Home / Legambiente, ponte sullo stretto un teatrino del Governo

Legambiente, ponte sullo stretto un teatrino del Governo

Secondo Legambiente il Governo, a proposito della costruzione del ponte di Messina, sta mettendo in atto un vero teatrino. Non esiste né un progetto definitivo né un piano finanziario al riguardo. Da dove si recupererà la cifra mancante per la realizzazione di questa imponente opera?

“Sulla prossima realizzazione del Ponte sullo Stretto, quello che il Governo continua a sostenere è uno spettacolare teatrino”. Così Legambiente interviene a commento delle parole del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Altero Matteoli: “A Dicembre non verrà inaugurato il cantiere del Ponte sullo Stretto, anche perché non esiste ancora né un progetto definitivo né un piano finanziario al riguardo. Il presidente del Consiglio Berlusconi potrà sì mettere la prima pietra ma solo di una linea ferroviaria progettata e pagata (30 milioni di euro) dalle Ferrovie dello Stato in località Cannitello.

E’ questa l’unica certezza, insieme al fatto che sono stati immobilizzati dal Cipe 1,3 miliardi per il progetto del Ponte quando interventi ben più urgenti in quella parte d’Italia sono rinviati. A partire dalla messa in sicurezza del territorio fino al raddoppio della linea ferroviaria Palermo-Messina”.

“Sarebbe urgente chiarire” – continua Legambiente – “da dove si pensa di poter recuperare la cifra mancante per la realizzazione della mega opera e smetterla con gli annunci. Nello specifico chiarire da dove si prenderanno i fondi che mancano all’appello per far partire l’opera: 1,5 miliardi di fondi pubblici e soprattutto 3,5 miliardi di fondi privati di cui oramai non si sente neanche più parlare visto anche il periodo di recessione internazionale e le difficoltà delle banche”.

Legambiente lancia un allarme, il Governo in queste settimane attraverso il Commissario Ciucci si è occupato di firmare gli accordi con il General Contractor: “non vorremmo che ci si trovasse, tra qualche tempo, con delle clausole nel contratto tali per cui tornare indietro diventerà di fatto impossibile anche nel caso di assenza di risorse private”.

Fonte: “terranauta”

2 commenti

  1. davanti agli occhi di tutti gli italiani Silvio&Co sta smontanto lo stato italiano, forse sarà vero, come mi dicono molti suoi elettori che non ha aumentato le tasse, ma in compenso ci sta togliendo tanti servizi che prima avevamo in nome delle riforme, per destinarli ad altri progetti fatti su misura per poter essere messi in mano ai soliti faccendieri.

    Lo sapevate che appena Tecnimont vinse l’appalto come ente verificatore delle opere del Ponte sullo stretto di Messina venne acquistato da una holding ?
    Al tempo ero progettista per una parte di un impianto petrolchimico in Iran con capocommessa Tecnimont . Ci dissero che la nuova proprietà aveva bloccato tutti i progetti per verificarne la remunerabilità. Dopo un po’ di tempo conclusi il progetto ed in Tecnimont mi spiegarono che la holding faceva capo a coloro che hanno avuto l’appalto per la costruzione del ponte !
    In pratica il costruttore è anche il suo controllore…
    alla faccia del conflitto di interessi.

  2. …ma in una puntata di Report non dicevano che ci sono già dei cotratti vincolanti???….
    …ovviamente spero di ricordare male!….

    I ponte é una emerita Ca##ata!!…e non certo da quando lo dice Legambiente (…legambiente…beh…)
    “Esso” si diverte a fare il teatrino (ovvio…é un buffone!) ma può farlo solo perché esiste chi paga e applaude!!!!!!! …!!@##@!!$##!!!….

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.