Home / Democrazia?!

Democrazia?!

Da comuni Cittadini che hanno passato mesi al freddo e sotto la neve, tra banchetti e firme “VERE” raccolte una ad una, vorremmo dire la nostra su cosa sta succedendo in queste ultime ore… che ai nostri occhi ha davvero dell’incredibile.

Succede che a Milano il già ineleggibile Formigoni (più di due mandati già svolti) è stato escluso dalle liste a causa della mancanza del numero totale di firme necessarie e a Roma, la lista PDL per la provincia, subisce la stessa sorte a causa del mancato deposito entro i limiti di tempo di legge.

E cosa fanno alcuni esponenti di governo?
Sventolano indegnamente la parola “DEMOCRAZIA” ai 4 venti!!!

Il ministro della Difesa Ignazio La Russa in un’intervista al Riformista ha dichiarato: “Non vorrei fare la parte dell’eversivo ma lo dico chiaro e tondo: noi attendiamo fiduciosi i verdetti sulle nostre liste, ma non accetteremo mai una sentenza che impedisca a centinaia di migliaia di nostri elettori di votarci alle regionali. Se ci impediscono di correre siamo pronti a tutto
Cicchitto: “Democrazia a rischio
Calderoli: “Serve risposta politica, vogliono vittoria a tavolino
Polverini: “Napolitano garantisca gli elettori
Bonaiuti: “così non si vota

E non potevano mancare le dichiarazioni del premier che ovviamente pensa ci sia in atto un golpe contro di loro… e quindi pensa alla possibilità di un decreto…

MA STIAMO SCHERZANDO?
VOGLIAMO PARLARE DI DEMOCRAZIA?

La democrazia è fatta di regole, applicate a tutti (LA LEGGE E’ UGUALE PER TUTTI):

  1. bisogna raccogliere tante firme quante ne servono per ogni provincia in base alla popolazione? Sì. Se non ci sono in numero sufficiente la Lista va rifiutata.
  2. le firme devono essere convalidate da un pubblico ufficiale?
    Sì. Se questa convalida manca la lista va rifiutata.
  3. c’è un termine ultimo per presentare le liste? Sì.
    Va rispettato questo termine? Sì.
    Se la lista viene consegnata in ritardo va rifiutata.
  4. le condizioni suddette sono pregiudiziali, tutte, per l’accettazione della lista?
    Sì. Se manca solo uno dei requisiti richiesti per la presentazione la lista va rifiutata.

E allora di cosa stiamo parlando?

Ecco come la pensano in merito MARCO TRAVAGLIO:

Forse abbiamo capito male, anzi speriamo vivamente di aver capito male, ma pare proprio che le due più alte cariche dello Stato suggeriscano ai giudici di Roma e di Milano di ammettere le liste Polverini e Formigoni presentate in tempi fuorilegge e con firme fuorilegge.
Allo sgangherato appello della Polverini al Quirinale perché rimedi al vaudeville del prode Alfredo Milioni, giunto in ritardo a presentare la lista per pausa panino, il capo dello Stato ha risposto così: “La preoccupazione di una piena rappresentanza, nella competizione elettorale regionale in Lazio come dovunque, delle forze politiche che intendono concorrervi, non può che essere compresa e condivisa dal presidente della Repubblica. Ma spetta solo alle competenti sedi giudiziarie la verifica del rispetto delle condizioni e procedure previste dalla legge”.
Il consueto monito da Sibilla Cumana, “Ibis… redibis …non…”, che ciascuno può rigirare e tradurre come vuole. Infatti i giornali di centrosinistra hanno enfatizzato la seconda frase e quelli di centrodestra la prima. Ma non si comprende a quale titolo il capo dello Stato esprima “preoccupazione” se una o più liste vengono escluse perché non hanno rispettato la legge (che esse stesse hanno scritto): la preoccupazione dovrebbe scattare se qualcuno fosse autorizzato a violare la legge, non in quello contrario.

Se, poniamo, fosse stata la lista grillina Cinque Stelle a non raccogliere le firme necessarie (e naturalmente non è stato così), il capo dello Stato si sarebbe scomodato con una pubblica dichiarazione? C’è da dubitarne, visto che a ogni elezione c’è sempre qualcuno che rimane fuori per analoghe irregolarità e, giustamente, il Quirinale tace. Il Pdl ha forse una speciale licenza di violare le leggi? Chi gliel’ha conferita? E perché? Con quale serenità i giudici di varia istanza decideranno sui ricorsi del Pdl, dopo aver appreso che spetta a loro optare per il Sì o per il No, ma se opteranno per il No accresceranno la “preoccupazione” del capo dello Stato?

Anche il presidente del Senato, con rispetto parlando Schifani, sibilleggia: “Nel rispetto delle regole, mi auguro che venga garantito il diritto di voto a tutti i cittadini, che la sostanza prevalga sulla forma”. Noto pensatore della scuola neoplatonica corleonese, lo Schifani ripropone qui la Diade del Timeo, distinguendo tra materia e forma. Peccato che, applicata alle leggi elettorali, la prima frase (“nel rispetto delle regole”) contraddica l’ultima (“la sostanza prevalga sulla forma”).

E’ comunque spassoso vedere questi azzeccagarbugli che da anni spaccano il capello in quattro, accusano i giudici di “sostanzialismo” e “giustizialismo”, insegnano che “la forma è sostanza” e, quando un ladrone finisce in galera, chiamano Amnesty International perché nel mandato di cattura manca un timbro o una parola è un po’ sbiadita o c’è una E al posto della O. Ora che sono alla disperazione, invocano la sostanza, soave versione filosofica del celebre verso di Gioacchino Belli: “Io so’ io e voi non siete un cazzo”.

