Home / Politica / Politica Locale / Guastalla: i Cittadini possono essere videosorvegliati, mentre in Consiglio Comunale ancora le telecamere non entrano!!!

Guastalla: i Cittadini possono essere videosorvegliati, mentre in Consiglio Comunale ancora le telecamere non entrano!!!

A Guastalla l’amministrazione comunale (PDL-LEGA-UDC) approva delibere di Giunta che consentono la video sorveglianza delle strade e dei quartieri (spesa pari a euro 5.388,00), facendo piazzare telecamere in alcune zone comunali… però, se l’immagine dei cittadini “per motivi di sicurezza” è catturabile, la loro, seppure nelle veste di pubblici rappresentanti, è ancora impossibile da riprendere!!!

Andiamo con ordine facendo un breve riepilogo.
In data 13 ottobre 2009, il gruppo consiliare Guastalla 5 Stelle ha depositato presso gli uffici comunali la mozione “Trasparenza in Consiglio Comunale” che chiedeva semplicemente all’amministrazione di applicare l’articolo 9 dello statuto comunale e cioè: “L’attività del comune deve essere informata ai principi dell’imparzialità della trasparenza […]” e che “Il Comune pone fondamento […] la consultazione e la partecipazione dei cittadini”.
Tutto questo tramite una semplice ripresa video in diretta o al massimo in differita (24 ore) ma TOTALMENTE integrale e priva di tagli preventivi (a costo zero!!!).

La nostra mozione venne bocciata durante il consiglio comunale del 28 ottobre scorso
, dopo che tramite qualche manovra subdola la maggioranza anticipò la discussione del nostro testo con un emendamento al punto 6 dell’O.d.G che recitava: “La commissione Finanza ed Affari Istituzionali dovrà studiare il modo per realizzare e regolamentare le riprese del consiglio comunale”. In poche parole con quella mossa, la maggioranza vanificò la nostra mozione assumendosi lei stessa la responsabilità e l’impegno di regolamentare le riprese video in consiglio.
Va beh… a parte il subdolo comportamento… almeno la nostra proposta passò anche se per “vie traverse”.

In seguito dopo più di trenta giorni, visto il lassismo dell’amministrazione e più precisamente della commissione Finanza ed Affari Istituzionali, presentammo un interpellanza per chiedere a che punto fossero i lavori per la regolamentazione delle riprese video. Ci fu risposto che la commissione stava preparando la bozza del testo poi da approvare in Consiglio Comunale.

Bene per preparare la bozza (e che bozza…) di regolamento delle riprese la commissione ci ha messo circa altri 3 mesi, infatti la commissione Finanza ed Affari Istituzionali si è riunita il 11 marzo 2010. Noi del gruppo Guastalla 5 Stelle eravamo presenti tra il pubblico, visto che non abbiamo rappresentanti in commissione, e già vi abbiamo scritto delle nostre perplessità sulla bozza presentata, infatti più che una regolamentazione sulle riprese video sembrava una censura vera e propria nei confronti del cittadino. Per fortuna i consiglieri di minoranza presenti in commissione hanno avuto le nostre stesse perplessità e quindi il testo presentato dovrà essere rivisto con la speranza che non debbano passare altri tre mesi.

Al contrario, l’amministrazione comunale, si dimostra molto più celere nel deliberare la realizzazione di un impianto di videosorveglianza per l’area esterna e d’ingresso della sede municipale. Infatti in data 25 marzo 2010 viene approvata la delibera che stanzia euro 5.388,00 per la sua realizzazione (spesa non prevista nel bilancio di previsione del 2010).

Videosorveglianza magicamente apparsa con cinque telecamere anche in Piazza 1° Maggio (la “Piasola”) già soggetta all’ordinanza di divieto (N.252 del 24-11-2009) con tanto di cartello: di sedersi su scalini e muretti, sui bordi delle  vasche delle fontane, a terra, di produrre urla e schiamazzi, di condizionare il transito pedonale e bivaccare.

