Home / Politica / Le Monde prende in giro il cavaliere, spopola il mondo a forma di tetta

Le Monde prende in giro il cavaliere, spopola il mondo a forma di tetta

lemonde_tette_berluscaUna grossa tetta di gomma rosa e, sotto, la scritta: “Il mondo secondo Berlusconi”. È una delle immagini forti di uno spot de Le Monde Magazine, il settimanale del prestigioso quotidiano francese. Realizzato da Publicis Conseil, una delle più quotate agenzie pubblicitarie d’Oltralpe, il videoclip sta circolando in rete, in particolare su Facebook, alla velocità della luce, riaccendendo ancora una volta le polemiche sulle conseguenze internazionali dei comportamenti di Silvio Berlusconi.

Donne e sesso: è tutto quello che evoca, per i francesi, la figura del presidente del Consiglio italiano? “In teoria, questo video non avrebbe dovuto vederlo nessuno, né in Francia né altrove – spiega, un po’ sorpreso, Didier Pourquery, caporedattore de Le Monde magazine. E perché? “L’estate scorsa, per rilanciare il nostro giornale dopo averne rivoluzionato la formula, avevamo commissionato una campagna pubblicitaria a Publicis Conseil. A fine agosto, l’agenzia ci sottopose diversi videoclip, tutti ispirati alla forma sferica per evocare il globo terrestre e quindi Le Monde”.

Silvio Berlusconi era il protagonista di una delle proposte. “In quel momento – ricorda Didier Pourquery – anche in Francia si parlava moltissimo dello scandalo delle escort e delle feste a Villa Certosa; l’agenzia pubblicitaria aveva cavalcato l’attualità e giocato sull’associazione d’idee. Ma la direzione de Le Monde non la ritenne una buona idea. L’immagine venne giudicata un po’ troppo osé e quindi si decise di scartarla. In Francia, non è mai passata in televisione. La campagna pubblicitaria si è orientata verso altri temi”.

Ora l’immagine spopola. “Io avevo trovato l’idea piuttosto divertente, ma, devo riconoscerlo, anche un po’ cattivella. Soprattutto riduttiva, qualunque cosa si pensi del presidente del Consiglio italiano”. Ma se è stato rifiutato, perché il clip ora circola su Internet? “Questo proprio non lo so. Non sarebbe dovuto uscire dalle mura dell’agenzia pubblicitaria”. Invece, il tam-tam degli internauti ne ha fatto uno dei video più gettonati del momento. Accanto alla visione berlusconiana del pianeta, lo spot propone anche la Terra secondo l’ex presidente George W. Bush (divisa tra buoni – gli americani –, e i cattivi, quasi tutti gli altri) e quella secondo la mafia (un globo trafitto da un proiettile).

L’obiettivo dell’agenzia era quello di mostrare con ironia la diversità dei punti di vista e delle realtà soggettive, sottolineando implicitamente il pluralismo della rivista francese. Ieri, a Publicis, nessuno ha voluto commentare il successo del clip su Internet né tentare di spiegare come il video sia finito su Facebook e su parecchi blog francesi. La situazione politica italiana appassiona l’opinione pubblica d’Oltralpe: ancora ieri, sul sito d’informazione Rue89, un lungo articolo era dedicato al problema della libertà di stampa e dell’isolamento degli intellettuali italiani.

di Emanuela Mastropietro – Parigi

da Il Fatto Quotidiano del 27 novembre

10 commenti

  1. per Elisa:

    l’anonimato in rete è un diritto, finchè lo uso per esprimere opinioni e non insulti, non vedo perchè ciò dovrebbe essere un problema. Non entro proprio nel merito della questione libertà stampa / tv / internet perchè tanto indottrinati come siete, non c’e’ modo di ragionare a riguardo.

    per davide:
    non lo sottovaluterei neanch’io… peccato solo che questo NON sia il giudizio della stampa straniera, ma un filmato divertente prodotto da un’agenzia pubblicitaria, che considererei come giudizio tanto quanto quello di paperissima sprint quando prende in giro le altre nazioni.

    Il vero assurdo è che voi stessi scrivete come stanno le cose e, nonostante ciò, il tutto viene fatto passare come “Le Monde prende in giro il cavaliere”, ma NON è vero! Leggete anche quello che scrivete?

    • Ciao “tanto siete come tutti gli altri”, volevo dirti che in fondo all’articolo “Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog” c’è scritto che non sono consentiti messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)… indipendentemente da ciò che uno esprime.
      Io, parlo per me, non sono “indottrinata”, sono una persona che pensa e ragiona con la propria testa e penso che solo il confronto tra quelli che la pensano diversamente accresce la conoscenza.
      Rispetto il tuo commento se ti firmi, anche se la pensi diversamente sui vari argomenti proposti dal blog…. meglio una persona che dice le proprie idee che una che tace sempre!!!

    • Marco Dallai

      Quello che scrive Elisa è verissimo. Da amministratore di questo blog ho pensato di non cancellare il commento per voler dare un segno di fiducia anche a voci fuori dal coro. Fatto sta che NON FIRMARSI può anche essere un diritto ma, a mio avviso, è un gravissimo comportamento di omertà e codardia. Se non hai niente da nascondere e credi veramente a quello che scrivi, non dovresti avere nessuna remora nel firmarti.

