Home / Ambiente / Cibo Ogm: via libera dalla Commissione Ue per tre nuovi mais transgenici

Cibo Ogm: via libera dalla Commissione Ue per tre nuovi mais transgenici

La CIA (Confederazione italiana agricoltori) giudica in maniera negativa il “via libera” della Commissione Ue a tre nuovi mais transgenici. “E’ una decisione che va contro le attese dei consumatori e crea un clima di grande incertezza e preoccupazione tra gli agricoltori. Irrinunciabile il principio di precauzione“.

Ne abbiamo già parlato ampiamente nel nostro programma elettorale e anche in successivi articoli, ma ora, lette anche queste ultime notizie non certo rassicuranti, l’argomento Mercatini Bio e/o KmZERO diventa sempre più d’attualità. C’è già chi li ha adottati con estremo profitto, sia a Reggio Emilia che nella vicina provincia di Mantova. Perchè non cominciare anche a Guastalla? Però NON saltuariamente una volta all’anno ma costantemente anche una volta a settimana!

La Commissione Europea ha annunciato di aver approvato un mais geneticamente modificato per l’alimentazione umana, animale, per l’importazione e per la trasformazione, sviluppato congiuntamente da Pioneer Hi-Bred (gruppo DuPont) e da Dow Agroscience LLC (gruppo Dow Chemical Company).
I prodotti di mais contenenti il carattere di protezione Herculex RW insieme al Roundup Ready Corn 2 (anche conosciuto come 59122/NK603) sono adesso autorizzati per l’importazione nell’Unione Europea (EU). “Siamo incoraggiati da questa autorizzazione e speriamo che i progressi per l’approvazione di prodotti geneticamente modificati nell’Unione Europea continuino,” ha dichiarato Paul Schickler, il Presidente di Pioneer Hi-Bred. “Noi chiediamo con urgenza che la Commissione e gli Stati Membri dell’Unione Europea autorizzino in modo analogo le colture geneticamente modificate per la coltivazione, in modo che gli agricoltori europei abbiano accesso alle stesse tecnologie degli agricoltori nel resto del mondo.”
I prodotti contenenti i caratteri stack (59122/NK603) sono stati valutati sicuri per l’uso nell’alimentazione umana ed animale, dall’autorita’ scientifica indipendente dell’Unione Europea, l’EFSA, nel dicembre 2008, ed erano gia’ stati autorizzati in otto paesi nel mondo. In attesa della pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale nei prossimi giorni, questo prodotto e’ adesso autorizzato per l’importazione nell’UE in accordo con le regolamentazioni comunitarie, incluse l’appropriata etichettatura e tracciabilita’ dei prodotti e dei loro derivati.
L’Herculex RW contiene il carattere Bt che fornisce una migliorata protezione naturale delle piante contro gli attacchi della diabrotica, con riduzione dell’esigenza di utilizzare insetticidi. Il gene Roundup Ready Corn 2 permette agli agricoltori di controllare le erbe infestanti in modo efficace nei loro campi.

La Cia (Confederazione italiana agricoltori), nel ribadire che gli Ogm non servono all’agricoltura, evidenzia l’esigenza di tutelare e valorizzare l’agroalimentare di qualità del nostro Paese. Un agroalimentare che ha, nell’agricoltura diversificata, tipica e fortemente legata al territorio, il suo fulcro portante.
Davanti al problema degli Ogm la Cia ribadisce i suoi punti fermi: sicurezza alimentare e principio di precauzione; tutela dei consumatori e dei produttori agricoli; salvaguardia e valorizzazione dell’agricoltura diversificata e saldamente legata alla storia, alla cultura, alle tradizioni delle nostre variegate realtà rurali; alla qualità e alle nostre sementi e colture produttive; certezze per gli agricoltori.

6 commenti

  1. ragazzi nessuno si domanda come mai stanno diminuendo in modo considerevole le api? gli insetti assieme al vento sono gli impollinatori , dei fiori dei futuri frutti , mai sentito parlare del problema fiore del mais? test sviluppati di recente accusano il mais della riduzione delle api , il trasgenico , il dott veronesi che lo appoggia? ci andrei coi piedi di piombo , meglio il bio . purtroppo il bio fra qualche tempo l unico spazio sui balconi’?

  2. Transgenici o geneticamente modificati, si può chiamare o spiegare in mille modi, ma naturale non è.
    La Commissione Europea può dare il via libera perchè la modificazione sta dentro a certi valori ma…
    Io non me ne intendo però penso che qualsiasi cosa manipolata ha i suoi effetti negativi: se qualche sostanza è presente in piccole quantità forse gli effetti si avranno fra trenta o quarant’anni ma ci saranno!

  3. ciao Davide non vorrei aprire una querelle ma ti rispondo , ho tanti amici agricoltori biologici fondatori di cooperative tra cui alcune storiche di Reggio : La Collina di Codemondo , La Lucerna di Gattatico ho partecipato a numerose riunioni con loro ti riporto quello che ho sentito da loro ; la scelte dell’agricoltura biologica è una scelta di vita alternativa alla logica industriale di tanti agricoltori che li sta portando alla rovina loro e il territorio non possono esserci compromessi , ed è l’agricoltura biologica che difende e riscopre i prodotti tradizionali del territorio con tanta fatica e sacrifici ma con il sostegno di consumatori responsabili riuniti in reti di sostegno e promozione dellA.B. CIAO ANTONIO

  4. Ovviamente i punti di vista sono molteplici.
    Da un lato l’utilizzo delle tecnologie per aumentare le rese produttive, aumentare i margini di profitto, ed aiutare a combattere la fame nel mondo.
    Dall’altra la salvaguardia della diversità genetica delle specie e la tutela della salute pubblica rispetto ai possibili problemi derivanti dall’ingegneria genetica.

    Il tema è tanto controverso quanto complesso(si entra nel dettaglio di meccanismi biologici)…e dietro a tutto questo le imprese che puntano al profitto non hanno molti scrupoli(per ragioni economiche)

    Voi che ne pensate?

  5. ciao scusate ragazzi ma c’è qualcosa che non mi torna , mi sembra di aver letto che a Reggio Emilia i prodotti Pioner vengono usati eccome , mi sembra che siamo stati invitati anche noi a un incontro a Guastalla della Pioneer con la CIA e una persona che ha partecipato anche all’ultima riunione ( non faccio nomi ) per parlare di mercatini biologici , a suo tempo ci aveva detto che la Pionner è una azienda SERIA !!! scusate ragazzi ma c’è qualcosa che non và saluti Antonio

    • Marco Dallai

      Tutto sta a cosa si intende per la parola “SERIA”. Una ditta può essere serissima anche se produce sementi geneticamente modificati.
      Ragazzi attenzione alle “PAROLE”, diamogli il giusto significato.
      Il discorso OGM è un altra cosa e io ne sono fermamente contrario. Per questo dobbiamo dare un giusto premio a tutti gli agricoltori contrari agli OGM e che per amore della terra intraprendono o continuano con la produzione BIO. Organizzare settimanalmente i “mercatini del contadino” sarebbe una già buona partenza!!!

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.