Home / Politica / Luigi de Magistris: La rivincita dei diritti

Luigi de Magistris: La rivincita dei diritti

parlamentoeuropeoDa una nota su Facebook di Luigi De Magistris (Domenica 11 ottobre):
« La settimana che si è appena conclusa è stata caratterizzata da due eventi molto importanti. In Italia, la Corte Costituzionale ha ripristinato la Costituzione violata sancendo l’illegittimità del Lodo Alfano (che prende il nome dal Ministro dell’ingiustizia) in quanto in contrasto con l’art. 3 della Costituzione, pilastro di ogni Stato di diritto, che sancisce l’uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge. Un giorno storico: il diritto si prende la rivincita sulla ragion di stato perseguita in violazione di legge dalla maggioranza parlamentare del nostro Paese con un provvedimento che non andava promulgato.

In Europa, il Parlamento Europeo ha respinto la richiesta del partito popolare (in testa il PDL ed in coda l’UDC, con la stampella della Lega del nazifascista Borghezio) di non discutere della libertà e del pluralismo dell’informazione in Italia, come richiesto da IDV e PD, oltre che da tutti i gruppi del centro-sinistra. Segno evidente che si tratta di un problema non solo tristemente reale, ma anche di competenza del Parlamento Europeo, contrariamente a quanto sostenuto in Italia da parte di chi, evidentemente, reputa che in Europa non si debba parlare di diritti e di democrazia violate, sempre in virtù di una presunta ragion di Stato.

Alcuni giorni fa su un quotidiano di proprietà della famiglia Berlusconi l’On. Ronzulli aveva sostenuto che discutere in Europa di informazione indipendente e pluralista significava essere anti-italiani mettendosi a rischio la reputazione del nostro Paese. E’ esattamente il contrario. La discussione in Parlamento ha evidenziato quanto i parlamentari del centro-sinistra (italiani ed europei) hanno posto la questione in termini corretti e generali chiedendo una direttiva della Commissione che valga per l’Italia come per tutti i Paesi dell’Unione e che impedisca conflitti di interesse e garantisca la libertà, il pluralismo e l’indipendenza della stampa e dei mezzi di comunicazione radio-televisivi.

Lo spettacolo che ci ha fornito la componente PDL del centro-destra europeo è stato a tratti inqualificabile per l’immagine del nostro Paese: interruzioni continue, espressioni volgari, atteggiamenti da risse al mercato, gesta guappesche come si direbbe a Napoli, il continuo riferimento al loro padre-padrone per timore di non essere adeguatamente proni alla sua volontà, per chiudere, poi, con gli anti-europeisti della Lega che hanno dimostrato ancora una volta di essere la vera spalla forte del piduista-golpista.

I parlamentari fautori dell’informazione di regime hanno avuto una chiara lezione di diritto, oltre che politica. E’ stato sconfitto anche il tentativo del PDL di isolare IDV all’interno del Parlamento: noi siamo orgogliosi di essere stati la prima linea di questa lotta per un diritto fondamentale e lo saremo ancora quando ci sarà da difendere la solidarietà, l’uguaglianza, la libertà, la giustizia, la democrazia violata, in Italia come altrove. »

Un commento

  1. Pingback: Luigi De Magistris

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.