Home / Economia / Soffia il vento dell’Energia Eolica in Italia

Soffia il vento dell’Energia Eolica in Italia

Da più fonti è confermato il progresso dell’installazione dei generatori eolici in Italia:

TOCCATO NEL 2009 IL RECORD DI POTENZA EOLICA EFFICIENTE INSTALLATA
Il 2009 si chiude in bellezza per l’energia eolica, almeno in Italia: la potenza eolica efficiente installata è di 4,85 GW di cui oltre 1,1 GW relativi a nuove installazioni. I dati sono stati diffusi con un comunicato stampa dalle associazioni di categoria ANEV, ENEA, APER E ISES.
I buoni risultati sono stati ottenuti in tutto il comparto delle rinnovabili che ha fatto registrare un incremento del 13% rispetto ai 58 TWh di fine 2008, coprendo per il 20% il fabbisogno energetico del nostro paese: a fine 2009 sono stati stimati circa 66 TWh.
La spinta maggiore si è avuta nel fotovoltaico che ha fatto registrare un incremento del 400% passando da 0,2 TWh del 2008 a 1 TWh nel 2009; notevole la produzione di energia da biomasse (+10%), passata dai 6 TWh del 2008 a 6,5 TWh stimati nel 2009; buona, infine, la quantità di energia prodotta dalle centrali idroelettriche (+13%), da 41,6 TWh a circa 47 TWh.

A SCUOLA DI ENERGIA EOLICA
Secondo la stima di Anev sono 5mila i nuovi posti di lavoro.
Il prossimo anno vedrà un’importante occasione di formazione: apre il primo Master dedicato a professionisti che operano nelle aziende di energia elettrica da fonte rinnovabile eolica, organizzato da Anev, l’Associazione Nazionale Energia del Vento.
Si tratta di un’opportunità rilevante per un settore che negli ultimi dodici mesi ha prodotto performance sorprendenti sotto il profilo dell’occupazione

eolico italia

SFRUTTARE IL POTENZIALE EOLICO IN ITALIA
Nel 2020 il vento potrebbe garantire energia a 25 milioni italiani. Lo sostiene l’Anev, l’Associazione Nazionale dell’Energia del Vento, che ha realizzato una ricerca sul potenziale eolico nella Penisola. Tra 10 anni, se tutti gli interventi auspicati dall’Anev verranno realizzati, l’Italia potrebbe raggiungere un potenza energetica pari a 16,2 GW, con una produzione complessiva di 27,2 TWh. Tutto grazie all’energia eolica, che permetterebbe di garantire il 6,72% dei consumi interni lordi. In questo modo si eviterebbe di emettere 23 milioni di tonnellate di gas serra, risparmiando 107 milioni di barili di petrolio.
Inoltre verrebbero creati 66mila posti di lavoro.
Per mitigare l’impatto visivo e paesaggistico degli impianti eolici, l’Anev prevede l’esclusione delle aree di particolare pregio paesaggistico e la dismissione totale degli impianti a fine del ciclo di vita. Ma per tradurre in atto il potenziale eolico dell’Italia, l’associazione ricorda che è fondamentale rispettare la direttiva europea sulle energie rinnovabili, ripartire l’obiettivo nazionale tra le regioni e sviluppare la rete elettrica nazionale come previsto dalle normative comunitarie.

CEI

CORSO CEI IMPIANTI EOLICI: progettazione e realizzazione
Diamo notizia che anche il COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO (CEI), deputato alla stesura di tutte le norme elettriche in Italia, ha inserito nel suo calendario di corsi anche un nuovo corso ad hoc per gli impianti eolici.
La prima edizione avrà luogo a Milano, presso la sede CEI in Via Saccardo 9, nei giorni 25-26 marzo 2010.
Il corso si propone di trasferire ai partecipanti i criteri fondamentali per giudicare la fattibilità di un progetto eolico, dai rilievi sul territorio alla scelta della turbina, dal funzionamento delle macchine alla connessione con la rete elettrica, dal calcolo della produzione a come approfittare al meglio delle opportunità offerte dai sistemi di incentivazione.
Il corso illustra, inoltre, come valutare correttamente il potenziale energetico di un sito e impostare una corretta analisi economica dell’investimento eolico.
L’appuntamento formativo è rivolto a progettisti, ingegneri, architetti, geometri, energy manager, impiantisti, installatori, docenti di istituti tecnici e professionali, rivenditori, responsabili di amministrazioni pubbliche per l’energia, studenti universitari.

wind generator

UN GENERATORE TUTTO ITALIANO
Il “Dtwind 1.600 W” è un generatore eolico interamente progettato e realizzato in Italia. Questo generatore è in grado di fornire 1.600 Watt rendendo indipendente, quanto a energia elettrica, un’abitazione di circa 90 mq.
L’alternatore trifase brushless Ducati, le pale in alluminio aeronautico, l’elettronica di sicurezza e il caricabatteria incluso garantiscono massima affidabilità e alto rendimento con una manutenzione minima.
L’apparecchio è composto da:
1. un generatore eolico con uscite 0/270 V (alternata),
2. un’uscita caricabatteria di max 500 Watt (per batterie max 5 kW),
3. una potenza nominale di 1.000 Watt con vento a 33 km/h e una potenza massima di 1.600 Watt con vento a 45 km/h,
4. tre sistemi di protezione contro venti eccessivi,
5. due pale in alluminio 6061 T6 con diametro di tre metri.
Pesa soltanto 23 kg.
Maggiori informazioni sono disponibili sul sito www.energia-eolica.it.

Un commento

  1. Non riesco proprio a capire come le persone possano “fissarsi” sul nucleare, no, anzi chi ha interessi economici si capisce ma la gente comune…. perchè?
    Sicuramente un motivo è il disinteresse e la disinformazione verso le novità (energie rinnovabili) e per il bene comune, la società.

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.