Home / Politica / Milano, 25 Novembre: “La giornata contro la violenza sulle donne”

Milano, 25 Novembre: “La giornata contro la violenza sulle donne”

Una manifestazione non autorizzata nella Giornata internazionale contro la violenza sulle donne. Uno striscione che chiama in causa la polizia, colpevole secondo chi l’ha redatto di compiere stupri nei Cie, i centri di identificazione ed espulsione per gli immigrati. L’intervento della Digos e dei carabinieri, il contatto, contusi e sangue a terra. È la sequenza di quanto accaduto ieri, mercoledì pomeriggio in piazzale Cadorna a Milano.

Nei cie si stupra

Lo striscione esposto in piazzale Cadorna

Cariche della polizia nel pieno centro di Milano. Cariche determinate e violente, in mezzo ai passanti che affollano il piazzale della stazione Cadorna. Perché? Per sequestrare ad un gruppo di manifestanti lo striscione che vedete qui accanto.

Il presidio è nato spontaneamente, senza una sigla. Un passaparola tra amici, appartenenti a diversi gruppi antirazzisti o femministi, ma che si è esteso a studentesse, a signore di mezza età. La frase sullo striscione, un’accusa pesante che fa riferimento a un episodio accaduto mesi fa nel centro di via Corelli dove una nigeriana sarebbe stata stuprata da un poliziotto, mette in allarme le forze dell’ordine. Arriva la Digos, gli agenti chiedono di rimuovere il telo, i manifestanti si oppongono. «Parte la prima carica dei carabinieri» raccontano i presenti. Ci sono dei contusi. «Quattro ragazzi erano a terra, feriti, perdevano molto sangue». Lo striscione rimane al suo posto, secondo “contatto” tra militari e dimostranti. La tensione sale, finché viene deciso di arrotolare l’oggetto del contendere. Dopo qualche ora, in serata, la manifestazione si scioglie. A quanto pare nessuno è dovuto andare in ospedale. Probabilmente alcuni dei presenti, identificati dalle forze dell’ordine, saranno denunciati.

«La cosa assurda è che tutto questo è successo nel giorno contro la violenza sulle donne» conclude una ragazza.

Fonte: “milano.corriere.it” – “www.autistici.org

Un commento

  1. …un po’ di violenza sulle donne manifestanti…giusto per confermare ciò che appunto diceva lo striscione!!!

    Belle le parole di Napolitano (che ogni tanto riattiva il collegamento…) in particolare la seconda parte :
    «E’ triste dover ricordare che anche in Italia, nonostante la recente introduzione di norme opportunamente più severe, i casi di violenza, i soprusi e le intimidazioni sono in aumento. Ai necessari interventi di tipo repressivo, da esercitare con rigore e senza indulgenza, si debbono affiancare azioni concrete per diffondere, in primo luogo nella scuola e nella società civile, una concezione della donna che rispetti la sua dignità di persona e si opponga a volgari visioni di stampo meramente consumistico spesso veicolate anche dal linguaggio dei media e della pubblicità. Solo così sarà possibile creare una cultura di autentico rispetto, innanzitutto sul piano morale, nei confronti delle donne»

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.