Home / Politica / Aggressione a Berlusconi: un clima violento di ipocrisia

Aggressione a Berlusconi: un clima violento di ipocrisia

Apriamo questo articolo con un immagine forte, non è quella di Silvio Berlusconi insanguinato e colpito domenica 13 dicembre da un souvenir lanciato da un pscicolabile milanese, ma quella da morto di Stefano Cucchi, geometra di 31 anni che la notte tra il 15 e il 16 ottobre 2009 è stato arrestato dai Carabinieri, perché trovato in possesso di una modica quantità di sostanze stupefacenti. Dal carcere non ne è più uscito… vivo.

L’atto di violenza verso Berlusconi non è ammissibile, come tutte le violenze.
Però vorremmo che fosse così anche per gli atti di violenza commessi verso i manifestanti, che si beccano un sacco di manganellate senza che nessuno li abbia condannati, senza che nessuno abbia appurato se violenti o pacifisti. Vorremmo che fosse così anche per ragazzi arrestati per pochi grammi di droga e poi pestati a morte e che aspettano ancora che giustizia sia fatta, semmai verrà fatta.
Forse qualcuno ha già dimenticato, oltre al povero Stefano Cucchi, gli avvenimenti del G8 alla scuola Diaz? e le morti di Federico Aldrovandi e Aldo Branzino? e le manganellate agli Studenti? e le manganellate agli operai disoccupati?
Ogni giorno ci sono notizie molto più gravi e violente di questa ma pochi ne parlano. Oggi B. sta provando cosa si prova ad essere un comune padre di famiglia che quando va a manifestare gli viene spaccata la testa.

Quanta ipocrisia ha inondato i media in queste ultime ore con i soliti politicanti, ormai putrefatti sulle loro poltrone, che come avvoltoi strumentalizzano politicamente l’evento.
Cosa c’entrano le manifestazioni contro il Governo con il sig. Tartaglia?
Quello di domenica è stato il gesto sconsiderato di una persona malata di mente. Ovviamente un malato di mente di sinistra, un comunista, uno dell’opposizione.
E’ incredibile come i seguaci di B. riescano a trasformare qualsiasi accadimento in messaggio promozionale. Parlano di clima violento, accusano la gente che va in piazza a manifestare contro di loro e non pensano che il loro leader, come accaduto anche domenica durante il suo discorso in piazza del Duomo a Milano, si scaglia da anni contro giudici, opposizione e cittadini che non la pensano come lui. Accusano, quel minimo di opposizione rimasta in questo paese sempre più delle banane, di istigazione alla violenza e poi dimenticano che non molto tempo fa (2008) Umberto Bossi, attaccava il governo (allora di centro sinistra) per la vicenda delle schede elettorali «confuse» e minacciava di «imbracciare i fucili» contro «la canaglia centralista romana che sta facendo apposta a impedire il voto».

Siamo proprio sicuri che il famigerato clima di violenza sia stato provocato dai soliti Annozero, Il Fatto Quotidiano, Di Pietro, dal Popolo Viola e da pochi altri?

Ponetevi queste domande:

  1. B. offende l’intelligenza di tanti italiani ogni giorno (i 42 milioni che non lo hanno votato)?
  2. B. offende con nonchalance le donne, anche se dice di amarle?
  3. B. offende l’avversario politico?
  4. B. offende la magistratura ed il presidente della repubblica?
  5. B. offende anche i suoi alleati, quando lo contestano?
  6. B. offende ai comizi e grida “vergogna” quando il popolo protesta?
  7. B. racconta barzellette quando gli altri parlano seriamente di mafia?
  8. B. disegna mutandine da donna quando i leader della UE parlano di cambiamento climatico, e poi compiaciuto passa i bozzetti per farli apprezzare, tra l’imbarazzo e l’incredulità generale?
  9. B. si fa cantare la canzone “meno male che silvio c’è”?
  10. B. si autoproclama il miglior premier degli ultimi 150 anni?
  11. B. accusa tutto e tutti quelli che non la pensano come lui? Trasformando le parole comunista e di sinistra in sinonimo di disonesti e bugiardi non pensando che dietro quelle parole ci sono persone che hanno lottato per far crescere il nostro paese, migliaia di persone che sono Italiani che lui dovrebbe rappresentare, nella sua carica di presidente del consiglio, al di là del colore politico?

