Home / Sedute Consiliari / Consigli Comunali / Mi avvalgo della facoltà di non addurre motivazioni. NON RISPONDO!

Mi avvalgo della facoltà di non addurre motivazioni. NON RISPONDO!

Così mercoledì 28 ottobre, durante l’ultimo Consiglio Comunale, abbiamo assistito al vergognoso comportamento della triade (LEGA-PDL-UDC), senza dimenticare l’astensionismo alla nostra mozione dei rappresentanti di Guastalla Insieme (hanno votato a favore solo Villani di Uniti per Guastalla e Comunale del Gruppo Misto). Speriamo di potervi presto far leggere il resoconto della serata. Mai come per l’altra sera le riprese video sarebbero state più opportune… ne abbiamo sentite e viste delle belle… compreso le dichiarazioni allucinanti del segretario comunale che in merito alla nostra richiesta di chiarimenti su un eventuale ulteriore compenso da elargire al vice-presidente del consiglio comunale, ci ha risposto che quello non era il momento e contesto giusto per parlarne (la maggioranza ha richiesto tramite modifica dello statuto comunale di prevedere un vice-presidente del Consiglio Comunale).

A Reggio Emilia, il nostro Consigliere Comunale Matteo Olivieri, riprendendo l’accaduto dello scorso consiglio sostiene con un articolo sul blog Reggio5Stelle che “a Guastalla La Lega ha paura!“. Noi non sappiamo se sia paura ma di certo sappiamo che con un giochetto SQUALLIDO hanno deviato la discussione sulle riprese video e la Trasparenza, dal Consiglio Comunale alla Commissione Consiliare, che probabilmente valuterà il modo meno doloroso (per loro) per la partecipazione dei cittadini alle sedute del Consiglio.

Ma torniamo a mercoledì sera… Il momento più vergognoso è stato quando il capogruppo della maggioranza Fabrizio Mossini, legaiolo come Lusetti (come tra l’altro i più illustri Bossi “Voltagabbana”, Calderoli “Questa porcata l’ho fatta io” e Borghezio “quello della lezione ai neo fascisti francesi) ha chiesto di anticipare la discussione del punto 6 dell’ ODG e cioè “Integrazioni e modifiche al vigente Statuto Comunale”. Alla richiesta di spiegazioni si è avvalso della facoltà di non addurre motivazioni e quindi di NON RISPONDERE. Ma la vergogna non finisce qui, infatti la stessa maggioranza, a voce dei consiglieri Taboni e Gaioni, ha presentato due emendamenti di modifica dello statuto stesso, di cui uno diceva “La commissione Finanza ed Affari Istituzionali dovrà studiare il modo per realizzare e regolamentare le riprese del consiglio comunale“. A quel punto il giochetto era chiaro e limpido, hanno praticamente voluto rendere la nostra mozione sulle riprese video ininfluente, togliendo la discussione in merito all’intero consiglio comunale, della serie DECIDIAMO NOI E BASTA. Addirittura al momento della discussione della nostra mozione hanno chiesto se volevamo ritirarla… Cosa che ovviamente non abbiamo fatto.

Non si deve dimenticare che la triade delle meraviglie alle ultime amministrative non è andata più in là del 41,6 % delle preferenze e quindi vogliamo ricordare al Signor Mossini che NON AVENDO AVUTO IL CORAGGIO DI RISPONDERE alla richiesta di spiegazioni, non ha praticamente voluto rispondere alla maggioranza dei cittadini Guastallesi. Cari cittadini Guastallesi, questa è la loro TRASPARENZA, così tanto ventilata nella loro campagna elettorale. Certo che effettivamente non ci si può aspettare chissà cosa visto le manfrine che i loro più illustri colleghi stanno facendo al governo… Meditate gente meditate…

Ma pensandoci bene non è che la serata sia stata poi solo negativa per i cittadini Guastallesi… infatti diciamo loro che non dovranno contribuire alle spese di manuntenzione dei due microfoni di Gaioni e Taboni, dimostratisi, dopo cinque consigli in cui il dubbio era tangibile, perfettamente funzionanti… Ora però siamo un po’ preoccupati per il resto dei microfoni dei consiglieri della maggioranza… chissà se prima o poi constateremo anche il loro stato.
Inoltre, altro fatto positivo, sembra che il “campo di ricezione” dei cellulari all’interno della sala consiliare sia ottimo. Vero vice-sindaco Lusetti e consigliere Gaioni?

