Home / Politica / Lega Nord: Giancarlo Gentilini condannato per razzismo

Lega Nord: Giancarlo Gentilini condannato per razzismo

gentilini_razzismoEra lo sceriffo di Treviso, ora non potra piu’ parlare a comizi politici. Giancarlo Gentilini, vicesindaco di Treviso, leghista della prima ora, e’ stato condannato dal Tribunale di Venezia per aver usato parole troppo forti contro gli immigrati e contro la possibilita’ di aprire moschee in Italia.

Gentilini aveva detto la sua dal palco del raduno della Lega di Venezia nel 2008. Parole forti, come e’ nel costume dello ‘sceriffo’, gia’ noto alle cronache per le sue esternazioni colorite. Ne era seguita una denuncia con l’accusa di istigazione al razzismo. Il Tribunale di Venezia, in rito abbreviato, ha accolto la tesi dell’accusa condannando Gentilini a 4000 euro di multa e sospensione per tre anni dai pubblici comizi. L’accusatore era il procuratore Vittorio Borraccetti che aveva chiesto 6000 euro di multa pari a 1 anno e 5 mesi di reclusione.

Il difensore di Gentilini, avvocato Luca Ravagnan, ha gia’ annunciato ricorso in appello sostenendo che ‘non c’era alcuna maliziosita‘ contro le razze ma il sostegno ad idee ben note nel mio assistito finalizzate all’integrazione tra etnie diverse’.

Gentilini sostiene di essere sempre pronto ad esporsi in prima persona ‘mentre c’e’ sempre qualcuno pronto a spararmi alle spalle’. Il vicesindaco di Treviso quest’anno ha partecipato, acclamatissimo, al raduno veneziano di settembre, ma non ha parlato dal palco.

Fonte: “www.agi.it

Il Blog di Guastalla 5 Stelle è uno spazio aperto a vostra disposizione, è creato per confrontarsi direttamente. L'immediatezza della pubblicazione dei vostri commenti non permette filtri preventivi. L'utilità del Blog dipende dalla vostra collaborazione per questo motivo voi siete i reali ed unici responsabili del contenuto e delle sue sorti.

Avvertenze da leggere prima di intervenire sul blog di Guastalla 5 Stelle
Non sono consentiti:
- messaggi non inerenti al post
- messaggi privi di indirizzo email
- messaggi anonimi (cioè senza nome e cognome)
- messaggi pubblicitari
- messaggi con linguaggio offensivo
- messaggi che contengono turpiloquio
- messaggi con contenuto razzista o sessista
- messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

Per rispondere ad un commento è necessario utilizzare la funzione "Rispondi al commento".

Comunque il proprietario del blog potrà in qualsiasi momento, a suo insindacabile giudizio, cancellare i messaggi.
In ogni caso il proprietario del blog NON potrà essere ritenuto responsabile per eventuali messaggi lesivi di diritti di terzi.