Home / Sanità / Via libera alle centrali nucleari in Italia

Via libera alle centrali nucleari in Italia

Si rincorrono nei mass media le voci sui siti in cui verranno (o sono state già segretamente) localizzate le future centrali nucleari. D’altronde, non occorrono particolari lauree o master per capire quali possano essere: basta escludere tutta la dorsale alpina, quella appenninica e le zone a rischio sismico e idrogeologico, le zone densamente popolate e il risultato è ottenuto.

Ovvero, se fossimo in un Paese normale, la conclusione dovrebbe essere: non c’è posto per il nucleare, che oltretutto è una follia economica, energetica, ambientale e democratica.

Ma siamo ben lontani dall’essere un Paese normale, per cui che la giostra parta e che ciascuno punti le proprie fiches.

Semaforo verde dal Consiglio dei Ministri alla costruzione di nuove centrali nucleari nel nostro Paese. E’ stato approvato questa mattina il decreto legislativo che comprende i criteri per la scelta dei luoghi in cui nasceranno i nuovi impianti, i criteri per la realizzazione e l’esercizio degli impianti di produzione di energia elettrica nucleare, la fabbricazione del combustibile nucleare, i sistemi di stoccaggio dei rifiuti radioattivi, incentivi economici ai territori che ospiteranno le centrali e campagne informative al pubblico.
Secondo il ministro dello sviluppo economico, Claudio Scajola, si apre il percorso che porterà alla costruzione della prima centrale nel 2013. «Il provvedimento – ha detto – si caratterizza per la trasparenza e il rispetto assoluto della sicurezza delle persone e dell’ambiente. La produzione di energia elettrica inizierà dal 2020».

A parte le “solite” perplessità sulla convenienza di queste “grandi opere”,  nasce spontaneamente qualche altra domanda…

Perchè non sono stati resi pubblici i nuovi siti delle centrali nucleari? Forse perchè siamo in campagna elettorale in vista delle elezioni regionali?

Perchè quelli della Lega Nord (che da sempre vogliono il federalismo e più potere alle regioni) non si ribellano visto che 11 Regioni hanno impugnato il ddl Sviluppo, mentre il Governo ha portato davanti alla Corte Costituzionale le leggi regionali di Puglia, Campania e Basilicata che escludono la possibilità di centrali sul loro territorio. Ricordiamo, intanto, che l’ineleggibile Formigoni (per la quarta volta candidato del centrodestra in Lombardia), l’attuale ministro dell’agricoltura Zaia (proprio un leghista, candidato per la presidenza del Veneto) e la coppia Alemanno / Polverini per il Lazio, hanno già dichiarato che le loro regioni non hanno bisogno di centrali nucleari (ma va… che strano… che lo dicessero pure al loro amico e superiore testa d’asfalto…).

Perchè dopo il no delle Regioni, invece, non c’è stato il tempo per il passaggio in Conferenza Unificata Stato-Regioni, previsto dopo il via libera del Consiglio dei ministri? Perchè sarà ignorato il parere delle regioni, degli enti locali e dei cittadini stessi? Perchè è stato calpestato il referendum del 1987 che abolì il nucleare?

Pensiamo che tutti i candidati alle prossime elezioni regionali hanno l’obbligo morale di dire con chiarezza e serietà ai cittadini se nel proprio territorio ci saranno impianti atomici. Al momento gli unici che si sono dichiarati contro il nucleare sono i candidati del nostro MoVimento a 5 stelle di Beppe Grillo e il candidato per la presidenza della Puglia Niki Vendola che, guarda caso, ha stravinto le primarie grazie al suo deciso no al nucleare (“Dovranno venire con i carri armati”, ha dichiarato) e alla privatizzazione dell’acquedotto pugliese.

Chiudiamo invitandovi a firmare la petizione di Greenpeace:
“Come cambierà la tua vita quando ti ritroverai una centrale nucleare sotto casa? Se non vuoi scoprirlo, chiedi ai candidati alle elezioni regionali del 28 e 29 marzo di dire NO al nucleare!”

p.s.
Le Centrali Nucleari NON le faranno mai!!!
I Cittadini con l’elmetto non lo permetteranno mai!!!

2 commenti

  1. Anche io ho firmato, perché voglio vedere i politici dichiarare pubblicamente quello che vogliono fare!
    ma lo devono fare PRIMA delle elezioni!!!!!

    non voglio che un cittadino poco informato si ritrovi ad aver votato per chi gli costruirà una centrale nucleare o un sito di stoccaggio di scorie radioattive sotto casa!

    …fra inceneritori, rigassificatori, centrali nucleari e compagnia bella, sembra proprio che vogliano rovinare questo paese ed avvelenare la gente!

  2. FIRMATO!!! Anche chi è meno informato sulla questione NUCLEARE può capire che ci sono fonti alternative pulite…
    Solo chi ha interessi economici non lo ammetterà mai!!!
    Noi ci viviamo su questa terra, ed è importante tornare a pensare all’ambiente ed alla nostra salute.
    NO AL NUCLEARE!!!!!!!!!!!!!!!

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.