continua l’iniziativa “fai sentire la Tua voce”:
Se siete d’accordo sulla VERA TRASPARENZA e quindi alle riprese video in consiglio comunale,
e volete manifestare il Vostro pensiero in merito, potete farlo mandando una email al delegato ai rapporti tra cittadino ed istituzioni tramite il sito del comune di Guastalla (CLICCA QUI)

Mettete come oggetto “RIPRESE VIDEO IN CONSIGLIO” e volendo è disponibile anche il testo seguente per un più veloce “COPIA e INCOLLA” nel Vostro messaggio. Altrimenti siate pure liberi di scrivere il Vostro pensiero.

“Gentile Vice Sindaco Lusetti,
il Testo Unico degli Enti locali è chiaro sul carattere pubblico delle sedute del Consiglio Comunale e non esplicita nessuna limitazione ad eventuali fruizioni delle sedute stesse da parte dei cittadini, nè dirette nè indirette, cioè tramite registrazioni e riproduzioni o trasmissioni audio video. Eventuali sedute non pubbliche possono peraltro essere previste per particolari ed inderogabili motivazioni riguardanti la trattazione di dati sensibili, al di fuori di questi rari ed evitabili casi il dominio delle questioni trattate in Consiglio Comunale è pubblico. Da cittadino che paga le tasse e che si interessa alle sorti del proprio Comune, La prego pertanto di sostenere la proposta di buon senso avanzata dal Consigliere Davide Zanichelli della Lista Civica 5 Stelle in merito alle riprese video del Consiglio. Certo di un riscontro positivo, che può solo aumentare la fiducia nelle istituzioni, porgo distinti saluti.”

Davide Zanichelli dopo il Consiglio Comunale del 28 ottobre 2009 from Lista Civica 5 Stelle Guastalla on Vimeo.

9 commenti

  1. ero presente anch’io quella sera , avevo già assistito a un altro consiglio comunale e il clima era sempre surriscaldato , non so mi è venuta in mente la mia breve esperienza di consigliere nel 1999 , io ero all’opposizione nei Verdi il sindaco era Moreschi allora DS vi assicuro che il clima era uguale , questo per dire che l’atteggiamento arrogante di chi governa a volte è bi-partisan e che la strada per avere più democrazia è veramente lunga e difficile , ma penso anche che la nostra presenza è fondamentale per arrivare a questo , forza lista guastalla liberata speriamo di non mollare ciao a tutti Antonio Campanini

  2. consiglio pietoso. ad aassistere a questi spettacoli ci vuole coraggio,un velo pietoso anche sul presidente del consiglio fiorani che riprende più di una volta il pubblico presente minacciandolo di espulsione. probabilmente la fiorani dichiarerà il consiglio comunale di guastalla un sito d’importanza militare così da permettere l’intervento dell’esercito……..e questi vogliono trasparenza? mavalà……..

  3. Luca Pecchini

    Mi è stato riferito da un mio amico un fatto insolito.Infatti molti non si sono accorti dello scandalo da buffoni che è successo nella bagare generale:Qualcuno seduto in Giunta assorto nei suoi pensieri manda messaggini durante il consiglio (E’ UNO SCANDALO L’UTILIZZO DEL CELLULARE DURANTE IL CONSIGLIO COMUNALE E DA L’IDEA DI COME QUESTA GENTE PRENDA SUL SERIO IL COMUNE),poi in modo sfuggente,ma non ad un occhio attento,sbisbiglia molto probabilmente al destinatario di guardare nella borsa.
    Il destinatario,presa la borsa,legge il cellulare!!!!!!

    COME I BAMBINI DI 10 ANNI A SCUOLA ELEMENTARE…..

    (Tralasciando l’ulteriore fatto che chi si astiene da una votazione,ossia dal suo incarico, sembra molto il ragazzino che si giustifica alla prima interrogazione!!!Meglio che si autosospenda)

    Ovvio che il mio amico non ha la sicurezza totale che l’sms mandato sia quello ricevuto e nemmeno la possibilità di controllare(bisognerebbe controllare il cell del mittente e destinatario su cui le prove saranno ormai cancellate),ma se la tesi fosse stata verificata,dimostrerebbe che qualcuno in consiglio è più che altro preoccupato a manovrare il comportamento e le frasi delle sue marionette o in modo fisico o per via telematica….
    Certo ci si può sbagliare in quanto esseri umani fallaci,ma non sarà che il contenuto dell’sms diceva di non rispondere assolutamente e stare zitti???

