Home / Eventi / “Draquila-l’Italia che trema” film documentario di Sabina Guzzanti

“Draquila-l’Italia che trema” film documentario di Sabina Guzzanti

6 aprile 2009 ore 3.32. L’Aquila. In pochi minuti le macerie hanno coperto la storia e la vita di centinaia di persone.

Il presidente Kennedy durante un discorso ad Indianapolis disse che scritta in cinese la parola crisi è composta di due caratteri. Uno rappresenta il pericolo e l’altro rappresenta l’opportunità. Anche in questo caso ciò che per tutti noi è stato vissuto come un pericolo, una destabilizzazione per qualcuno può aver rappresentato un’opportunità.

Nelle sale cinematografiche “Draquila-l’Italia che trema” il nuovo film di Sabina Guzzanti.

Buona visione.

fonte: http://www.draquila-ilfilm.it/

6 commenti

  1. L’1 giugno il Parlamento europeo ospiterà Sabina Guzzanti ed il suo Draquila, il docu-film sul terremoto in Abruzzo e l’utilizzo che Silvio Berlusconi ne ha fatto in qualità di Presidente del Consiglio dei Ministri.

    Sabina Guzzanti ne ha parlato così sul suo sito:

    “Il primo giugno mostreremo Draquila al Parlamento europeo. Lo scopo è quello di ripresentare il monito per le limitazioni alle libertà di espressione che la scorsa volta è stato bocciato per soli tre voti.
    L’8 draquila sarà presentato e discusso dalla direzione della Cgil alla Casa del Cinema.
    Gli unici che non hanno dato ancora segni di vita sono i Pd nazionali ma farò quello che posso per convincerli a tirare fuori la testa dalla sabbia e discutere con i loro elettori o ex elettori.
    Le presentazioni nei cinema italiani continuano gloriose. Oggi sono a Torino domani Genova mercoledì Brescia e Bergamo.
    Ho notizia di molti insegnanti che pensano di portare gli studenti a vedere il film e di qualcuno che è riuscito a portarci qualche berlusconiano, impresa difficile ma che dà i suoi frutti a quanto mi raccontano.
    Invito tutti a fare il possibile prima che le porte finiscano di chiudersi.
    L’intervento di Obama mi sembra significativo riguardo all’importanza della legge sulle intercettazioni e le miriadi di segnali terribili che si susseguono ogni giorno, vedi la Gelmini che proibisce agli insegnanti di criticare il governo o la Busi che lascia la conduzione del Tg1, sono come le ultime scintille delle carrucole che calano un immenso tombino sulle nostre teste. Restano pochi centimetri d’aria. Servono le braccia di tutti e qualsiasi forma di narcisismo già normalmente disgustosa in uomini maturi in questo momento non ha scuse.
    Curiosità: a Bari un uomo ha voluto indietro i soldi del biglietto perché pensava di vedere Dracula!!!”

  2. Marco Dallai

    Domenica 16 maggio al ROSEBUD a REGGIO EMILIA !!!
    Non me lo perderò di sicuro!!!!!!!!!

  3. AGGIORNAMENTO DA CANNES…
    Bertolaso diceva “l’Italia non fa una bella figura” riferendosi alla presentazione a Cannes della nuova video-inchiesta di Sabina Guzzanti sulle vicende de L’Aquila ….

    ”Draquila’ offende il popolo italiano” diceva il ministro Sandro Bondi, che appunto assicurava la sua non partecipazione al festival….

    Grande attesa invece ieri per la presentazione .. i Francesi non si aspettavano tutte queste polemiche (in Italia) visto stiamo parlando di un documentario su fatti accaduti in Italia (post terremoto a l’Aquila) … non di certo in Iran o Cuba….

    Il direttore del festival Thierry Fremaux “Mi hanno pregato di non dirlo ma non ce la faccio: ovvio che se il ministro fosse venuto sarebbe stato accolto con tutti gli onori. Ma il fatto è che nessuno lo aveva invitato ufficialmente”.

    Poi arriva l’affondo “Troviamo davvero inconcepibile questo atteggiamento verso la libertà di espressione mentre riteniamo importante che tutti i Paesi combattano per essa”

    Una Sabina Guzzanti dirompente ”Draquila. L’Italia che tremà. Ma aggiungendo anche qualcosa in più della sua visione dell’Italia, ormai – secondo lei – verso una deriva di dittatura mediatica, e con tanto di protezione civile come “braccio armato”

    Su Berlusconi “Lo sanno tutti come funzionano le cose in tv in Italia. Per affermare questo ci vogliono i fatti che vanno poi anche argomentati. Se lui vuole la Repubblica presidenziale è senz’altro un suo diritto, ma per averla non continui a inquinare il Parlamento con i suoi fisioterapisti e sovvertendo i principi costituzionali. Altro che – ha concluso la regista – questa si chiama eversione e colpo di Stato”

    Torna poi a parlare delle dichiarazioni di Bondi “ho capito che lo scopo di quegli insulti non era danneggiare il mio film, ma la gente: infatti la nuova tattica non è censurare chi la pensa diversamente, ma chi crede ciecamente in loro, e a cui gli altri vengono additati come estremisti pericolosi”

    Stoccata anche a Bertolaso e al PD “Bertolaso è stato un po’ assunto a simbolo di questo governo. Così è difficile farlo fuori. Credo poi sia protetto anche perché sa troppe cose”. Una battuta della regista – che non ha avuto una conferenza stampa ufficiale non prevista per sua sezione Evento speciale fuori concorso – anche per aver mostrato la tenda vuota del Pd all’Aquila, simbolo dell’impotenza di un partito: “da parte della sinistra c’é stato un atto di arroganza e superficialità. Quello di non aver capito il pericolo Berlusconi che aveva intuito lo stesso Montanelli quando aveva detto ‘fatelo lavorare e gli Italiani capiranno chi è”

    Insomma un tripudio , 3 minuti di applausi … tra l’angoscia e lo stupore di chi ha visto quelle immagini, non quelle dei tg mediaset, dove tutto era perfetto, dove tutti acclamavano il premier, ma quelle vere, quelle reali … quelle della tragedia ,delle sofferenze … delle cose che non vanno come devono andare… quello che hanno vissuto e tutt’ora vivono le persone sfrattate dalle loro case e che ancora in migliaia vivono negli alberghi (perchè tutto è perfetto…)

    Caro Bertolaso .. caro ministro Bondi, chi è che non ha fatto una bella figura????

    http://stopthecensure.blogspot.com/2010/05/cannes-per-draquila-3-minuti-di.html

  4. Questo film non dovrebbe essere chiamato documentario, ma DOCUMENTO, tanto è preciso e completo nel descrivere I FATTI , LE PERSONE E I LUOGHI , trasformati da disgrazia a business

  5. Ieri sera ho visto il film.
    Prima di tutto vorrei fare i miei complimenti a Sabina Guzzanti per l’impegno e coraggio avuto nel fare questo film perchè spesso la libera informazionie non è poi così libera nel nostro paese.
    Questo film è l’altra faccia della medaglia, la faccia nascosta che le tv non hanno mostrato o mostrato parzialmente facendo “passare” solo un certo tipo di messaggio.
    Da parte mia: VIVAMENTE CONSIGLIATO per avere un’opinione sulla vicenda!!!

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.