Che dire poi del Ministro Maroni che si scaglia contro il Web e si affretta ad affermare “Chiudere i siti più violenti“. Forse da buon Ministro dell’Interno dovrebbe interrogarsi di più sul perchè sia stato così semplice avvicinare il premier. Se al posto di Tartaglia ci fossero state anche solo un paio di persone più organizzate? GAME OVER.

Chiudiamo con una riflessione che ci ricollega all’immagine del povero Stefano Cucchi.
Se a Stefano, come a Berlusconi, i medici avessero fatto tutti gli esami, compreso la TAC, e tutti i bollettini medici diramati in queste ore, forse non sarebbe morto.
QUESTA E’ L’ITALIA OGGI.

9 commenti

  1. d’accordissimo, grande articolo.
    Ho notato, guardando il video dell’aggressione, la reazione del Berlusca: appena dopo il lancio, l’hanno fatto salire in macchina; avra’ avuto un bel male, con il naso e due denti rotti, pensando che è anche un uomo anziano… appena dopo, è uscito dalla macchina completamente stralunato e con gli occhi da pazzo si guardava intorno…
    ma che cosa c’ha addosso??cosa vuole ancora?
    io ho la netta sensazione che questa Madonnina ci sia arrivata sui denti anche a noi, questo non se ne va piu’!!!

  2. CONCORDO IN PIENO .MA C’ E’ UNA COSA CHE MI TURBA ANCOR DI PIU’ . OVVERO , SECONDO ME LUI E’ QUELLO CHE CI OFFRONO TUTTI I NOSTRI POLITICANTI . SONO LI DA ANNI E ANNI E NON FANNO NIENTE . ANZI PENSANO SOLO AL LORO INTERESSE . SENZA PENSARE VERAMANTE DI COSA HA BISOGNO IL NOSTRO PAESE . IL BELLO E’ CHE IL LORO STIPENDIO FARAONICO LO PAGHIAMO NOI . ADESSO BASTA

    • CERTAMENTE!!!!

      …é per questo che noi non ci riconosciamo né con la sinistra, nè col centro, nè tantomeno con la destra!

      …ed é per questo che son nati le liste 5 stelle e il Movimento 5 stelle per le prossime regionali!!

      Occorreva qualcosa di nuovo, che non avesse legami o innerzie con partiti esistenti!

  3. Bravo Marco, pienamente d’accordo con te!

  4. Sicuramente si è messo bene in posa per la foto del “Giornale” di ieri…
    Comunque la notizia che più mi allarma oggi sono le dichiarazioni di Maroni: “Stop ai siti violenti”… questo all’indomani del fattaccio sembra proprio una scusa per controllare l’informazione su Internet.
    NO. Internet non si tocca!!!!! Giù le mani dall’informazione libera da tutto il mondo…

  5. Bellissimo articolo di denuncia dell’ipocrisia che pervade questo paese e soprattutto la sua classe dirigente……

    …e che dire della strumentalizzazione che viene operata su ogni cosa (oltre al Crocifisso…)
    ….addirittura sul proprio volto tumefatto!
    (io credo proprio che al suo posto mi sarei fatta portare di corsa al prontosoccorso invece di tornare fuori a mostrare il viso!…il desiderio di pubblicità é stato addirittura più forte del dolore e del buon senso!!!)

    E son già visibili le conseguenze di questo gesto assurdo e irresponsabile…
    B. PRETENDE un clima di pacatezza, moderazione e dialogo…………………..
    …sì, ma solo dagli altri!!!!!

  6. pienamente pienamente pienamente d’accordo.

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.