    • ragazzi, vi state fasciando la testa sul firmo/non firmo e in compenso NON state rispondendo.
      Casomai non aveste notato, nelle avvertenze sono anche vietati i messaggi non inerenti al post (=i vostri 2 di prima).

      Poi oh, se l’atteggiamento è quello di cancellare i post fuori dal coro, non fate altro che avvalorare il mio nome…

      Chiederei solo si rispondesse a quanto esprimo nel mio primo commento e nel pezzo di risposta a davide per il secondo, ovvero che per come sono i fatti da voi stessi riportati, il titolo è fuorviante. niente altro.

      O anche qui ha preso piede il vizio di non rispondere?

      • In ogni caso la tetta è stata davvero ingigantita. In tutti i sensi.
        Vorrei ricordare quello che è e quello che vale.
        Il breve filmato è una parodia della realtà. Realizzato all’estero e che sta, effettivamente avendo successo on-line, non solo in Italia. Credo che questi fatti siano ineccepibili. Io stesso ho vari amici stranieri che l’hanno visto e postato su FB. Ma rimane ed è quello che è: un breve filmato satirico che piace o non piace.
        Poi.
        Che sia l’opinione di molti, di pochi,di le monde, di un’agenzia pubblicitaria, che le cose riportate siano inesatte, o meno, forse, il blog è aperto a tutti per questo. E nessuno fa sempre tutto giusto. Ma prova a pensare se il nostro fosse un semplice sito unidirezionale di indottrinamento.
        Forse il titolo è fuorviante, hai ragione, probabilmente, vista la mole di giudizi che arrivano dall’estero, giornali, tv, persone, il titolo giusto sarebbe stato piuttosto “Il mondo prende in giro il cavaliere”.
        E non vederlo, credo sia da ottusi, un po come non vedere l’opinione generale che c’era nei confronti di George W. Bush. O sbaglio?
        E questa, mi pare la notizia. Il fatto che si paragoni il nostro premier e che comunque nessuno trovi nulla da obbiettare a riguardo, proprio perchè è così. Ovviamente associare lo stesso simbolo a Blair non ha la stessa carica di realtà che associarlo al nostro premier. E questa è la notizia.
        In ogni caso, sempre e comunque fuffa. L’importante è non distogliere mai l’attenzione dai PROBLEMI VERI. E li sappiamo tutti.
        Poi, ogni tanto, una tetta strizzata fa sorridere, e magari, un po, riflettere.

        Nel merito, cmq, come fai a dire che non è fatto per LeMonde? le immagini finali sono inequivocabili. Che poi il giornale stesso la ritenne troppo osè è anche scritto….

      • CI SEI O CI FAI?

        1- “Casomai non aveste notato, nelle avvertenze sono anche vietati i messaggi non inerenti al post (=i vostri 2 di prima).”
        ABBIAMO SEMPLICEMENTE RISPOSTO AD UN UTENTE ANONIMO

        2- “Poi oh, se l’atteggiamento è quello di cancellare i post fuori dal coro, non fate altro che avvalorare il mio nome…”
        COME TU STESSO PUOI VEDERE, NON ABBIAMO CANCELLATO NESSUN COMMENTO, O SBAGLIO?

        3- Chiederei solo si rispondesse a quanto esprimo nel mio primo commento e nel pezzo di risposta a davide per il secondo, ovvero che per come sono i fatti da voi stessi riportati, il titolo è fuorviante. niente altro.
        DISQUISISCI SULLA VALENZA DEL TITOLO DEL POST INVECE DI GUARDARE ALL’EFFETTIVO MESSAGGIO DELL’ARTICOLO, CHE DAVIDE HA RIPORTATO PERFETTAMENTE

        Senza rancore…
        Bye

  2. Boh, a me il titolo del post sembra volutamente fuorviante, soprattutto in relazione al fatto vero e proprio che spiega il filmato come un pilota scartato di un’agenzia pubblicitaria, quindi rappresentante il pensiero di grossomodo un tubo…

    Inutile soffermarsi poi sul pensiero dell’italiota medio, che finchè si guarda la partita a casa con pizza e birra è tutto un “francia merda francia merda”, quando c’e’ da far cagnara (perchè tale è in questo caso) contro berlusconi, allora si parla di “prestigioso quotidiano francese”

    w la trasparenza

    • il tuo W LA TRASPARENZA giralo a B. & Company per favore.
      Oramai siamo lo zimbello del mondo intero e la colpa è tutta di un giullare di corte…

    • Secondo me è giusto il tuo inizio “bho”… ed il fatto che non ti firmi. Io personalmente mi prendo tutta la responsabilità di quello che dico.
      Responsabilità che Berlusconi non vuole prendersi…. ma per favore, lui non è un cittadino comune, è il presidente del consiglio, il rappresentante dell’Italia all’estero…
      E tu sei contento di farti rappresentare da un personaggio del genere manipolatore delle persone attraverso le tv ed i giornali?
      All’estero le tv parlano e in Italia? …e meno male che c’è internet…

    • Io non sottovaluterei mai il giudizio, l’opinione ed il pensiero delle persone indipendenti, perchè sono quelle che maggiormente riescono a vedere le cose con un occhio più obbiettivo e disinteressato.
      Nel senso, se voglio farmi un’opinione di Putin, non ascolto giornali russi, così come se volessi farmela su Obama non ascolterei quelli statunitensi. In un modo o nell’altro la stampa di una nazione è sempre interessata, in un senso o nell’altro. Quella straniera meno.

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.