Un altro noto onorevole avvocato, per definizione garantista, è il ministro della Difesa, Ignazio La Rissa che, noto gentleman, minaccia apertamente i tribunali: “Non vorrei fare la parte dell’eversivo, ma lo dico chiaro e tondo: non accetteremo mai una sentenza che impedisca ai nostri elettori di votarci alle Regionali. Se ci impediscono di correre siamo pronti a tutto”. Anche, per dire, a una marcetta su Roma. Così, oltre ad addolorare Napolitano e a sconvolgere la filosofia di Schifani, i giudici sanno che, se respingeranno i ricorsi, rischiano di ritrovarsi all’uscio l’esercito in assetto di guerra. Facile prevedere, a questo punto, come andrà a finire: fra una preoccupazione e una minaccia, si troverà il modo di aggirare la legge. Del resto non si può dire che in Italia non ci sia giustizia: soltanto ieri sono stati severamente puniti il calciatore bestemmiatore e il corista gay della Cappella Sistina. E il premier imputato per corruzione ha chiesto ai giudici di rinviare il suo processo per corruzione perché era impegnato in Consiglio dei ministri.
(Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano – 4/3/2010)

e GAD LERNER:

Non c’è dubbio che l’esclusione di Roberto Formigoni dalla competizione per la presidenza della regione Lombardia (anche se la guida ormai da quasi vent’anni!) è un vulnus per la democrazia; e lo stesso dicasi per l’esclusione del Pdl dal collegio romano per le elezioni in Lazio.
Ma il fatto che questi “dilettanti allo sbaraglio” (copyright Bossi) ritengano di poter ignorare le carte bollate e le regole cui deve invece soggiacere qualsiasi cittadino normale;
il fatto che per loro la legge debba valere solo quando fa comodo (si sono pure amnistiati le multe per affissione abusiva); il fatto che barino nella raccolta delle firme “perchè tanto loro hanno la maggioranza lo stesso”;
il fatto che minaccino azioni sconsiderate nel caso non gli si riservi uno speciale trattamento di favore…tutto questo non costituisce a sua volta un vulnus alla democrazia?
Ora magari ci chiederanno di rinviare le elezioni in Lombardia e in Lazio, prolungando la museruola sull’informazione fino a che non si saranno messi d’accordo.

Il messaggio trasmesso è chiaro: se a essere eliminate sono le liste piccole, pazienza. Ma se le stesse irregolarità vengono commesse dai potenti, allora in nome della democrazia si deve chiudere un occhio. Questa è la legge della giungla.

3 commenti

  1. Stiamo già rasentando il ridicolo!

    Quando alle scorse elezioni comunali la lista ivica 5 stelle di Bergamo fù esclusa per una graffetta, nessunò si mosse in sua difesa!

    e ora si parla addirittura di rinviare le elezioni per dare modo ai partitoni di fare quello che non son riusciti a fare nei tempi e modallità prestabilite!
    …..e che noi abbiamo fatto abbondantemente entro i tempi e soprattutto coi nostri modestissimi mezzi, sia economici che mediatici…………

    Ma secondo voi!!???!!!………..

    E questi impediti devono gestire una nazione???
    Ma vi fidate ancora????

    Io NO!…SVEGLIA!!!!!!!!!

  2. Se questa legge, che impone di raccogliere firme per potersi candidare, é ingiusta…allora avrebbero dovuto denunciarlo prima!
    …le regole del gioco le si accetta oppure non si partecipa, ma non si cambiano quando si sta per esere sconfitti!
    Giustamente, se fossimo stati noi a non riuscire nell’impresa, saremmo stati semplicemente tacciati di incompetenza, di scarso interessae da parte degli elettori, NESSUNO si sarebbe mai preso la briga di menzionarci nemmeno!

    Ed ora che sono i partiti più potenti a sbagliare clamorosamente si invoca DEMOCRAZIA a pieni polmoni???
    …e addirittura minacce di insurrezione proprio dal responsabile della nostra sicurezza nazionale?????
    Ormai son troppo abituati ad agire ignorando completamente la legge ed il senso del pudore!

    come dice il buon Vasco: Mi viene il vomitooo….é più forte di meeee!!!

    E’ una vera offesa per la Legge!
    per chi ha lavorato per racogliere le firme!
    per i cittadini che sono andati a firmare ai banchetti!
    …e per l’intelligenza del popolo italiano!

    Basta farci prendere per il cu..o!
    SVEGLIA!!!

  3. A proposito della raccolta firme sotto il freddo (gelo), neve, nebbia (qui a Guastalla) vorrei sottolineare e ringraziare tutti quelli che hanno partecipato attivamente con convinzione, passione, altruismo, dedicando MOLTO del poco tempo libero alla DEMOCRAZIA…
    Davide (il nostro consigliere e certificatore), Marco, Olly, Luca, Lorenzo, Alberto ed io.
    … senza tralasciare chi si è occupato della stampa volantini e le altre incombenze…
    Penso però che chi si pone in prima persona come portavoce del MoVimento davanti le persone che abbiamo incontrato, spesso cortesi, alcune interessate e poche (per fortuna) contrarie, ha forti ideali che credendoci seriamente facilmente si trasmettono agli altri…
    Buona continuazione a tutti con volantinaggi e banchetti elettorali… perchè non è finita qui, anzi… si ricomincia!!!!
    Chiunque volesse aggregarsi è ben accetto!!!!!!!!!!!!!!

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.