    Poi si è passato al passaparola ad orecchio detto tra i ragazzi anche gioco del telefono e ai messaggini su foglio,poi all’uscita in bagno contemporanea,ci mancavano solo i piccioni viaggiatori o il linguaggio alfabetico muto o i segni in codice della briscola…

    Questa non è una critica,anzi!Solo un modo per dirvi che qualcuno tra le persone presenti non è così fesso come credete che sia.Vi chiediamo che se dovete prendere per i fondelli il pubblico guastallese in consiglio,la prossima volta almeno fatelo con meno ingenuità o almeno davanti a tutti senza questi comportamenti penosi.
    Mia nonna diceva che se devi proprio rubare la marmellata perchè sei ipoglicemico,almeno fallo senza che ti becchino o fallo davanti alla nonna potrai sempre dire che stavi morendo di fame.

    Rocordo che questo discorso è sempre se il mo amico ha ragione….

    Ai posteri l’ardua sentenza…..

  4. Anch’io c’ero quella sera: era il mio… “primo” consiglio comunale: inutile dire che mi è stato subito chiaro il motivo per cui la gran parte della gente “normale” si sente così distante dalla politica! Comunque, tutto quello che ho visto, mi ha convinto ancor di più che a queste persone, non gliene importa niente dei guastallesi. Dovrebbero essere animati dalla voglia di gestire al meglio il bene comune, e vivere questa esperienza, quasi come… una “missione” (…del resto, non dovrebbe essere così, la VERA politica???) Invece è evidente che loro NON hanno la minima intenzione di rendere conto delle loro decisioni e che a loro non importa sapere cosa pensano gli altri. Quindi, ancor meno, hanno voglia di rendere pubblico il Consiglio Comunale. E’ seccante che si nascondano ancora dietro alla “balla” della privacy (…privacy de chè?) Peccato, però: il neo sindaco, ci aveva quasi convinto, quando diceva che lui era del tutto favorevole a questa cosa… ma è stato in campagna elettorale: nel frattempo, per qualche misterioso motivo, deve aver cambiato idea!!!!!

  5. intanto della facoltà di non rispondere si può avvalere un imputato o indagato diciamo che qualcuno in consiglio pubblico ,si è avvalso della non obbligatorietà a scoprirsi (cioè a dichiarare cose che gli possono nuocere) io le vorrei sapere visto l’incarico pubblico che ricoprono.
    Vorrei sapere inoltre come mai a fiumicino gli è stata tolta la possibilità di replica nonostante il sindaco si sia espresso in modo personale sulla vicenda “gazebo”definendola “mossa penosa”
    Vorrei chiedere a Mossini le motivazioni che hanno portato ad invertire l’ordine del giorno.
    Vorrei chiedere al segretario perchè non era la sede dove discutere o rispondere alle domande sul vice-presidente riguardanti compensi e motivazioni all’incarico.
    Forse dal punto di vista giuridico avete potuto fare tutto questo ma vi do un consiglio,rispondete perchè solitamente chi non risponde o ha qualcosa da nascondere oppure è un maleducato e poi siamo in un consiglio e io sono una cittadina.

  6. Ho già commentato ieri “a caldo” il vergognoso consiglio comunale.
    Oggi però “a freddo” vorrei anche soffermarmi sull’astensionismo della mozione da parte di Guastalla Insieme… PD… ed il mio pensiero è diventato più chiaro.
    L’astensionismo “per caso” significa che se fossero stati alla maggioranza avrebbero votato (pure loro) CONTRO la mozione… perchè forse non hanno alcuna intenzione di essere ripresi e quindi rendere conto ai cittadini??? Mha!!!

  7. la vostra indignazione è la mia indignazione.quello che è avvenuto mercoledi sera ha dell/incredibile.a semplici domande nessuna risposta.a domande forti nessuna risposta.addirittura vi segnalo che nessuno(!!!!!!!!!!)della maggioranza ha sentito il dovere di intervenire sulla mia mozione x ritiro ordinanza anti mendicanti.neppure la dichiazione semplice di voto contrario.!!!!
    il capogruppo mossini non sente.non vede e sopratutto non parla:!!!!!!!!!!!

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.