Home / Politica / RAI: Stacchiamo la spina!

RAI: Stacchiamo la spina!

minzoliniPer fortuna guardo pochissimo la TV. Il TG1 men che meno. Si sa che il primo obiettivo di una dittatura è impadronirsi dell’informazione. Beh diciamo allora che alla RAI e specialmente in RAIUNO ormai è cosa fatta. La propaganda del primo canale della TV pubblica, solo agli occhi dei proni al regime appare come informazione, mentre a  – purtroppo troppo pochi – liberi pensatori appare come assolutamente ridicola, bizzarra, grottesca, come bizzarri e grotteschi appaiono i personaggi che se ne fanno portavoce.
Se mai ce ne fosse ancora bisogno, ne abbiamo avuto una riprova un paio di giorni fa.
Il “povero Smilzolini”, che forse sarà ricordato come il peggior direttore, giornalista e uomo che la storia e la preistoria d’Italia abbiano mai avuto, nel suo ultimo editoriale, qualcosa di peggio che un cinegiornale di regime, ha davvero toccato il fondo.
Diamo atto al Cdr del TG1 di aver preso le distanze da tale personaggio che non può che nuocere gravemente alla salute.

Questo di seguito è il pensiero in merito di Luigi De Magistris, tratto dal suo sito personale luigidemagistris.it:

di Luigi de Magistris – 10 novembre 2009
Per le famiglie italiane le parole del direttore del Tg1 devono esser suonate surreali e sinistre. Non solo nel contenuto – criticabile – ma anche nel modo – altrettanto disprezzabile – con cui sono state espresse…
…Minzolini che all’ora di cena irrompe dentro le case, senza contraddittorio, per attaccare un singolo magistrato (il pm di Palermo, Antonio Ingroia) e difendere la casta del potere prospettando un ritorno all’immunita’ parlamentare.
Giornalisticamente cresciuto nel genere del pettegolezzo politico, dove all’analisi e all’inchiesta si preferiscono le confessioni private gossippare, e sempre disponibile ad oliare la macchina dei potenti, Minzolini e’ quanto di più distante ci possa essere da chi pratica questa professione con responsabilita’ e senso deontologico. Eppure abusa della tv pubblica, per la terza volta in pochi mesi (prima sul caso escort e poi sulla manifestazione per la liberta’ di informazione), entrando a gamba tesa nel delicato rapporto fra magistratura, politica e informazione, con il solo scopo di farsi megafono umano del Governo. Un uso scorretto, anzi un abuso del suo ruolo e dello spazio che esso gli consente. Altrettanto grave e’ l’indice che ha puntato verso un magistrato impegnato in indagini delicatissime riguardanti la mafia, a cui ha attribuito “un obiettivo improprio, quello di ribaltare il corso degli eventi”. Essendo al fianco di Ingroia, a Napoli, proprio mentre pronunciava le parole al centro della polemica – strumentale – di Minzolini, posso confermare di aver ascoltato un ragionamento di semplice buonsenso che non aveva niente del programma eversivo a cui accenna il direttore del Tg1. Mi chiedo infatti: un magistrato ha il diritto di lanciare il suo grido di allarme sulla tenuta del sistema giudiziario e della giustizia stessa di fronte a provvedimenti di governo che a suo avviso li compromettono Puo’ avvisare la societa’ civile che sono in ballo progetti di riforma del codice di procedura penale e delle intercettazioni che, stando a quanto si evince, rischiano di mettere in difficoltà la facoltà investigativa della magistratura e in particolare la lotta alle mafie e ai colletti bianchi Ha la liberta’ di citare Falcone e Borsellino e il loro insegnamento che la lotta alle mafie non si fa solo nei tribunali, ma e’ una missione culturale e civile Credo di si’, credo che un magistrato abbia non solo la facolta’ e il diritto, ma il dovere di farlo. Come credo che forse e’ proprio nel riferimento ai due giudici palermitani, che Ingroia ha compiuto domenica, che si annida il terrore del potere opaco e dell’informazione asservita, che vorrebbero mantenere “quel puzzo di compromesso morale” che non solo li garantisce ma che condividono.

E’ giusto chiedersi: perchè continuare a pagare ancora il canone? Non sarebbe meglio, per evitarle una lunga agonia, aiutare la RAI nel suo obiettivo di fallimento?

Beppe Grillo dal suo Blog ha lanciato l’iniziativa:

Chi disdetta il canone può iscriversi al gruppo di Facebook: Cancelliamo il canone RAI

2 commenti

  1. Ormai il TG1 è un’arma di distrazione di massa.

    Parla di chirurgia estetica, gossip, e televisione,calcio, e non informa sul continuo malessere delle persone e l’assenza dello stato. Sulle cose REALI.

    1200 persone licenziate alla eutelia non sono una notizia?
    Se non sono questi i veri problemi dell’Italia quali sono?
    ….forse lo strato di grasso sulle natiche di certe persone troppo abituate a star comode su certe poltrone.

    • :) …fantastico Davide!
      soprattutto l’ultima frase…
      ….e noi li paghiamo profumatamente, nonostante la crisi!!

      Neppure nel peggiore film di complotto fantascentifico una persona può arrivare ad avere una tale forza di controllo sulla Gente e senza che questa se ne accorga minimamente!!!

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.