Home / Ambiente / Superata quota 250.000, continua anche a Guastalla la raccolta firme per l’acqua pubblica
Dopo l'incredibile successo degli scorsi week-end, SABATO 8 MAGGIO in Via Gonzaga a Guastalla (RE), il comitato locale continua con la raccolta firme per difendere un bene pubblico e VITALE come l'Acqua. VI ASPETTIAMO NUMEROSI e ricordate di portare con Voi un documento di identità valido […]

Superata quota 250.000, continua anche a Guastalla la raccolta firme per l’acqua pubblica


(nel video qui sopra, Erri De Luca ci regala una riflessione sul valore dell’acqua)

Dopo l’incredibile successo degli scorsi week-end, SABATO 8 MAGGIO in Via Gonzaga a Guastalla (RE), il comitato locale continua con la raccolta firme per difendere un bene pubblico e VITALE come l’Acqua. VI ASPETTIAMO NUMEROSI e ricordate di portare con Voi un documento di identità valido.
ISCRIVETEVI ALL’EVENTO SU FACEBOOK E PASSATEPAROLA

Il fine settimana del 24 e 25 aprile è iniziata in tutta Italia la raccolta firme per i referendum per la ripubblicizzazione dell’acqua. In centiania di piazze italiane sono stati allestiti i banchetti che hanno raccolto, in 8 giorni, 250mila firme. Anche il finesettimana del Primo maggio è stata ovunque una festa di acqua e di democrazia. La raccolta continua fino alla prima settimana di luglio, obiettivo 750mila. Qui trovate la mappa.
I tre quesiti vogliono abrogare la vergognosa legge approvata dall’attuale governo lnel novembre 2009 e le norme approvate da altri governi in passato che andavano nella stessa direzione, quella di considerare l’acqua una merce e la sua gestione finalizzata a produrre profitti. Dal punto di vista normativo, l’approvazione dei tre quesiti rimanderà, per l’affidamento del servizio idrico integrato, al vigente art. 114 del Decreto Legislativo n. 267/2000.

Tale articolo prevede il ricorso alle aziende speciali o, in ogni caso, ad enti di diritto pubblico che qualificano il servizio idrico come strutturalmente e funzionalmente “privo di rilevanza economica”, servizio di interesse generale e privo di profitti nella sua erogazione.

Verrebbero poste le premesse migliori per l’approvazione della legge d’iniziativa popolare, già consegnata al Parlamento nel 2007 dal Forum italiano dei movimenti per l’acqua, corredata da oltre 400.000 firme di cittadini. E si riaprirebbe sui territori la discussione e il confronto sulla rifondazione di un nuovo modello di pubblico, che può definirsi tale solo se costruito sulla democrazia partecipativa, il controllo democratico e la partecipazione diretta dei lavoratori, dei cittadini e delle comunità locali.

Vogliamo togliere l’acqua dal mercato e i profitti dall’acqua.
Vogliamo restituire questo bene comune alla gestione condivisa dei territori.
Per garantirne l’accesso a tutte e tutti. Per tutelarlo come bene collettivo.
Per conservarlo per le future generazioni.

Per saperne di più visita il sito del Comitato Promotore “www.acquabenecomune.org”

2 commenti

  1. FIRMATO!!!… ogni firma è importante… OGNUNO VALE UNO!
    FIRMA ANCHE TU!!!

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.