A quando la “videosorveglianza” più importante? Cioè quella in Consiglio Comunale?
A quando il cittadino Guastallese potrà controllare, ed avere uno storico online, il comportamento dei suoi “dipendenti pubblici?
Lì realmente si decidono le sorti del nostro comune, ma metterci una telecamera sembra sia molto più difficile che metterla in qualsiasi altro luogo di Guastalla.
STAY TUNED

16 commenti

  1. mà questa storia ha veramente dell’assurdo ! sono testimone di una vera e propria persecuzione verso questi ragazzi , tutti i giorni arrivano i vigili , chiamati da alcuni residenti ? o filmati ? chi c’è dietro quelle telecamere ? i vigili ? i carabinieri ? il grande fratello ? l’isola dei famosi ? ma la privacy dov’è ? se io ad esempio non volessi essere ripreso cosa devo fare ? sono preventivamente un teppista anch’io visto che abito in Piasola ? le brave persone di Guastalla vivono in consiglio comunale ? domani sera c’è una riunione in comune ci vado sono curioso di sentire cosa dicono !

    • stasera 8 aprile??

      riunione inerente le telecamere???

      io penso che sarebbe molto meglio che nella Piasòla ci mettessero il wi-fi !!
      Sono contenta che i ragazzi la frequentino, un paese senza giovani é un paese morto!
      …va beh…il mio pensiero in merito l’ho già espresso commentando l’articolo inerente l’ordinanza-anti-giovani-nella-piasòla.

  2. Lorenzo Artioli

    Non mi pare che il luogo in cui sono state installate le 5 telecamere sia stato sede di gravi atti contro cose o persone tali da giustificare l’installazione di telecamere.
    Visto che all’amministrazione comunale piace tanto filmare i guastallesi, allora che lascino anche ai guastallesi filmare i loro dipendenti mentre decidono del nostro futuro.

  3. il datore di lavoro spiato dal dipendente ? maààà cè un qualcosa che non torna , sicuramente ho capito male vero?

  4. Luca Pecchini

    5300 euro…

    Per ulteriori info su quello che dicevo prima…

    http://www.risparmiosoldi.it/risparmi/risparmio-energetico-il-lampione-diventa-antenna-wi-fi/

  5. Luca Pecchini

    Credo che la delibera sulla videosorveglianza sia molto importante e mi sembra una passo giusto da fare.
    Poi è ovvio che dipende anche con quali modalità si fa!

    Mi ricordo (se la memoria non mi inganna:Se mi inganna,chiedo di rettificare)che nel guastalla informa di fine mandato dell’ultima amministrazione,risultava che per piazzare un paio di telecamere qua e là in 2 parcheggi avevano speso + di 20 mila euri!

    Per esempio, mi ricordo di un bell’articolo letto qualche tempo fa in cui un paesino del modenese aveva cablato sui lampioni degli access point wifi, così oltre ad avere la rete già cablata per la videosorveglianza dava ai cittadini la possibilità di usufruire del servizio internet gratuito (risparmiando tantissimo sui costi per il cablaggio)
    Se trovo l’articolo lo posto…

    Beh,una cosa che potrebbe essere utile è proporre di fare i prossimi consigli comunali all’aperto,usufruendo della bella stagione,della rete di videosorveglianza e della partecipazione dei cittadini guastallesi che ringrazieranno con fragorosi applausi.
    Ah già! Non si può applaudire…

    • Bravo Luca sono delle bellissime idee… anche quella del consiglio comunale all’aperto… magari in “Piasola”… si potrebbe fare un’interpellanza in merito, evitando d’estate il problema video-riprese del consiglio!!!
      Anche su fb la discussione è molto accesa sullo scottante argomento!!!

  6. Io sono una cittadina libera di circolare per Guastalla… e sono ripresa da una telecamera comunale…
    Proprio la stessa amministrazione i cui consiglieri non sanno ancora se vogliono apparire in video ai cittadini e quindi tirano per le lunghe l’iter per la regolamentazione delle riprese durante i consigli comunali PUBBLICI…
    … ma… la coerenza? Vabbè che qui mancano altre cose oltre la coerenza…

  7. Bellissimo punto della situazione!

    Le riprese video in consiglio comunale, anche se non espressamente vietate dallo statuto comunale, sono state fino ad ora impedite….si dice per motivi di privacy……

    Ma vorrei ricordare che i componenti del consiglio comunale e Giunta, quando sono in seduta di consiglio rivestono UN RUOLO PUBBLICO!!

    …ma parlano di privacy……….
    …e la privacy dei cittadini allora dove la mettiamo??

    …la quotidianità del cittadino sarà ben più vita privata??!!!
    ,,,io potrei sentire lesa la mia privacy passando o sostando nella piazzola!

    e comunque non credevo che la piazzola fosse un punto strategico di Guastalla!

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.