed accademie, hanno il diritto di darsi ordinamenti autonomi nei limiti stabiliti dalle leggi dello Stato.

Anche i presidi sono sull’orlo del collasso con l’ ennesimo taglio alle risorse delle scuole pubbliche. Nel 2010 diventerà ancora più difficile nominare i supplenti e provvedere alle spese di funzionamento per acquistare carta igienica e detersivi per le pulizie, così come materiale di cancelleria.

Le nostre scuole  sono ancora una volta costrette a fare i conti con una drammatica mancanza di risorse e l’immagine desolante che si ha è quella delle difficoltà che ancora una volta segnano la gestione delle istituzioni scolastiche, difficoltà, per le quali non è prospettata, né si intravede, alcuna soluzione.

La scuola è messa a soqquadro da una circolare inapplicabile che “obbliga” le scuole ad agire nell’opacità, senza trasparenza eludendo la veridicità dei dati. Di violare i vincoli giuridici ed etici che debbono contraddistinguere le gestioni pubbliche dello stato. “Le scuole non possono stare al gioco di chi vuole mettere a soqquadro la scuola pubblica obbligando i genitori a finanziarla per intero”. Per il 2010, il ministero assegnerà un budget onnicomprensivo, calcolato sulla base di alcuni indici diversi da scuola a scuola: numero degli alunni, numero delle classi e altri parametri.

Ma “una volta detratte dalla dotazione annuale le risorse relative al Fondo d’istituto, la spesa per i contratti di pulizie (decurtati del 25 per cento) e, per gli istituti d’istruzione secondaria superiore, l’importo per gli esami a carico delle classi terminali”, scrive al ministero Giorgio Rembado, presidente dell’Associazione nazionale presidi, nella disponibilità” degli istituti restano “esigue differenze che dovrebbero coprire le spese per le supplenze brevi e il fabbisogno per il funzionamento”.

Ma c’è di più. Il ministero, senza confrontarsi con nessuno, ha deciso di congelare il miliardo di euro di crediti che le scuole italiane vantano nei confronti del ministero per spese spesso già sostenute e di decurtare del 25 per cento i contratti di pulizia nelle scuole a favore delle cooperative esterne.
Ma il ministero fa orecchio da mercante. Il rischio concreto che si corre è che le scuole interrompano, più o meno bruscamente, la sostituzione dei docenti assenti con la conseguente lesione del diritto all’istruzione degli alunni, oppure che le scuole continuino a nominare i docenti supplenti o che,  nominandoli ugualmente, si incrementerà il credito nei confronti con l’amministrazione e il contenzioso con i supplenti cui non fosse corrisposta la remunerazione dovuta. Questa seconda ipotesi si è già verificata. E scarseggeranno fogli di carta e toner per le stampanti, così come i detersivi per pulire i locali.

 

3 commenti

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.