Home / Ambiente / Catricalà sul DL Ronchi – Bene provvedimento ma occorre vigilare. Perchè?

Catricalà sul DL Ronchi – Bene provvedimento ma occorre vigilare. Perchè?

Parliamo ancora di Acqua, bene pubblico da difendere e delle recenti importanti decisioni prese in merito.

Il 18/11/09, scuriosando fra le notizie relative al DL Ronchi, inerente L’acqua pubblica, ho trovato un articolo Ansa dal titolo: Acqua a privati, sì alla fiducia. Catricalà, ‘Bene provvedimento ma vigilare’, seguente la conferma della fiducia a Berlusconi (come mai deve continuamente chiederla?…) e al DL Ronchi.
Catricalà, il presidente dell’Autorità di garanzia per la concorrenza e il mercato, ha affermato “mi sembra un buon provvedimento perché dà luogo a una liberalizzazione da tanto tempo auspicata dall’Antitrust”.
Poi però ha sottolineato che “rimane da chiarire chi sarà l’Autorità che verificherà e stabilirà standard qualitativi minimi essenziali e che vigilerà sulle tariffe”. Catricalà si è detto convinto che “la proliferazione di authority non è un bene, se le Ato (le autorità territoriali), e quindi i Comuni, non hanno le capacità tecniche o l’interesse a intervenire per questa missione potrebbero chiedere aiuto ai prefetti”. Per quanto riguarda il rischio di un aumento delle tariffe dell’acqua, il presidente dell’Antitrust ha ricordato come “alcune associazioni abbiano espresso questa preoccupazione, preoccupazione che condivido se non ci sarà il controllo e la verifica da parte di un’autorità indipendente: se invece sarà chiaro di chi sarà la responsabilità – ha concluso Catricalà – spero che queste preoccupazioni possano rivelarsi infondate”.

Si sa che chi visse sperando…..

Prosegue poi spiegando : l’acqua “rimarrà un bene pubblico ma il servizio finalmente viene liberalizzato, il che non vuol dire necessariamente privatizzato, ma che si apre ai privati la possibilità di esercizio in questo servizio essenziale”.

E su questo Beppe spiega benissimo come chi gestisce le reti, gestisca anche il bene!

E poi il parere della Lega: “Il testo che è arrivato dal Senato é migliorativo rispetto a quello originario, però la Lega sull’articolo 15 (quello sui servizi pubblici locali, ndr.) avrebbe voluto migliorarlo per farlo corrispondere con la sua posizione storica a favore dell’acqua pubblica”. Lo dice il vice capogruppo della Lega alla Camera, Marco Reguzzoni, a proposito del decreto Ronchi in discussione in Aula alla Camera e sul quale è stata posta la fiducia. Il Carroccio presenterà un ordine del giorno al decreto, e non esclude la presentazione di proposte di modifiche già in Finanziaria.

Ma come accennavamo ieri, sono varie le posizioni storiche della Lega che non corrispondono più… che almeno questa la recuperino?

Poi l’articolo prosegue con un parere relativo all’attuale costo dell’acqua in Italia: L’Italia ha le tariffe dell’acqua tra le più basse del mondo. E’ quanto emerge dai dati forniti da Federutility e contenuti nel Blue Book 2009, sintesi della situazione dei servizi idrici nel Paese. Il nodo di un possibile rialzo delle tariffe è fra le questioni sollevate da quanti si dichiarano contrari alle norme sulla privatizzazione dell’acqua contenute nel dl Ronchi, sui cui è stata posta la fiducia.(…)
Una famiglia di tre componenti, residente a Roma, paga un importo complessivo di 177 euro per un consumo medio annuo di 200 mc di acqua. A Tokyo per la stessa quantità di paga il corrispettivo di circa 280 euro, a San Francisco poco più di 400; 430 euro a Helsinki, 560 a Bruxelles, 740 euro a Parigi, 800 a Zurigo e poco meno di 970 euro a Berlino. La città tedesca è in cima alla classifica per costi. Qui per il solo servizio di acquedotto vengono addebitati, ogni anno, 428 euro per famiglia, contro i 63 euro pagati a Roma.

E con questo cosa si vuole dimostrare?
Che senso ha paragonare i costi dell’acqua in varie nazioni senza tener conto degli stipendi di queste nazioni?
Il costo della vita in una nazione deve essere rapportato anche agli stipendi relativi!

Insomma, leggendo questo articolo mi é venuto da domandarmi…non é che per caso, prima ancora che il Decreto Ronchi mostri i suoi effetti, stanno già mettendo le mani avanti???

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.